Le sardine litigano. Di nuovo

Condividi questo articolo


Ma povero. Ma cucciolo. Lui pensava lui credeva lui provava a farsi una posizione, aveva pure fronteggiato eroicamente gli attacchi delle bestie della Bestia. E pianti, vittimoni, indignazioni, intervistoni, allettanti promesse, “noi ci saremo sempre”, “noi non ti lasceremo”, “di noi ti puoi fidar”, “gli impresari di partito mi hanno fatto un altro invito e hanno detto che finisce bene se ci vado pure io al raduno generale della grande festa nazionale”, e, infine, di tanta speme questo oggi gli resta: “Ah, le Sardine non sono un movimento democratico”. Un altro morde la polvere di stelle, Sergio Echamanov è uscito dal gruppo. Ma povero. Diceva che il mondo ce l’aveva con lui, si era rivolto anche a questa Cathy qualcos*, la autocandidata sindac* di Bologn*, quell* che tutti gli anni nello stesso giorno ha le impressioni di settembre di aver a fare con un rider che le porta i fiori o le pizze, adesso non stiamo a spaccare il capello; e invece, povero Sergio, si scopre sedotto e abbandonato. “Com’è triste il Sardina, soltanto un anno dopo, com’è triste il Sardina, se non si sguscia più”.

Tutta colpa di quella Sardina cattivona di Mattia, più cattiva di Matteo, che, ma vedi un po’, non è un sincero democratico: ben svegliati, solo voi potevate fare i pesci in barile, credere che un Politburo sotto sale come questo potesse lontanamente tradire dinamiche men che comuniste: 4 amici al bar e l’intendenza che segue, crede, obbedisce e combatte per la causa. “Si cercano parole, che nessuno dirà, e si vorrebbe piangere, non si può più”. Sono finite le lacrime e anche i comandamenti da sardiminkia: “Noi pretendiamo…”. Ricordate? Ora Sardina Sergio rivela clamorosamente: “Molte decisioni calate dall’alto avevano già iniziato a farmi storcere il naso ma adesso non ascoltano più nessuno, tante delle iniziative recenti delle Sardine, dalle piantine in piazza Maggiore alle scritte anti-razziste nelle città, non sono state concordate.

O quantomeno gli attivisti non vengono contattati per collaborare o partecipare”. Straziante. Le piantine in piazza Maggiore. Le scritte anti-trattino-razziste. Poi va sempre a finire che piove, ovvero i razzisti sono loro, c’è sempre una sardina più sardina che ti si cuoce. E la vita l’è strana, l’è strana, basta una Sardina, Sardina, che ti taglia la testa, è finita la festa. Lontani i tempi delle adunate, dei trionfi mediatici, delle foto con i noti proletari Benetton, che giorni, Dio che giorni: “Piazze e centri sociali, si aprono per noi, ma non lo sanno che, ormai tu non ci sei, com’è triste Sardina, di sera, la sede Pd, se si cerca in una mano, che non si trova più, si fa dell’ironia, davanti all’investitura, che un dì t’ha vista mia, e non ti vede più”.

Aspetta primavera, Sardina. Tanto non sei la prima e non sarai l’unica: se digiti su Google “sardine litigano” vengon fuori 153 mila risultati, roba che al confronto le faide interne al vecchio Pci ma pure alla vetusta Dc impallidiscono: “Napoli, sardine litigano con i centri sociali” (praticamente fra loro); “Liti e profili bannati, le sardine litigano a Pistoia”; “Bologna, M5s e Sardine litigano per la piazza e si attaccano sui Benetton”; “Basilicata, sardine lucane contro Santori: “chi ti ha scelto?” Noi non rappresentati”. Come, chi lo ha scelto: Zingaretti e Bonaccini, chi vuoi che sia. “Puglia, flop sardine e scoppiano i litigi”; “Lazio, sardina leader romana attacca i bolognesi: siete antidemocratici”. Eccone un altro, e qui siamo già allo scontro ultrà da curva. La sardina leaderina era Stephen Ogongo, uno che le aveva tutte ma non è bastato, i bolognesi alla fine se ne son fottuti che lui fosse Black Lives Sardines, comunista e sardinista: chi è dentro è dentro chi è fuori è fuori. Sembra il bollettino dei naufraganti: previsioni del maltempo, tempesta in arrivo dappertutto.

“Addio sardine in bianco, che un giorno salutaste, quei membri neri in brfanco, addio anche da lor”. Sardine tanto buonine, buonine come piranha: chi deflette, affoga. Non si fanno sconti, neppure alle donne che, in quanto tali, dovrebbero essere indiscutibili: invece la sardina da balcone, Jasmine, ha avuto pure lei le sue sardine da pelare; bisogna capire: sardine sono tante, milioni di coglioni, ma pochissimi i posti da assegnare e già prenotati: c’è il giocatore di frisbee, l’avvocato della commodora Carola Rackete, un paio di pretoriani e tutto il resto è boria. Innamoratissimi, di tante poltronissime, innamoratissimi, il lor cuore batte perché il potere è tutto. Specie se non hai alternative, perché non sai far niente.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


36 Commenti

Scrivi un commento
  1. Monti, Saviano, Fico, Prodi. Basta citare siffatti giganti del pensiero, di recente esibitisi in un accorato endorsement del ‘sardinismo’, per esprimere un giudizio tombale su Santori&Co.

        • Peccato che essendo tu un dietrologo, e pure “de sinistra”, a furia di far dietrologia secondo gli insegnamenti di Travaglio, l’unica cosa che riesci a vedere é il tuo buco del ****. Vabbé ! É noto che per tipi antropologici come te, seguaci della setta del “Piú Grande Giornalista di Serie B”, il mondo sta tutto in quell’unico orizzonte che il loro sguardo puó abbracciare, e direi che, oltre che repellente, é quantomeno monotono. Comunque non é colpa della destra e dei liberali se la natura non rispetta l’uguaglianza e lascia che vengano al mondo dei poveri di spirito del tuo genere. Il guaio per noi é invece che tu quotidianamente insisti a mostrarcelo nei tuoi commenti, il tuo cosiddetto “orizzonte”, e sinceramente non é uno spettacolo edificante. Forse se andassi su un sito piú adatto, magari di genere pornografico, qualche like invece degli spernacchiamenti che ti prendi qui, lo prenderesti. Pensaci.
          Nel frattempo saluti a tutta la banda SAL (Sinistra Anonima Lobotomizzati) con l’aggiunta di Kim, il nostro narcoinsurrezionalista sempre più “narco”.

          • Comunque resta la piacevolissima i n c h i a p p e t t a t a dell’Emilia Romagna.
            Spettacolo molto edificante!

    • Kim Jong-un, se tu avessi un minimo di conoscenza della storia politica italiana nel dopoguerra, non avresti sproloquiato con una battuta che rivela solo la tua profonda ignoranza della materia.

      Il Partito comunista in Emilia-Romagna non ha affatto vinto grazie a quattro misere sardine, che non contano nulla. Ha vinto a motivo del sistema clientelare che ha saputo costruirsi dal 1945: un sistema di clientele e di affari, leciti e illeciti, che presenta molti aspetti simili a quelli della mafia in Sicilia, con l’unica differenza che non si ricorre agli omicidi. Insomma, una “cupola” clientelare e affaristica.
      È per tale motivo che il Partito ha vinto ancora una volta, pur perdendo consensi rispetto alle percentuali bulgare del passato.
      … … …
      Ma a che scopo perdere tempo per parlare con uno come te?
      Tu sei solo un gradasso ignorante, e la tua ignoranza è pari solo alla tua ottusità e alla tua arroganza.

      • basta confrontare i dati delle elezioni europee e comunali di alcuni comuni a forte tradizione rossa: europee 60% cdx e poi per le amministrative locali 65% csx: segno evidente di legami clientelari

          • Kim e Sal sono due dietrologi “de sinistra” (stile Travaglio) che a furia di retropensieri l’unica cosa che vedono e guardano é il proprio buco del ****. Peró una lancia in favore di Kim bisogna spezzarla: lui non “caga” al contrario di Sal che, molto poco furbo, lo fa in continuazione. Allora, anche un dietrologo con un minimo di perspicacia dovrebbe capire che se “caga” quel che “caga” non puó che finirgli in faccia. E infatti si vede.

          • No, Valter, no! Tu hai svelato il trucco al nostro Sal: il trucco è tacere, come fa Jong-un.
            In tal caso però io perderei lo spasso: a spernacchiare senza reazione dello spernacchiato ci si diverte di meno! Ma, per mia fortuna, Sal è troppo tonto per capirlo e cosí continuerà ad abboccare.
            Risultato finale: ennesima crisi isterica.

            Non è vero, mio buon Sal?

          • Ormai non vi caga più nessuno e i vostri peti non li legge più nessuno.
            Blaterate a vanvera!

  2. Sardine in “saor”. Piatto tipico veneziano e veneto.
    Ingredienti e preparazione, per 4 persone.
    700 grammi di sardine freschissime, 1400 grammi di cipolle bianche, farina 00, olio di arachidi, olio extra di oliva, sale, pepe, mezzo bicchiere di aceto, 1 cucchiaino di zucchero.
    Preparazione: prendete le sardine, levate testa e interiora, lavatele bene sotto acqua fredda. Asciugatele e infarinatele per bene, togliete la farina in eccesso e friggetele nell’olio di arachidi bollente. Quando sono rosolate su entrambi i lati, deponetele su carta che assorba l’olio e cospargetele di sale.
    Cipolle: preparate le cipolle tagliate a fettine molto sottili e friggetele nell’olio di oliva.
    Appena sono dorate nel tegame delle cipolle aggiungete sale, pepe, un cucchiaio di zucchero, mezzo bicchiere di aceto e lasciate evaporare l’aceto.
    Togliete la pentola dal fuoco: quello è il “saor”, sapore in dialetto.
    Prendete una terrina profonda e alternate sardine e saor fino a concludere.
    Aspettate che le sardine si insaporito per due giorni. Servitele fredde.
    Da leccarsi i baffi, anche le signore senza.
    Avvisate Santori e via, tutti a tavola.
    Anche le sardine servono a qualcosa.
    Buon appetito.

  3. Fenomenologia della sardina

    Son sardina
    son gretina
    son la gioia del piddí
    son l’orgoglio di Bergoglio
    se sol faccio la pipí.

  4. @Bertoncelli. Ma cosa sono queste sardine? Roba che su mangia?
    No, sono quelle che hanno contribuito a far vincere Bonaccini e quindi a cacciare Bergonzoni e quello che suona il citofono dall’Emilia Romagna.

    • Leggi l’altro mio commento.
      … … …
      In Emilia-Romagna il Partito è tutto, le sardine non sono nulla.
      Ma anche l’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche è crollata. È crollata perfino la Democrazia Cristiana.
      Verrà pure la volta del Partito: la Liberazione!
      Dopo la liberazione dal Fascismo, vedremo la liberazione dal comunismo in salsa emiliana: una “cupola” clientelare e affaristica che appesta la regione dal 1945.

      Settantacinque anni di clientele e di malaffare.
      Quasi come la mafia in Sicilia.

    • … PD 34.69
      lega 31.95
      differenza 2.74
      … e siamo nella regione rossa per antonomasia …
      c’è proprio di che vantarsi …

  5. Complimenti come vorrei saper scrivere come lei ! Anche di un millesimo mi accontenterei ! Propongo di ributtarle a mare …saranno cibo per altri pesci !

  6. @Sal
    Eravamo tutti in attesa di leggere il Suo interessante – e di altissimo profilo -commento, sig. Sal. E non ci ha deluso…

  7. Che bei commenti! Tutti di altissimo profilo!
    Certo la prosa raffinata di Del Papa si ingaglioffisce un pochino ma pazienza! Quando c’è folluccia osannante c’è tutto!

    • C’è poco da far ironia, si corre il rischio d’essere patetici.
      Piuttosto, Sig. Sal, In fondo al cortile, a sinistra, vi sono due panchine, una per gli scemi e una per i falliti.
      Una dritta da amico, quando sceglie quella degli scemi avrà diritto alle mentine e al bavaglino. Sa com’è la saliva quando scorre schiumando rabbiosa. ;-))

    • Sig. Sal, in fondo al cortile a sinistra, c’è la panchina per lei. Si accomodi, le serviranno le mentine. Le signorine l’aiuterannoad indossare la bavaglina. Disponibili in diversi colori

      • @Giuseppe Spotti

        Dov’è Luca Beltrame con il suo tormentone “ad hominem”?
        Sparito? Liquefatto?

        PS A me mancano decenni prima di finire su una panchina!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *