in

Moneta e libertà, la lezione attuale di Fiume

Buongiorno amici, oggi vi voglio parlare di un argomento non di stretta attualità, ma che è una delle mie passioni. E dopotutto nemmeno così lontana da quello che stiamo vivendo in questo momento. Sono a Fiume (Rijeka in croato) la città che esattamente cento anni fa – il 12 settembre 1919 – D’Annunzio invase, o meglio occupò, dando vita alla reggenza del Carnaro. Quella di Fiume è stata un’impresa molto studiata e sempre interpretata come un’anticipazione del fascismo. Ciò è vero solo in parte: Mussolini e il fascismo presero da D’Annunzio gli slogan e il modo di fare propaganda (il discorso dal balcone e così via) ma in termini ideologici la carta del Carnaro segna una distanza netta dal fascismo-regime. È più simile invece al fascismo delle origini del sansepolcrismo (la costituzione del Carnaro venne scritta da D’Annunzio insieme ad Alceste de Ambris, l’autore del programma dei sansepolcrista).

Ma lasciamo i rapporti col fascismo: voglio parlarvi dell’occupazione di Fiume, che fu (anche) un momento libertario. Qui, infatti, affluirono artisti avventurieri come Guido Keller o Giovanni Comisso e tantissimi altri, i quali sperimentarono un modo di vivere reazionario e al tempo stesso libertario. Keller, ad esempio, era bisessuale, faceva uso di cocaina, oltre che un grande aviatore ed eroe della Prima guerra mondiale.

Fiume fu figlia del mito della vittoria mutilata: la Prima guerra mondiale era stata vinta dall’Italia, che però non aveva ricevuto quei vantaggi territoriali che si aspettava. Fiume era stata dichiarata dal trattato di Rapallo “città libera”, ma i dannunziani volevano che fosse una città italiana o addirittura annessa all’Italia. Fiume, dunque, fu un’impresa nazionalista. Ma di un nazionalismo molto diversa dall’idea di nazionalismo in auge successivamente. Quegli uomini erano convinti che il Risorgimento fosse stata una cosa giusta, ma realizzata nel modo sbagliato perché aveva soffocato le libertà degli Stati italiani allora esistenti e mortificato la diversità delle popolazioni italiane.

Condividi questo articolo

3 Commenti

Scrivi un commento
  1. Circa la “sovranità” della moneta, il punto è sempre il solito: non deve essere manipolabile da chi detiene il potere.
    E’ un semplice ed ovvio concetto basilare di rispetto della proprietà privata, che deve essere difesa e non soggetta all’arbitrio dei poteri, siano politici, “tecnici” bravissimi, o chiunque altro.
    Il resto rileva poco.

  2. Et bien, cher Monsieur, c’est vous qui auriez dû faire les dernières émissions de France Culture qui prétendaient expliquer “l’entreprise” de d’Annunzio à Fiume. Ce que vous dites est tout autre chose que ces propos aseptisés et politiquement corrects “sur la Première guerre mondiale” (tout cela en bloc….et tutti quanti !) qui n’expliquent rien de l’originalité de “l’expérience” fiumaine.

    Merci à vous.

  3. Interessante l’articolo
    Ma vivendo in Croazia, l’unica cosa che da queste parti si scrive sulla faccenda “Fiumana” è che era una cosa fascista. in più in un articolo sul uno dei più “letti” giornali croati, il Večerni List, si parlava, non tanto di libertà e di illuminismo, con tanto di arrivo di artisti, come l’articolo scrive, ma di torture ecc., ecc. addirittura, in una trasmissione in una radio del friuli in giunta del comune dei Ronchi dei legionari, voleva addirittura far togliere: dei legionari, in quanto ricordava quella vicenda considerata tutta fascista.
    Ora, è vero che i vincitori scrivano la storia, ma tra questo articolo e quello che si ascolta o si legge oggi, vi sono differenze estreme.
    Come facciamo a capire bene la verità se non abbiamo tutti quanti la conoscenza della storia, in maniera perfetta?
    Insomma, la storia viene continuamente rifatta, secondo le mode. Una volta per tutte, mi piacerebbe, che la storia, scrivesse la verità.
    un caldo saluto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.