in

L’Iss svela quando torneremo alla “normalità”: mai

Lo studio dell’Istituto superiore di sanità e della Fondazione Kessler non lascia scampo

Dimensioni testo

In principio fu il 60% per cento della popolazione vaccinata. Poi si passò “grosso modo” al 70% e avremmo ottenuto l’immunità di gregge contro Sars-CoV-2. Sarebbero dovuti bastare 42 milioni di italiani con la puntura al braccio: ne abbiamo raggiunti 45,5 milioni, con la terza dose già avviata, eppure la promessa “normalità” non si vede ancora all’orizzonte. Dicono sia colpa della variante Delta, che prima ha “spostato” l’asticella all’80% di immunizzati e poi, raggiunta quella soglia, ha fissato al 90% la “quota di sicurezza per evitare tornate di fiamma della pandemia”. L’obiettivo non sarebbe così lontano, visto che il contatore segna l’86,8% di popolazione coperta col siero anti Covid, e noi tutti speravamo di poter presto festeggiare la fine dell’epidemia grazie alla vaccinazione di massa. E invece? Invece no. Ieri l’Iss ha reso noto ciò che forse conosceva da tempo. Ovvero che la normalità la riconquisteremo “l’anno del mai e il mese del poi”. Tradotto: non vi fate illusioni, non vi lasceremo liberi.

Se non è un modo per costringerci allo stato di emergenza infinito, poco ci manca. Ieri è emerso uno studio realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità assieme alla Fondazione Bruno Kessler secondo cui il “ritorno alla vita pre-pandemia” potrebbe essere raggiunto in sicurezza solo con il superamento del 90% di vaccinati over 5. E qui le sorprese, o meglio le fregature, sono due:

1. per la prima volta viene richiesto di oltrepassare, e non solo raggiungere, la soglia del 90% dei vaccinati. Quindi in pratica bisognerebbe costringere anche i più riottosi No Vax in stile Forza Nuova per soddisfare il desiderio dell’Iss. Impossibile.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
128 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
valentina
valentina
17 Novembre 2021 11:57

Che non sarebbe finita mai e che fosse quasi tutto pretestuoso i più svegli e liberi se n’erano ormai accorti

Pippo
Pippo
20 Novembre 2021 10:12

Non c’è, nella realtà, alcuna emergenza sanitaria. La pandemia è solo un pretesto per soggiogare le masse, ma gli ipnotizzati non possono accorgersene. I vaccini ovviamente non servono a controllare il virus, ma ad altro.

Aldo Stinga
Aldo Stinga
18 Novembre 2021 16:55

NON mi è piaciuto perché contiene il NULLA. L’ articolo parte male da un titolo assurdo e continua peggio riferendo l’inutile studio ISS che IPOTIZZA il ritorno alla normalità mediante vaccinazione al 90%. Non poteva l’articolo concludere, SEMPLICEMENTE, dicendo che il ritorno alla normalità, ma certo non alla normalità di prima quando non c’era il coronavirus, avverrà NORMALMENTE tra non molto, quando la maggior parte di noi sarà vaccinata o avrà avuto il covid, il virus avrà poco spazio operativo e si indebolirà trasformandosi in una influenza simile all’attuale con qualche centinaio di morti all’anno tra persone anziane e malate.

gndnn09
gndnn09
18 Novembre 2021 11:33

Che questo maledetto delirio non sarebbe mai finito è chiaro da almeno un anno.
E’ come pretendere di azzerare i casi di raffreddore mediante vaccino.

Angelo 57
Angelo 57
18 Novembre 2021 9:19

Solo le pietre non l’hanno capito che il virus non è un normale povero virus qua parlia di “Chimera” un super virus che si modifica ogni qual si voglia non c’è vaccino che tenga che Dio ce la mandi buona

Benny
Benny
18 Novembre 2021 8:42

E di che cosa ci preoccupiamo? Hanno già fatto trapelare che prorogheranno lo stato d’emergenza, che già non poteva essere prorogato fino al 31.12.21, a giugno 2022. Promesse da Draghi. Altro che promesse da marinaio

Barbara
Barbara
17 Novembre 2021 23:42

Non mi serve essere costretta, ma essere rassicurata e capita. Con la 1a dose del vaccino sono stata male, nessuno mi ha spiegato davvero cosa mi sia successo e perché. Ma per vaccinarmi voglio risposte, non ipotesi. E poi il lato psicologico: i tamponi, l’ansia che questi tamponi siano aumentati, o aboliti. L’ansia dell’obbligo. Le persone che non ti capiscono e ti insultano chiamandoti “no vax” , dicendoti che dovresti pagarti le cure se stai male. Le persone che dicono “siamo tutti liberi, solo quei maledetti no cax devono fare il lockdown a vita”. E tu maledici di aver avuto quelle reazioni…ma le hai avute ed adesso hai paura. 1incubo!

Michele Sardone
Michele Sardone
17 Novembre 2021 23:11

Se invece che alla fondazione Kessler, avessero chiesto alle gemelle Kessler, ci avrebbero andate più vicino…

Rosanna
Rosanna
17 Novembre 2021 22:40

Delinquenti ..criminali