in

Lo dice l’ambasciata Usa: il coprifuoco ci danneggia

Dimensioni testo

Non c’è dubbio: ci stiamo facendo proprio una bella pubblicità all’estero. L’ultimo travel advisory del Dipartimento di Stato americano, risalente a due giorni fa, conferma i precedenti report e sconsiglia fortemente ai cittadini Usa di venire in Italia (“do not travel”), citando ovviamente l’epidemia fuori controllo, ma anche le restrizioni in atto, tra cui il coprifuoco e addirittura il pericolo di attacchi terroristici (c’entreranno qualcosa gli sbarchi fuori controllo?).

D’altronde, quale turista straniero, proveniente da un Paese in cui la popolazione è stata vaccinata e stravaccinata, organizzerebbe le sue vacanze in un Paese in cui, a luglio, potrebbe essere costretto a rientrare in albergo alle 10 di sera? Altro che far ripartire la stagione turistica. Sui prossimi mesi, pesano come un macigno l’incertezza sulle restrizioni e l’insistenza sui divieti. Quella formula è un chiodo sulla bara della nostra economia: “Do not travel”.