Lo scacco matto del Cavaliere

Condividi questo articolo


Forse il Natale “covidizzato” non ci regalerà doni ma ci ha portato il nuovo leader del centrodestra: Silvio Berlusconi. Che in politica, e in Italia in particolare, non contino molto i voti per comandare, lo abbiamo scritto più volte anche in questa sede. E la geniale mossa del Cavaliere, oltre alla sua capacità di portare tutto il centrodestra a votare in buona sostanza a favore del governo, ne è l’ennesima dimostrazione. Chi ha più filo per tessere tesserà ed è indubbio che il Cavaliere si è dimostrato possederne in gran quantità. Con la mostruosa capacità negoziale e tattica che anche i più acerrimi nemici gli riconoscono, nei giorni precedenti ha fatto paventare una rottura del centrodestra e addirittura la possibilità di FI di entrare al governo, mandando avanti i pasdaran favorevoli a questa soluzione.

Ovviamente era un bluff: vi immaginate il Cavaliere idealmente sedere nel Cdm con Di Maio e con Speranza? Era una mossa per convincere il resto del centrodestra che l’unità della coalizione fosse da preservare, e che per preservarla bisogna seguire le sue proposte. Geniale perché da una rottura del centrodestra quella che avrebbe sofferto di più sarebbe stata Forza Italia e non certo Lega e Fratelli d’Italia. Eppure… La mossa di Berlusconi è del tutto coerente con la politica del Ppe di cui Forza Italia fa parte. Berlino, la capitale dei popolari europei, favorisce i governi di grande coalizione sul suo stesso modello interno: per questo in Spagna per esempio ha favorito la rottura tra Pp e Vox di Abascal.

In Italia, non c’è stata bisogno di rottura perché Berlusconi, dall’alto del suo 7%, ha convinto tutti. Se riuscirà a mitigare il lockdown e le tendenze venezuelane e collettivistiche del governo, ben venga la collaborazione tra maggioranza e opposizione. Tanto più che, come ha spiegato ieri Guido Crosetto intervistato a “Libero”, l’attuale centro destra è più una fictio (qualcuno più grevemente direbbe un patto di potere) ed è difficile che, cosi in questa forma, vada alle elezioni e soprattutto possa vincerle.


Condividi questo articolo


11 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ha avuto buoni maestri: Follini Casini Fini Alfano Verdini (e dimentico qualcuno). Tutti grandi del teatrino della politica.

  2. Berlusconi deve pensionarsi politicamente per il bene del paese.
    Avere un’opposizione ancora più finta ed inutile è il contrario di ciò che serve in questo momento storico.

  3. @doppio Valter.
    Non sono d’accordo. Mi dispiace per l’Inter ma Conte, già fuori dalla Champions ( ma non è una novità per lui) il campionato non lo vincerà nemmeno quest’anno, anzi probabilmente non mangerà nemmeno il panettone.

    • Caro Andrea
      i guai dell’Inda non si chiamano Conte ma INDA.
      i guai dell’Italia non si chiamano neanche Conte ma ….. .
      Oggi leggo coloro che osannano i nanetto, proprietario OSCURO della altra forza calcistica milanese, definito vecchio, decrepito, incapace.
      Ricatta e fa un bluff a chi? Alla Lega e a Fli i suoi alleati.
      Arriva Gervasoni e lo definisce un genio e NUOVO leader del Cdx. Genialeeee quando si tratta degli affaretti suoi.(Travaglio dice).
      Riposi in pace il vero genio del calcio di tutti i tempi.

  4. In realtà più che uno scacco matto si tratta di un alto tradimento. Forza Italia aveva la possibilità di mandare a casa questo governo è invece, per l’ennesima volta, ha barattato qualche voto per interessi propri. Il solito tradimento che si ripresenta ad ogni legislatura, poi non si lamentino però se NON li vota più nessuno e passano tutti a Lega o FDI, e però degli elettori non tanto dei parlamentari.

  5. “… nuovo leader del centrodestra: Silvio Berlusconi… E la geniale mossa del Cavaliere, oltre alla sua capacità di portare tutto il centrodestra a votare in buona sostanza a favore del governo, ne è l’ennesima dimostrazione…”
    Leader ottantaquattrenne con un misero 6%?
    Geniale perché fa i c… suoi?
    Capace perché perché continua a salvare un governo d’incapaci?
    Suvvia, siamo seri! Qui ce gente che si toglie la vita per disperazione.

  6. Il cavallo di *****.
    Berlusconi e il centro destra hanno da ieri modificato la base politica del governo Conte, infilando il “cavallo di *****” della approvazione dello scostamento del deficit di bilancio per finanziare gli interventi di risarcimento alle attività per le chiusure determinate dal governo per il Covid 19.
    PD e Renzi vedono di buon occhio questo allargamento della base parlamentare, per ora occasionale. Non sopportano più i dilettanti del M5S e vorrebbero anche i finanziamenti immediatamente disponibili del Mes. Anche Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia no (o non ancora).
    Conte abbozza e diplomaticamente approva l’allargamento della base parlamentare, per ora in materia di bilancio, come nell’intervista di ieri a Mimun in versione clemente (e un po’ inginocchiata).
    Può succedere di tutto. Dipende dai mal di pancia dentro il movimento grillino che la “pastiglia” Berlusconi, prima odiatissimo ora sopportato, produrrà tra stomaco e intestino.
    Rimediabile col maalox plus o irrimediabilmente destinato a provocare una scissione e quindi la caduta del governo, magari in primavera a pandemia controllata o superata?
    Da ciò dipenderà anche il giudizio sulla mossa di Berlusca: una mossa astuta o una supercavolata pazzesca?
    Chi vivrà, vedrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *