Cronaca

L’ultima follia woke: vietato chiedere “quale bagno usi?”

Follia woke bagno gender

Migliaia di lavoratori di un ospedale del Nord Est in Gran Bretagna sono stati invitati a non dimostrare empatia nei confronti delle colleghe preoccupate di dover condividere i servizi igienici con maschi biologici. Questo ordine arriva dopo che è stata distribuita una nuova guida “woke” che vieta ai capi squadra di usare frasi come “capisco le tue preoccupazioni” in risposta a qualsiasi lamentela sul tema.

Il documento di 38 pagine, applicabile a più di 8.300 medici, infermieri e personale di supporto, afferma anche che è discriminatorio non utilizzare il pronome preferito da una persona trans o non binaria. Queste politiche sono state adottate dalla South Tyneside e Sunderland NHS Foundation Trust, come riporta il Daily Mail, che ora sono accusate di discriminazione illegale nei confronti dei dipendenti con visioni critiche sul gender. Alcuni critici hanno definito questa situazione in perfetto stile “woke” come “una ricetta per l’intimidazione delle donne”.

Toby Young, direttore della Free Speech Union, ha dichiarato: “Siamo particolarmente preoccupati per l’insistenza della politica che le donne non possono rifiutare di condividere gli stessi servizi igienici con i maschi biologici e non possono esprimere alcuna preoccupazione a riguardo.”

Secondo la “Transitioning at Work and Gender Diversity Policy“, al personale viene detto che è transfobico “usare deliberatamente il nome che un collega trans aveva prima della transizione”. Inoltre, viene considerato offensivo chiedere a una persona trans o non binaria domande come “quale bagno usi?”. Inoltre ai transessuali o dipendenti “non binari” dovrebbe essere lasciata libertà di usare i bagni e le docce che desiderano. Anche se non si sono sottoposte ad un cambio di sesso. Nel documento woke si legge: “I manager non devono fare commenti di supporto come ‘Capisco le tue preoccupazioni’ al personale che, ad esempio, si lamenta del fatto che colleghi trans o non binari abbiano accesso a spazi di genere”.

Kath Griffin, direttore delle risorse umane e dello sviluppo organizzativo presso la Trust, ha affermato: “Questa politica è stata sviluppata in collaborazione con il nostro personale e i sindacati. È… una parte importante della promozione, del rispetto e della celebrazione dell’uguaglianza e della diversità.”

Da parte sua, un portavoce del Dipartimento della Salute ha dichiarato: “Il sesso biologico è fondamentale quando si tratta di definire cosa sia una donna e di proteggere gli spazi riservati solo alle donne. Gli spazi riservati esclusivamente a donne e ragazze dovrebbero essere mantenuti in conformità con l’Equality Act.”

Maya Forstater, una donna che ha perso il suo lavoro dopo aver detto che le persone non possono cambiare il loro sesso biologico, ha detto: “Questa politica è una ricetta per intimidire le donne fuori dal luogo di lavoro e renderlo ostile e intimidatorio per loro.”

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

12 e 13 Luglio 2024 a Bari

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli