in

L’ultimo trucchetto di Franco, il ministro pupillo di Draghi

daniele franco

Dimensioni testo

Non serviva il “governo dei migliori”, per prendere in giro gli italiani. Eppure, il ministro Daniele Franco, capo del Mef e pupillo di Mario Draghi, a poco più di un mese dall’insediamento, ha già elaborato un trucchetto per raggirarci.

Problema: giustificare, agli occhi dei cittadini stremati, la definitiva estinzione degli aiuti anti Covid. Che, finora, erano stati già più che risicati.

Soluzione: inventarsi una fantomatica ripresa e sventolare, sotto ai musetti dei conigli reclusi, la carota della liberazione.

Ecco le parole di Franco: “Pensiamo che dopo la Pasqua la situazione migliorerà gradualmente, e poi ci muoveremo con gradualità verso una situazione più normale a maggio e giugno”. Con gradualità, eh, gradualmente. E “grazie alla disponibilità dei vaccini e all’aiuto che arriva dalla stagione più calda”. È la solita solfa del pensiero magico, che ha sostituito una gestione razionale della pandemia: o’ vaccino, o’ sole, o’ mare e arriva la tregua estiva. In questo caso, addirittura, siamo alla riedizione del “chiudere oggi per riaprire domani”, di contiana memoria: visto che, dopo il Natale, ci rovinano pure la Pasqua, fa comodo preconizzare fantomatici allentamenti dei divieti a feste trascorse.

La circostanza più inaccettabile, però, riguarda proprio la pernacchia a imprese e lavoratori allo stremo. Non solo con l’ultimo decreto sostegni, esattamente nello stesso spirito del Conte bis, hanno ricevuto una media di 3.000 euro a fronte di perdite a doppia cifra. Adesso devono pure fare i conti con la prospettiva di una borsa che, entro il 2021, stando alle proiezioni di Franco, si chiuderà del tutto: “Mi aspetto di terminare con le misure di sostegno all’economia verso la fine dell’anno”. Ma gradualmente, eh. E, come capita quando si fa la punturina ai bambini, distraendoli con dolcetti e cotillons, il ministro seduce i sudditi con la prospettiva dell’uscita dai domiciliari.