Commenti all'articolo Macché Orbán, qui spaventano i “pieni poteri” di Giuseppi

Torna all'articolo
Avatar
guest
84 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio Petricich
Giorgio Petricich
2 Aprile 2020 11:20

Secondo i dati ufficiali, ci sono circa 300’000 cittadini cinesi residenti in Italia (questo vuol dire che in effetti sono almeno il doppio, ma lasciamo perdere). Dal 20 Gennaio in poi i figli dell’ex impero celeste si sono mossi in massa per andare in patria a festeggiare il capodanno cinese e sono rientrati in Italia dopo l’8 Febbraio. Nel frattempo i voli diretti da e per la Cina erano stati cancellati (31 Gennaio), ma nessuno si è mai sognato di monitorare e controllare i voli indiretti, né tantomeno di controllare lo stato di salute dei cinesi che erano rientrati. Invero delle “strane dimenticanze” per un governo che il 31 Gennaio aveva dichiarato lo stato di emergenza sanitaria. Da persone responsabili, “tra cui prevale il senso di compattezza sociale e di autocontrollo per la tutela della salute della comunità” (Marco Wong dixit), i “nostri cinesi” si sono messi subito in quarantena volontaria, ma che dico, sono ingiusto, addirittura in due o tre quarantene volontarie consecutive. Le “strane dimenticanze” del governo sono continuate e nessuno si è mai preoccupato di controllare lo stato di salute dei cinesi nostrani. Va detto che anche l’opposizione ed i giornali sono rimasti in colpevole silenzio: la voce che fin dall’inizio gridava nel deserto, la mia, è rimasta inascoltata. All’improvviso a metà Marzo circa, il governo cinese… Leggi il resto »

Claudio Loreto
Claudio Loreto
1 Aprile 2020 15:03

Articolo al di la’ ogni possibile delirio…

vince50_19
vince50_19
1 Aprile 2020 13:47

Come se lo spiega che il partito di Orban è nel PPE? Probabilmente non è quella dittatura che si vuole mettere in evidenza, ancorchè Orban ha un consenso elevato nella sua terra. Saranno tutti dei c….. gli ungheresi che lo hanno scelto oppure avrà fatto qualcosa di buono per l’Ungheria? E beh.. E si che gli ungheresi l’hanno subìta la dittatura comunista, quella sovietica, nel ’56 con migliaia di morti! Imre Nagy, capo del Partito dei Lavoratori Ungheresi (marxista-leninista) voleva aprire all’occidente ma i russi glielo hanno impedito , lo hanno prima imprigionato e poi giustiziato. Non sto paragonando i compagni nostrani ai russi del tempo, tuttavia c’è da tenere a mente che quando il Partito Comunista nacque a Livorno il 17 ottobre del 1921, la frazione “operista” di Gramsci, Togliatti e Terracini vollero romperel’unità del partito appena nato per costruirne uno rivoluzionario che facesse “come in Russia”. Fino al 1989 ci sono stati i rubli e i bacioni con i capi sovietici (l’Italia nella Nato preferì altra moneta..), poi c’è stata la svolta della Bolognina e i “compagni” pian piano han virato, specie dopo l’avvento Ue/euro, laddove risplende il sole, cioè verso la globalizzazione fra sorrisi e quant’altro con tedeschi e francesi in particolare. Una specie di sudditanza psicologica mi verrebbe da definirla. Alla faccia del “salto di qualità”… Leggi il resto »

faman
faman
1 Aprile 2020 11:53

ciò che sta facendo Conte, lo fanno tutti i governi europei che hanno l’emergenza del coronavirus, glielo ripeto, abbia un pò di onestà intellettuale. Basta con questa bufala di Conte dittatore, ma che barzelletta è. E poi lei da liberale non si preoccupa di Orban? Ma che razza di liberale è?
Dica piuttosto che vuole l’uomo forte, purchè sia di destra.