in

Maltempo, le sparate di gretini e grillini - Seconda parte

Dimensioni testo

Perché, vi chiederete, ho chiamato non-scienziati i climatologi che sostengono l’origine antropica del clima che cambia? Perché il metodo scientifico prevede che chi asserisce qualcosa deve accettare di buon grado che qualcuno provi a falsificare quelle asserzioni. Ma quelli si sono organizzati per zittire chiunque tenti di falsificarli. Per esempio, hanno così reagito i climatologi che, senza alcun merito, fan parte dell’Accademia dei Lincei, in questo modo ponendo se stessi al di fuori della scienza. Peccato per l’Accademia che, dimostratasi incapace di cacciare le mele marce, ha perso faccia e reputazione.

In ogni caso, il Paese frana, e quegli “esperti”, per evitare la frana, ripetono a litania che si installino parchi fotovoltaici e parchi eolici. Cosa che i Giachetti e i Di Maio di turno, di Italia Viva o del M5sGretini e Grillini, ripetono a pappagallo.

Franco Battaglia, 26 novembre 2019

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
113 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
URL
28 Aprile 2021 9:33

… [Trackback]

[…] Read More here: nicolaporro.it/maltempo-le-sparate-di-gretini-e-grillini/ […]

alsarago58
alsarago58
1 Dicembre 2019 21:09

Fette-di-prosciutto Battaglia non si smentisce mai, è così preso a dare dei gretini agli altri che si comporta da gretino, ma con la “c” Per lui il fatto che Venezia sia stata sommersa dall’acqua per tre volte di fila quest’anno, secondo loro non c’entra nulla con il cambiamento climatico, perchè “dipende dai venti”, come se intensità e durata dei venti non dipendessero a loro volta dal clima (roba da chiodi, e questi sarebbero esperti!): già dimenticata la tempesta Vaia? Eppure era solo l’anno scorso…. Per capire quanto sia in malafede (o del tutto incapace di informarsi, prima di commentare), basta dare un’occhiata al sito del Comune di Venezia sulle acque alte. https://www.comune.venezia.it/it/content/le-acque-alte-eccezionali Quelle eccezionali, sopra i 140 cm, sono state 19 dal 1936: di queste 10 sono avvenute dopo il 2000, quindi 9 in 64 anni e 10 in 20 anni… Ma non basta nel novembre 2019 se ne sono verificate altre 3 in 6 giorni: una cosa mai vista prima, l’unico precedente è del 2009 con due ripetizioni in 3 giorni. Quindi 13 in 19 anni, siamo ormai a un’acqua alta eccezionale quasi ogni anno, mentre nei 60 anni precedenti avvenivano al ritmo di una ogni 7 anni. Riusciranno a vedere il trend Fette-di-prosciutto, Porro, Zichichi, Scafetta e soci, e capire che dipende dal meteo estremo portato dal cambiamento… Leggi il resto »

Albert Nextein
Albert Nextein
1 Dicembre 2019 12:23

L’esempio lo fornisce la Russia con l’introduzione di centrali atomiche mobili e galleggianti.
Questo è pragmatismo e rispetto ambientale.

Gabriele
Gabriele
29 Novembre 2019 9:50

Dimostrazione matematico-logica della non esistenza dell’effetto serra:
Dati (da fonte NASA):
Percentuale di Gas serra nell’atmosfera terrestre: 2.5%
Percentuale di Gas serra nell’atmosfera di Venere: 96.5%
Temperatura media terrestre a 1 atmosfera: 288 Kelvin
Temperatura media di Venere a 1 atmosfera: 340 Kelvin (dati: Venera landers)
TSI relativa terrestre: 1
TSI relativa di Venere: 1.91

Ora calcoliamo la temperatura di Venere partendo da quella terrestre. Se la teoria dell’effetto serra corrispondesse a realtà io per estrapolare la temperatura di un pianeta partendo da quella di un altro dovrei tenere conto della differenza nella percentuale dei gas serra delle due atmosfere, giusto?
Giusto?

E invece no:
T venere ≈ ∜TSI relativa di Venere × T terra
T venere ≈ ∜1.91 × 288 Kelvin
340 Kelvin ≈ 1.176 × 288 Kelvin
340 Kelvin ≈ 338.688 Kelvin

E voilà, l’effetto serra non esiste.

trackback
VENEZIA ALLAGATA ECCETERA | ilblogdibarbara
28 Novembre 2019 3:42

[…] Franco Battaglia (qui) […]

Andrea viti
Andrea viti
27 Novembre 2019 13:57

Buonasera a tutti… Al. Di là di chiacchiere inutili su cambiamento climatico (reale) e responsabilità varie, penso sia più intelligente pensare in maniera “green” in modo autonomo (limitare sprechi di acqua o combustibili produrre meno scarti in plastica ecc) ed educare il sistema paese a pensare lo sviluppo economico in maniera meno invasiva a livello di impatto ambientale attraverso lo sfruttamento dell’eolico o foto voltaico cominciando a ragionare già da ora come smaltire le batterie delle cosiddette auto green che di green nn hanno nulla visto che per produrle, trasportare, riempirle di energia e poi smaltirne i componenti si produce lo stesso quantitativo di gas serra. Ci vorrebbe buon senso e lungimiranza cosa che purtroppo non possono essere ad appannaggio di una singola fazione…

Franco Battaglia
Franco Battaglia
27 Novembre 2019 5:52

L’AGW è magistralmente falsificato nella lezione di Nicla Scafetta, professore di climatologia all’università di Napoli, al minuto 1:09:00 qui: https://www.youtube.com/watch?v=0FehrpcR5Os .

Davide V8
Davide V8
27 Novembre 2019 2:25

Ribadiamo il concetto nei commenti: gli ecologisti falliti ci stanno facendo buttare letteralmente centinaia di miliardi (io sapevo 200 miliardi) per ottenere il nulla.
Ma ci rendiamo conto?
Questa civiltà si sta autodistruggendo.