in

Margaret Thatcher. Biografia della donna e della politica (Elisabetta Rosaspina) - Seconda parte

La nuova biografia sulla Lady di ferro che rivoluzionò la politica britannica

Dimensioni testo

Dopo vent’anni le cose non erano cambiate. Sciopero dell’acciaio, disoccupazione, sondaggi pessimi e le critiche dei suoi colleghi conservatori: “Non poteva, insomma, accontentarsi di essere stata la prima donna a capo di un governo europeo? Aveva già ottenuto un posto nella Storia e ben più del quarto d’ora di celebrità di sua spettanza. Il 10 ottobre 1980, al Congresso annuale dei Tory, a Brighton, Margaret era attesa da un’acida resa dei conti. Oltre la metà dei convenuti sperava di vederla alzare bandiera bianca e magari versare qualche lacrima di inadeguatezza”. Ovviamente non avvenne.

La Signora di ferro ce la fece, anche se il suo più forte alleato fu quel generale argentino che gli servì su un piatto d’argento prima la battaglia e poi la vittoria alle isole Falkland. Ma questa è un’altra storia.

Nicola Porro, Il Giornale 17 maggio 2020