in

La maritocrazia dell’eurodeputata grillina

Dimensioni testo

L’avvocato Mimmo Migliorini è il marito di Valeria Ciarambino e l’assistente della eurodeputata del M5S Chiara Gemma. C’è qualcosa di male? No, per me proprio no. Ogni deputato è libero di scegliersi gli assistenti che ritiene giusti. La domanda però è un’altra. Questa: chi è Valeria Ciarambino? In Campania è la consigliera regionale del M5S che dà in ogni momento filo da torcere a Vincenzo De Luca. È la pasionaria dei grillini che da anni denuncia i vizi, i privilegi, le raccomandazioni di un sistema di potere che si è messo sotto i piedi anche il più pallido tentativo di meritocrazia. Ecco perché proprio i grillini e il “popolo del web” sono insorti quando hanno saputo della notizia (riportata con molti particolari dal Corriere del Mezzogiorno con un articolo di Angelo Agrippa) che il marito di Valeria Ciarambino è diventato assistente dell’eurodeputata del M5S: questa – hanno detto – non è meritocrazia bensì maritocrazia.

Valeria Ciarambino è amica di Luigi Di Maio. Entrambi provengono da Pomigliano d’Arco che, a leggere le cronache del tempo e a guardare la politica regionale, nazionale e internazionale, è il comune napoletano che oltre a donarci la bella prosa di Vittorio Imbriani è anche una fucina di statisti. Tre sono state da sempre le parole d’ordine del Movimento: Onestà, Vaffa, Casta. Con questi tre elementari concetti si è fatta una rivoluzione morale per rendere il mondo puro e darlo ai puri di cuore.

Gigi Di Maio è stato da sempre molto chiaro e ha sempre spiegato che con l’arrivo del M5S nulla sarebbe stato più come prima e non solo gli italiani dovevano dimenticare parole come “alleanza” o “compromesso”, che sarebbero state eliminate dal vocabolario – ogni buon grillino ha la fissazione della “eliminazione” -, ma dovevano anche dimenticare i privilegi, le raccomandazioni, le sistemazioni come espressioni deteriori di un mondo ormai destinato ad essere superato dalla nuova epoca che, caratterizzata solo dalla onestà e dai meriti, si sarebbe elevata sul passato come una sorta di nuovo regno spirituale, alla maniera della dialettica hegeliana o marxista o degli Elevati, secondo l’insegnamento biblico di Beppe Grillo.