in

La guerra in Ucraina

“Mi ascolta o provoca?”, “Cosa dice”. Lite tra Sallusti e Cacciari

Scontro a Quarta Repubblica tra il filosofo e il direttore di Libero sulla risposta Ue alla Russia

Dimensioni testo

Duro scontro a Quarta Repubblica tra Alessandro Sallusti e Massimo Cacciari. Tema del contendere la guerra in Ucraina, con Cacciari che chiede maggior dialogo con la Russia per cercare la pace e il direttore di Libero che difende la scelta di armare l’Ucraina. Con sullo sfondo, ancora, la questione del vaccino per il Covid.

“Io non contesto le sue domande – dice Sallusti – ma a mancare sono le risposte”. È questa la frase che fa scattare la lite. “Se ascolta l’obiezione può replicare”, insiste il direttore. “Lei dice che non dovremmo piazzare armi nucleari al confine con la Russia. Bene. Ma se la Mosca si prende l’Ucraina, poi dovremmo toglierle dalla Polonia e Putin se la prenderà”. Immediata la risposta di Cacciari: “Ma io ho detto che la Russia non può papparsi l’Ucraina! Addirittura facciamo la terza guerra mondiale se vuole farlo. E sono anche d’accordo a inviare armi a Kiev. Ma l’Europa deve trattare. Lei ha letto qualcosa di quello che ho scritto? Ha ascoltato qualcosa di quello che ho detto? Lei provoca in malafede”.

Da Quarta Repubblica del 27 aprile 2022