in

Negli Usa frustano i migranti. E meno male che c’è Biden…

usa haiti immigrati

Dimensioni testo

Non c’è pace per Joe Biden e la sua amministrazione. Dopo la disastrosa fuga dall’Afghanistan, e il problema di dover accogliere negli Stati Uniti un numero elevatissimo di profughi dal paese islamico tornato nelle mani dei talebani, ecco che, come una mannaia, arrivano delle immagini dal Texas in cui si vedono agenti di frontiera a cavallo frustare alcuni migranti provenienti da Haiti. Scene che hanno fatto immediatamente il giro del mondo e hanno messo in grande imbarazzo la Casa Bianca che le ha definite “orribili” per bocca della sua portavoce. E in effetti le immagini non lasciano molto spazio alle interpretazioni: i ranger cercano di disincentivare in tutti i modi i migranti dal proseguire la loro marcia arrivando in qualche caso anche a caricarli con l’ausilio di cavalli e a colpire i poveri malcapitati con redini e fruste. Un agente urla: “tornatevene in Messico!”.

Haitian migrants undeterred as US begins removal flights

Le reazioni

Le reazioni all’accaduto sono state diverse. Qualcuno, soprattutto in Europa, finge di essere sorpreso o, tutt’al più, imputa la colpa di tutto alla brutalità degli agenti texani. Ma come – si domandano stupiti – è forse questa l’America di Biden? La sconfitta di Trump non doveva mica porre fine a tutte le violenze nei confronti di migranti e afroamericani? Nah, devono essere quei cattivoni dei cawboy texani. La realtà è che, al netto di narrazioni politiche di tipo propagandistico, i democratici sono stati di parola. Solo poco tempo fa, infatti, Kamala Harris, vice di Biden, aveva dichiarato durante un viaggio in Guatemala: “Voglio essere molto chiara con chi sta pensando di fare quel pericoloso viaggio verso il confine tra Usa e Messico: non venite, non venite. Gli Stati Uniti continueranno a far rispettare le nostre leggi e a proteggere il confine. Non venite, vi faremo tornare indietro”. Quello che forse non si poteva immaginare è che l’avrebbero fatto con tanto di cariche e fruste. Al contrario, l’ala più estrema del partito di Biden si è stupita meno per l’accaduto e la Ocasio-Cortez, non si è fatta sfuggire l’occasione per cinguettare: “Non importa se il presidente sia repubblicano o democratico. Il nostro sistema di immigrazione è basato sulla crudeltà e sulla disumanizzazione degli immigrati. L’immigrazione non dovrebbe essere un crimine”.