in

Nuovo dpcm: la vendetta del Pd contro gli autonomi

Dimensioni testo

Timeo piddinos et dona ferentes: di solito sono elemosine, chimere in forma di sussidi: per tutto il resto c’è il Recovery, solo che poi bisogna ripagarlo e allora nuove tasse e il circolo vizioso ricomincia. E, siccome piove sempre sul bagnato, le nuove tasse su chi grandinano? Ma sul famigerato ceto medio, per brevità chiamato “autonomi”, ricomprendente tutto ciò che non sta nell’elettorato tipico di sinistra piddina: pubblico impiego e suoi derivati.

Sanitariamente corretto

A questa stregua, il gioco sporco è facile: i grillini sono ormai meduse che evaporano al sole dell’inverno del nostro scontento e i piddini hanno mano libera nel punire fasce elettorali che considerano avverse o almeno estranee. Neanche lo nascondono più. La strategia si presta a svariate possibilità: carota per chi resta fedele, bastone per i dissidenti, scaricabarile con gli alleati su tutto quello che non pertiene, dalla scuola alle infrastrutture alla sicurezza; tanto, alla fine i ministeri ritornano sempre a casa, come Lassie e la colpa è degli odiosi odiati sovranisti, reazionari, razzisti e via discorrendo.

In più, puoi tirartela da buono, da umanitario che elargisce polvere di carità, come Fedez sulla Lamborghini. In più, puoi dare addosso ai negazionisti, i complottisti, gli irresponsabili, gli antivaccinisti – che poi sono quelli che, sottraendosi alla Narrazione Unica del sanitariamente corretto, non ti votano. Quindi li ammazzi con una rogna che neanche Bernardo Guy il curatore del “Manuale dell’inquisitore”.

Caccia all’untore

I giustizieri made in Piddì ne hanno per tutti, i turpi monatti si sprecano, gli untori non si contano: il losco popolo delle movide, che poi sarebbe una birretta in quattro amici al bar, i debosciati delle discoteche, Briatore, i demascherinizzati da soli in macchina, i ristoratori, i kamikaze da aperitivo, i refrattari alla punturina, i consumisti da shopping natalizio, i crapuloni da pranzo delle feste, il popolaccio dei saldi. Sempre colpa loro, di tutti questi qui, se il lockdown continua ad elastico, a infinito, se non possono mai liberarci, se bisogna sempre tornare punto e da capo, se c’è sempre un nuovo dpcm che stringe filo spinato sempre più stretto sulla nostra pelle. Dite che così si muore molto di più, per crollo delle difese immunitarie, organiche, economiche e sociali? Al diavolo!

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
71 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Adriano Pochetti
Adriano Pochetti
13 Gennaio 2021 13:05

Tutto sacrosanto vero . Loro che facevano gli aperitivi dando dei razzisti a chi diceva di stare a casa l ‘anno scorso
Sono solo parassiti sempre al governo senza aver vinto un elezione da 5 anni a questa parte .loro posso disfare, rubare ,inciuciare nominare amici, parenti, nel nome dell’ ospitalità e della tolleranza facendo spesa con il portafoglio altrui

Marco De Sanctis
13 Gennaio 2021 9:46

Sintesi semplicemente straordinaria

Siamo sempre stati in un regime
Siamo sempre stati in un regime
13 Gennaio 2021 9:42

Gentile sig. Porro, apprezzo la sua passione con la quale entra nei dibattiti. Prendo atto che allo stato ogni forma di pensiero differente da quell’unico è letteralmente bastonato sia mediaticamente che economicamente. Cisa vuole aspettarsi da un paese in fallimento da tempo governato da una magistratura che fa politica attiva, da partiti camaleontici. Il ceto medio, o meglio, i ceti produttivi, verrann colpiti da questo esecutivo perché ritenuti rei di evasione fiscale e quindi ora hanno la giusta punizione!!! Tra l’altro elettoralmente avverso, questo è un fatto. Devono piegare questi e non le amebe del pubblico impiego già proni a prescindere su tutto e che li votano a cui si aggiunge il parassitismo di stato veicolato dai 5s di fatto composto da piddini delusi che sono ritornati a casa. Con pdr che ormai saranno secoli la cui nomina di fatto è gestita solo dal “centro” sinistra o meglio dai cattocomunisti che vedono il regime cinese come modello. Come hanno fatto intervenire le forze dell’ordine nella prima fase della pandemia, ma credete ancora che siamo in “democrazia”? Non lo siamo mai stati, il voto usato per input e poi sinrimescolano le carte. I social assorti a nuova religione censoria. La finanza come “braccio armato”. Al momento non vedonvie di uscita. Prima le purghe toccheranno ai “nemici” politici, ma vedrete che dopo… Leggi il resto »

Gianni Giovannini
Gianni Giovannini
13 Gennaio 2021 9:31

Buongiorno. In Svezia nel 1976 il popolo mandò a casa i socialisti perché avevano portato la tassazione del ceto medio al 102%. Speriamo che ci facciano votare.

Ruggero
Ruggero
12 Gennaio 2021 18:51

Si muore molto di più, per crollo delle difese immunitarie, organiche, economiche e sociali. E’ vero. Mascherine, distanziamento sociale, chiusure aggravano la situazione, il virus fa quello che vuole indipendentemente dal comportamento della gente (segue un andamento stocastico), e i fatti lo dimostrano. Ma siamo governati da incompetenti e disonesti, con un’opposizione inesistente. Nessuna speranza.

Sergio
Sergio
12 Gennaio 2021 18:22

Questo esecutivo fa ricadere tutte le colpe sul ceto produttivo, è sufficiente vedere come sono state trattate le imprese che più hanno sofferto dei famigerati DPCM. Ristori simbolici usati soltanto in modo strumentale per mascherare l’incapacità del governo, ma penso che prima o poi la corda si spezzerà.

sorvittor
sorvittor
12 Gennaio 2021 18:10

Fino a quando oseranno abusare della nostra pazienza. Mi riferisco alla pazienza di tutti coloro che ogni mattina si alzano e vanno a lavorare per il bene della propria famiglia. Gente che deve programmare con precisione la propria attività, che non ha cassa integrazione, sussidi e tutele. Gente che quando si ammala non può mandare il buono malattia; gente che da quello che incassa deve togliere tutte le spese sostenute prima di poter pensare a soddisfare i bisogni della famiglia. Gente alla quale è stato affibbiato un socio che preleva più del 50% di quello che rimane dopo aver pagato le spese ed i contributi previdenziali obbligatori.

Amelia
Amelia
12 Gennaio 2021 18:04

Nel pubblico impiego c’è una buona parte di dipendenti che è di destra, ma devono nascondersi altrimenti vengono isolati malgrado siano tra quelli col maggior senso del dovere