Odiatori democratici

Condividi questo articolo


Mi sono sempre chiesto cosa spingesse certe persone – curiosamente, sempre schierate a sinistra – a metter su barricate e “contromanifestazioni”, quando il loro avversario politico organizzava un raduno o un comizio, esercitando un diritto democratico. Me lo sono domandato anche ieri, vedendo i centri sociali assaltare gli autobus dei sostenitori di Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni, candidata del centrodestra alle regionali dell’Emilia Romagna, oltre alle migliaia di “sardine” radunate in piazza a Bologna. Io, se un partito che non mi piace organizza un evento pubblico che non mi interessa, semplicemente non ci vado. Forse sono strano.

Evidentemente, i sinceri democratici di sinistra sono tali solo fintantoché comizi e raduni li allestiscono i loro sodali. Per questi signori, tutti sono liberi di pensarla come vogliono, purché la pensino come loro. Ed è francamente desolante che il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, mentre annaspa nel vuoto pneumatico delle proposte politiche, si aggrappi disperatamente ai gruppettari bolognesi, paragonandoli in pratica alla Resistenza a un fascismo che però somiglia all’araba fenice: che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa.

Stendiamo invece un velo pietoso sul presidente della Camera, Roberto Fico: la terza carica dello Stato ridotta a tifare per intimidatori politici. Pensavamo di aver toccato il fondo con Laura Boldrini; Fico lo sta raschiando. Francamente orrendo lo slogan scelto dai “contromanifestanti”: “Bologna non si lega”. Un gioco di parole che comunica un messaggio agghiacciante: che a un partito votato dal 34% degli elettori (concittadini degli “antifascisti” ieri in piazza) sia precluso il diritto di concorrere a governare una città o una Regione. Per caso la sinistra ha comprato Bologna e l’Emilia? Sono diventate di loro proprietà senza che ce ne accorgessimo? Sicuri che il problema, in una terra dove sono stati derubricati a un “raffreddore” (parole del coordinatore della commissione tecnica d’inchiesta targata Pd e 5 stelle) i fatti di Bibbiano, sia il fantasmagorico fascismo che torna?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


6 Commenti

Scrivi un commento
  1. lei,sal, è invece la dimostrazione vivente di quanto, ahinoi, il comunismo sia vivo e vegeto !
    Un comunismo di quelli piu’ beceri, che negano la verita’ conosciuta, che pretendono di educare le masse !
    Lei reclama un contraddittorio ! quale scambio di idee con chi non ne ha e sa soltanto insultare con termini talmente volgari che evidentemente ha assuefatto da bambino ?
    sembra di sentire “ragionare” la d’urso
    accettare di chattare con un odiatore seriale ? si, ma NON con un cervello a vuoto pneumatico

  2. no, caro sal, lei la storia non la conosce affatto….
    ne conosce, malissimo, soltanto una parte.
    mi racconta qualcosa di lenin, di stalin, dei deportati in siberia, delle foibe, di pol pot, di tienamen, di maduro ? e sono stufa di elencarli
    vada a studiare, almeno su un bignamino – più alla sua portata – tutta la “storia” che le manca.
    E si prepari a leggere, in un futuro prossimo, di quali scelleratezze si stanno macchiando oggi i suoi sodali. ne saranno responsabili di fronte alla storia (sempre che “la classe insegnante del futuro” non assomigli in nulla a quella odierna)
    Il problema è che le colpe di questi bastardi ricadranno su di noi e i nostri figli, non solo sui loro: Cosa che gli augurerei di tutto cuore
    Percio’, caro COLTO, torni a settembre !!

  3. Porro, mi sorprende sempre, in negativo. Lei vuole apparire un giornalista di inchiesta, ma ogni volta con l’analisi cade nella banalità. Si faccia domande più serie.

  4. L’emilia romagna è del Pd. Non ti devi neanche azzardare a dire che non li voti….qui ti tolgono il saluto, ti odiano. Bisogna fare finta di votarli se no una pizza la sera si trasforma in un incubo… detto da una bolognese.

  5. I Comunisti sono CINTURA NERA della criminalità sul pianeta. Stalin, il “padre buono” che ha ucciso una decina di milioni di CITTADINI SOVIETICI (anche ebrei, in vari modi) “che non la pensavano come lui”
    Al suo confronto, Hitler avrebbero dovuto farlo Santo Subito ….

  6. Molto abilmente la sinistra sta spostando il discorso politico da quello che conviene alla Regione Emilia Romagna al revival della Resistenza antifascista che ai compagni della zona viene tanto bene. (Ma ho sentito raccontare da chi c’è stato, che anche come fascisti gli emiliani e i romagnoli erano molto rissosi.)
    In campagna elettorale penso che vedremo molte scene da film, come in Novecento di Bertolucci, tanto per capirci.

2 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *