in

Odiatori democratici

Dimensioni testo

Mi sono sempre chiesto cosa spingesse certe persone – curiosamente, sempre schierate a sinistra – a metter su barricate e “contromanifestazioni”, quando il loro avversario politico organizzava un raduno o un comizio, esercitando un diritto democratico. Me lo sono domandato anche ieri, vedendo i centri sociali assaltare gli autobus dei sostenitori di Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni, candidata del centrodestra alle regionali dell’Emilia Romagna, oltre alle migliaia di “sardine” radunate in piazza a Bologna. Io, se un partito che non mi piace organizza un evento pubblico che non mi interessa, semplicemente non ci vado. Forse sono strano.

Evidentemente, i sinceri democratici di sinistra sono tali solo fintantoché comizi e raduni li allestiscono i loro sodali. Per questi signori, tutti sono liberi di pensarla come vogliono, purché la pensino come loro. Ed è francamente desolante che il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, mentre annaspa nel vuoto pneumatico delle proposte politiche, si aggrappi disperatamente ai gruppettari bolognesi, paragonandoli in pratica alla Resistenza a un fascismo che però somiglia all’araba fenice: che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa.

Stendiamo invece un velo pietoso sul presidente della Camera, Roberto Fico: la terza carica dello Stato ridotta a tifare per intimidatori politici. Pensavamo di aver toccato il fondo con Laura Boldrini; Fico lo sta raschiando. Francamente orrendo lo slogan scelto dai “contromanifestanti”: “Bologna non si lega”. Un gioco di parole che comunica un messaggio agghiacciante: che a un partito votato dal 34% degli elettori (concittadini degli “antifascisti” ieri in piazza) sia precluso il diritto di concorrere a governare una città o una Regione. Per caso la sinistra ha comprato Bologna e l’Emilia? Sono diventate di loro proprietà senza che ce ne accorgessimo? Sicuri che il problema, in una terra dove sono stati derubricati a un “raffreddore” (parole del coordinatore della commissione tecnica d’inchiesta targata Pd e 5 stelle) i fatti di Bibbiano, sia il fantasmagorico fascismo che torna?