in

Parte il referendum per abolire il green pass

Dimensioni testo

Il popolo si fa garante della Costituzione. A distanza di poche ore dall’annuncio, il sito del referendum contro il green pass: www.referendumnogreenpass.it viene letteralmente inondato di richieste. Neanche gli organizzatori si aspettavano una reazione di queste proporzioni. Si tratta del primo referendum ideato, organizzato e promosso da studenti universitari e da comuni cittadini,
sulla base di risorse intellettuali, culturali, professionali e finanziarie offerte dai promotori stessi e dalla società.

Perché dire no al green pass

Ecco le motivazioni esposte dai promotori del referendum: i cittadini italiani hanno gradualmente preso coscienza del fatto che il green pass costituisce un palese strumento di discriminazione che collide con i principi fondamentali del nostro ordinamento giuridico, considerati intangibili dalla Costituzione repubblicana. Il green pass, infatti, esclude dalla vita economica e sociale della nazione quei cittadini che sostengono convinzioni ed evidenze diverse da quelle imposte dal Governo. Per questo motivo, la normativa che istituisce il green pass si pone in netto contrasto con l’art. 3 della Costituzione, secondo cui “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Il lasciapassare viola le leggi

Il green pass, inoltre, spingendo surrettiziamente i cittadini alla vaccinazione, aggira il divieto sancito dall’art. 32 della Costituzione, secondo cui “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario obbligatorio se non per disposizione di legge”. E se anche una legge del genere fosse adottata dal Governo (sotto le spoglie di un Decreto Legge) o autonomamente dal Parlamento, questa legge, sempre ai sensi dell’art. 32 della Costituzione, non potrebbe “in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. Sul piano internazionale, il green pass si pone in contrasto con alcune dichiarazioni di principio sancite da strumenti giuridici di natura programmatica, quali la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo del 1948, secondo cui “ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione,
senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione”.

Analoghe dichiarazioni si rinvengono in accordi internazionali giuridicamente vincolanti, di cui l’Italia è parte contraente, quali la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali del 1950, secondo cui “il godimento dei diritti e delle libertà riconosciuti nella presente Convenzione deve essere assicurato senza nessuna discriminazione, in particolare quelle fondate sul sesso, la razza, il colore, la lingua, la religione, le opinioni politiche o quelle di altro genere, l’origine nazionale o sociale, l’appartenenza a una minoranza nazionale, la ricchezza, la nascita od ogni altra condizione”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
136 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Lorenzo Malpaga
Lorenzo Malpaga
6 Ottobre 2021 16:22

Io purtroppo vivo all’estero e non ho quel kazzo di SPID ne firma digitale e perciò non potrò votare altrimenti l’avrei fatto volentieri. Certo che se dovessi incontrarlo in giro dalle miei parti quel rettiliano di Draghi, credo che lo trafiggerei con la mia spada (faccio scherma) e poi lo farei a fettine con la mia katana (pratico il Kenjutsu della scuola Tenshin Shōden Katori Shintō-ryū) che poi darei da mangiare ai cani randagi.

Antoine
Antoine
1 Ottobre 2021 13:13

Intanto apporrò molto presto la mia firma per questo referendum, poi voglio entrare in politica e semmai dovessi riuscire a diventare capo di governo promulgherò una legge retroattiva che condanni alla pena di morte personaggi squallidi e oscuri come Mario Draghi, Roberto Speranza, Matteo Renzi ed altri viscidi protagonisti di una storia vergognosa come quella di imporre un lasciapassare (che di fatto obbliga a vaccinarsi) persino se ci vuole recare al lavoro. Questa gente ha superato ogni limite e la deve pagare molto cara per il male che ha commesso!

Giacomo Lontra
Giacomo Lontra
22 Settembre 2021 21:25

ubbidite.
siete nati per questo.

Angelo.
Angelo.
21 Settembre 2021 14:48

E’ tutta propaganda sterile e strumentale. Abbiamo una emergenza mondiale che può essere arginata solo con il vaccino. Il green pass attesta che hai fatto il vaccino. Punto e basta. Non vuoi fare il vaccino nessuno ti obbliga a farlo. Vuoi accedere laddove possono accedere i vaccinati? Puoi farlo benissimo, nessuno te lo impedisce, devi solo dimostrare di non essere infetto. Ti fai un tampone ogni 48/72 ore e sei a posto!!

Daniele C.
Daniele C.
20 Settembre 2021 20:49

Su questo referendum stanno facendo troppa pubblicità anche i media che solitamente tengono a nascondere informazioni che potrebbero danneggiare il pensiero pro vax e pro green pass. Bisogna capire chi c’è sotto e chi sono i reali promotori. Dovrebbero essere subito lapidati ed invece è tutto tranquillo e pacifico.

Simion Costantin
Simion Costantin
20 Settembre 2021 17:49

No al Green Pass

Grazia
Grazia
20 Settembre 2021 17:06

Volevo firmare ma non ci sono riuscita, non c’è un modo più semplice?

Monica
Monica
20 Settembre 2021 17:03

Non vogliamo il referendum, se vincesse il no all’abrogazzione del documento, più nulla lo potrà eliminare.