in

Piovono uova su Macron

Dimensioni testo

Tira una brutta aria dalle parti dell’Eliseo. Prima l’azione legale intentata da Macron e la première dame Brigitte contro un paparazzo birichino. E poi l’ennesimo episodio in cui il presidente francese diventa oggetto di scherno da parte del pubblico. In principio fu il manifestante che gli rifilò un ceffone, oggi è il turno di un uovo che ha rischiato di raggiungerlo in pieno volto.

La foto privata

Partiamo dalla foto incriminata. A realizzarla è stato tal Thibault Daliphard, paparazzo professionista, il quale nell’estate del 2017 era già stato accusato di essersi intrufolato nella loro residenza privata di Marsiglia mentre la coppia presidenziale passava qualche breve giorno di vacanza. Denunciato per vessazione e violazione della privacy, il fotografo se l’era cavata grazie al ritiro della querela. Non contento, però, ha ben pensato di esporre alcuni scatti privati di Macron e Brigitte di fronte all’Eliseo insieme alle fotografie di altri presidenti della Repubblica in vacanza. Secondo la radio francese Europe 1, la première dame e suo marito avrebbero considerato l’esposizione “una provocazione”, decidendo di sporgere denuncia.

Il rischi politici per Macron

Il tutto è da inquadrare in un momento non idilliaco per il presidente europeista. La sua stella sembra essersi un po’ appannata. E in Francia non sono mancate proteste di ogni tipo, dai gilet gialli ai contrari alle restrizioni anti Covid. In più, il partito di Macron è in difficoltà. Alle regionali del giugno scorso Republique En Marche a livello nazionale non è andato oltre l’11,2% al primo turno, contro il 27% dei Les Republicains e il 19,3% di Marine Le Pen (RN). Sintomo che le prossime elezioni generali – previste per aprile 2022 – quella che fu la marcia trionfale di Macron potrebbe non ripetersi. Secondo recenti sondaggi di inizio settembre, pubblicati da Harris Interactive pour Challenges, Macron sarebbe in leggero vantaggio sulla Le Pen, ma di fatto si tratta di un testa a testa. Come spesso accade in Francia, ad un possibile ballottaggio difficilmente la candidata della destra riuscirebbe a conquistare l’Eliseo. E per ora Macron viene visto come il favorito per la vittoria finale. Ma arrivare al primo turno con così poco vantaggio non sarebbe per il presidente un buon segnale.

Le contestazioni: uova contro Macron

A dimostrarlo, forse, anche l’odierna contestazione durante la visita del presidente al Salone internazionale della ristorazione. Mentre se ne stava assembrato con le guardie del corpo a parlare con la stampa, Emmanuel è stato raggiunto da un uovo che l’ha colpito all’altezza della spalla senza rompersi. A colpirlo un uomo, subito fermato dalle forze dell’ordine. “Se ha qualcosa da dirmi, venga pure”, ha detto il presidente, pronto a “vedere più tardi” il suo contestatore. Qualcosa di simile era successo non molto tempo fa, quando avvicinandosi alla folla per salutare i presenti, Macron incassò un ceffone in pieno volto a favor di telecamere. Gesti osceni, ovviamente da condannare. Ma non isolati: anno scorso il presidente venne preso nuovamente di mira. Unica differenza: quella volta l’uovo si ruppe.

macron colpito col uovo in testa