Quando le “risorse” usano il machete

Scrivo da Fermo, dove ultimamente c’è stato un po’ di movimento: una risorsa nigeriana s’aggirava con una roncola, un machete, una scimitarra, quello che era, comunque una roba che con un fendente ti stacca una testa e alla fine l’hanno preso, stava al Lido, sul mare, un posto adatto a mimetizzarsi, pullulante di risorse affilate. Questo in specie s’aggirava da giorni al cimitero, dove taglieggiava, all’occorrenza anche alla lettera, con un coltellaccio, i mesti visitatori; dopo è passato al machete e s’aggirava intorno a un plesso scolastico con centinaia di studenti, discretamente terrorizzati: fin troppo facile il riaffiorare di Kabobo, altra risorsa che nel 2013 al quartiere Niguarda di Milano ne squartò tre a picconate; subito riconosciuto come squilibrato.

Anche questo di Fermo è passato immediatamente per svalvolato, e con questo ci si limita all’ovvio, è chiaro che uno che va sbandando facendosi vento con un machete, tanto bene di testa non ci deve stare; più interessante sarebbe chiedersi come mai tutti i lunatici del mondo arrivano qua, ma non complichiamoci la vita, che poi capace che partono i mal di pancia dell’Ordine, di Art.21, dell’Anpi, dell’Arci, e son dolori. Alle corte: la risorsa in roncola è stata arrestata e qui comincia l’ennesima storia intollerabilmente razzista, perché il gip gli contesta addirittura il tentato omicidio ed è palese che si tratta di accanimento pregiudizievole al limite della xenofobia: ma come fa uno a volere ammazzare un altro se non sa cosa sta facendo? Se la sua mente è altrove?

Né è lecito, lo diciamo a beneficio di quel magistrato prevenuto, limitarsi a considerazioni psichiatriche, dovendosi altresì affrontare la questione da un punto di vista squisitamente sentimentale: è evidente che il ragazzo non ha ricevuto abbastanza amore, come disse quell’attrice per giustificare una risorsa pugile che l’aveva presa a pugni per strada; lucidissima dopo essere stata medicata, la giovane artista aveva proclamato, indefessa: no al razzismo, non cambierò le mie convinzioni. Brava, così ragiona una che resta umana, anche se con un occhio nero. Di più. È noto a tutti che la pazzia non esiste, come diceva Basaglia meritorio, folle è la società alienata e alienante, che crea l’uomo a una dimensione, che distrugge le risorse, malato è il capitalismo che distrugge il pianeta, come scandiscono i ragazzi di Greta che la sanno lunga.

Condividi questo articolo

6 Commenti

Scrivi un commento
  1. DA QUESTO, SI CAPISCE PERCHÉ’ IL MIO AMICO NIGERIANO MI CHIESE DI DIRE AI NOSTRI POLITICI DI FERMARE L’ INVASIONE DAL SUB-SAHARA, CITANDO CHE NON TUTTI PROVENIENTI DA LI’ SONO “BUONI”.
    IL PROBLEMA NON E’ SOLO EUROPEO, E NEL “IL VENERDÌ’ di REPUBBLICA” CONFERMA CHE IN TANZANIA (AFRICA ORIENTALE, PER CHI NON LO SA), INIZIA IL RIMPATRIO FORZATO DEGLI RIFUGIATI. SEGUE IL TESTO DAL LORO SETTIMANALE.

    “A partire da martedì inizia l’operazione di rimpatri dei circa 200 mila burundesi ancora presenti in Tanzania. L’esodo di massa era cominciato quattro anni fa, con la rielezione del despotico Pierre Nkurunziza per un terzo mandato. Un accordo tra i due governi ha stabilito che i rimpatri non saranno solo volontari procederanno al ritmo di duemila a settimana.

    • Ma tu ti rendi conto che, con tutto il rispetto, questo tuo fantomatico amico nigeriano non può determinare la politica di un governo?
      Non ho capito se lo dici con ironia o sul serio.

      • LA TRADUZIONE SEGUE IL TESTO INGLESE.

        I AM GLAD THAT YOU COMMENTED ON THIS. I WAS EXPECTING IT.

        FIRSTLY I WISH TO APOLOGIZE OPENLY, IF I APPEARED DISRESPECTFUL TOWARDS YOU, WHEN I WROTE THAT I FOUND SOME OF YOUR REPLIES “EMPTY”.

        YOUR REPLIES SHOULD ALWAYS REFLECT YOUR PERSONAL OPINION, AS IT SHOULD BE, BUT SINCE YOU EXPRESS YOURSELF IN AN OPEN FORUM, AND NOT PRIVATELY, IT WOULD BE OF GREAT BENEFIT TO ALL THOSE THAT PARTICIPATE, TO HAVE THE REASONS EXPLAINED, SO THAT WE MAY LEARN FROM YOU IF WE ARE IGNORANT IN THE MATTER. WITHOUT THIS, YOUR COMMENT REMAINS FOR US “AN EMPTY CONTAINER”.

        NO, MY NIGERIAN FRIEND IS NOT “FANTOMATICO”.

        I EXPLAINED TO HIM THAT I DO NOT HAVE ACCESS TO POLITICIANS, BUT THAT I CAN EXPRESS HIS VIEWS IN A FORUM, WHICH IS WHAT I DID.

        HE IS A LEGAL RESIDENT IN ITALY SINCE MANY YEARS.

        ________________________________________________________

        SONO LIETO CHE LEI ABBIA COMMENTATO. LO STAVO ASPETTANDO.

        IN PRIMO LUOGO, DESIDERO SCUSARMI APERTAMENTE, SE SONO APPARSO NON RISPETTOSO VERSO DI LEI, QUANDO SCRISSI CHE TROVAVO ALCUNE DELLE SUE RISPOSTE “VUOTE”. LE RISPOSTE DOVREBBERO SEMPRE RIFLETTERE IL SUO PARERE PERSONALE, (COME DEVE ESSERE), MA SE ESPRIME IN UN FORUM APERTO, E NON PRIVATAMENTE, SARÀ DI GRANDE VANTAGGIO PER TUTTI QUELLI CHE PARTECIPANO, DI AVERE LE MOTIVAZIONI, E DUNQUE IMPARARE DA LEI, DOVE SIAMO IGNORANTI NELLA MATERIA. SENZA QUESTO, IL SUO COMMENTO RIMANE PER NOI “UN CONTENITORE VUOTO”.

        NO, IL MIO AMICO NIGERIANO NON È “FANTOMATICO”.

        GLI SPIEGAI CHE NON HO ACCESSO AI POLITICI, MA CHE POSSO ESPRIMERE LE SUE OPINIONI IN UN FORUM, CHE È QUELLO CHE HO FATTO.

        È UN RESIDENTE LEGALE IN ITALIA DA MOLTI ANNI.

          • Grazie di cuore per il complimento. Ho “amici” da tutte le ideologie, perché da loro capisco tantissime cose, che vivendo via dal nostro paese per molti anni, non le conoscevo.
            E’ un bonus, mi correggono quando sbaglio esprimermi in italiano.

            In Africa ti direi “Maisha mrefu”, che tradotto é “Lunga vita”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *