in

Quando le “risorse” usano il machete

Scrivo da Fermo, dove ultimamente c’è stato un po’ di movimento: una risorsa nigeriana s’aggirava con una roncola, un machete, una scimitarra, quello che era, comunque una roba che con un fendente ti stacca una testa e alla fine l’hanno preso, stava al Lido, sul mare, un posto adatto a mimetizzarsi, pullulante di risorse affilate. Questo in specie s’aggirava da giorni al cimitero, dove taglieggiava, all’occorrenza anche alla lettera, con un coltellaccio, i mesti visitatori; dopo è passato al machete e s’aggirava intorno a un plesso scolastico con centinaia di studenti, discretamente terrorizzati: fin troppo facile il riaffiorare di Kabobo, altra risorsa che nel 2013 al quartiere Niguarda di Milano ne squartò tre a picconate; subito riconosciuto come squilibrato.

Anche questo di Fermo è passato immediatamente per svalvolato, e con questo ci si limita all’ovvio, è chiaro che uno che va sbandando facendosi vento con un machete, tanto bene di testa non ci deve stare; più interessante sarebbe chiedersi come mai tutti i lunatici del mondo arrivano qua, ma non complichiamoci la vita, che poi capace che partono i mal di pancia dell’Ordine, di Art.21, dell’Anpi, dell’Arci, e son dolori. Alle corte: la risorsa in roncola è stata arrestata e qui comincia l’ennesima storia intollerabilmente razzista, perché il gip gli contesta addirittura il tentato omicidio ed è palese che si tratta di accanimento pregiudizievole al limite della xenofobia: ma come fa uno a volere ammazzare un altro se non sa cosa sta facendo? Se la sua mente è altrove?

Né è lecito, lo diciamo a beneficio di quel magistrato prevenuto, limitarsi a considerazioni psichiatriche, dovendosi altresì affrontare la questione da un punto di vista squisitamente sentimentale: è evidente che il ragazzo non ha ricevuto abbastanza amore, come disse quell’attrice per giustificare una risorsa pugile che l’aveva presa a pugni per strada; lucidissima dopo essere stata medicata, la giovane artista aveva proclamato, indefessa: no al razzismo, non cambierò le mie convinzioni. Brava, così ragiona una che resta umana, anche se con un occhio nero. Di più. È noto a tutti che la pazzia non esiste, come diceva Basaglia meritorio, folle è la società alienata e alienante, che crea l’uomo a una dimensione, che distrugge le risorse, malato è il capitalismo che distrugge il pianeta, come scandiscono i ragazzi di Greta che la sanno lunga.

Condividi questo articolo