Quei commercianti dimenticati dal governo - Seconda parte

Condividi questo articolo


I negozi di vicinato sono dei luoghi più che salubri dove raramente ci sono assembramenti e dove nel nostro piccolo riusciamo a dare un servizio ad personam e nelle condizioni igienico-sanitarie migliori di altre strutture. Chiediamo alle associazioni di categoria di farsi sentire nei nostri confronti e nei confronti delle istituzioni, chiediamo incontri con tavoli aperti per poter comunicare con chi di dovere, per far sentire le nostre ragioni perché anche noi abbiamo bisogno di risposte concrete, ne solo tornando al lavoro in maniera sana e senza caccia alle streghe (con la paura di poter essere sanzionati per difetto di adeguamento alle disposizioni che non sono chiare) si potrà tornare ad una pseudo serenità, a far sentire anche la clientela tranquilla di poter investire il proprio denaro nei nostri negozi.

Siamo commercianti, siamo famiglie, siamo persone. Abbiamo bisogno di aiuti concreti che non sia solo “richiedi un finanziamento e paga e i debiti” abbiamo bisogno nel limite del possibile di tornare a costruire parte della ricchezza del nostro Paese.

Grazie per l’attenzione

Enza, Lodovica, Lucia, Monia, Marianna

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


12 Commenti

Scrivi un commento
  1. Perfettamente dello stesso parere: dal 1948 in qua l’Italia non ha mai conosciuto un governo così incompetente, confusionario ed incapace.

    Sarà difficile emulare questa gente…

  2. una domanda ma dopo piu’ di due mesi chiusi a che serve sanificare , anche perche’ se io sanifico in questo momento e mi entra un asintomatico mi spiagate io come ***** faccio a saperlo e quella sanificazione pagata cosa mi serve!

  3. Sono un ambulante ai mercati fiere e faccio anche itinerante pago regolarmente le tasse
    Come me tantissimi miei colleghi 2 mesi di arresti domiciliari non ho mai sentito parlare di ambulanti noi non esistiamo ma agli uffici tasse ci conoscono xche paghiamo le tasse
    Ma non parlano di noi non parlano di noi non parlano di noi. …. Ebbene si sta avvicinando il giorno dello sfracello Porro puoi fare un appunto si chiede un intervento in tempo grazie

  4. In relazione alla conferenza stampa su fase 2

    Sono basito di quanto gli aspetti umani e psicologici non vengano considerati, specie quelli relativi ai bambini che pagano, senza poterlo decidere, il prezzo più alto per un virus che per loro rappresenta un rischio praticamente nullo. Se ci fosse un sindacato dei bambini metterebbe a “fuoco e fiamme” le piazze…

    La limitazione della libertà personale è eccessiva per una fase 2 (lo era forse già per la 1). Cavolo, non siamo pecore, sapremo mantenere le distanze e le dovute cautele. Inoltre non stiamo giocando a guardia e ladri: che diavolo sta a significare l’espressione “non è un libera tutti”???
    Che paese….

  5. Prima dicono di essere sovratassati al 60% (in realta’ e’ molto di piu’), poi chiedono che lo stato tassi allo stesso modo i giganti del uebbe invece che abbassare le tasse a loro.
    Non c’e’ niente da fare: gli italiani sono talmente ottenebrati da una educazione scolastica criminale da non vedere la trave che hanno in quel posto mentre si sforzano di cercare la pagliuzza nel sopracciglio altrui e gli statali se la ridono con i loro posti inamovibili, le malattie, le gravidanze, le centoquattre, le duecentootte, le quattrocentosedice, le tredicesime, le ferie, i rol, i par, i permessi sindacali.

  6. Abbiamo molto da imparre. In Negli Stati Uniti le tasse si pagano dopo la chiusura dei conti a fine d’anno e poi in casi come quelli di oggi tuttie le persone chehanno perso il posto per la chiusura dei negozi hanno gia trovato nel loro coto un versamento di 1200 dollari da parte del governo. Da noi non si vede la luce di buon senso e del tempismo necessitato dai cittadini.

  7. Il sign. Conte dovrebbe solo dare le dimissioni con le sue potenze di fuoco a messo in ginocchio tutti gli italiani e tutta l’economia, a distanza di 2 mesi nessun italiano a ancora visto 1 euro l’unica cosa che ha fatto proporre di indebitarsi sopra a debiti già esistenti, come dovrebbero ripartire tutte le aziende e partite Iva? Per poi non parlare dei morti che hanno sulla coscienza visto che sapevano da gennaio per non parlare poi che erano prontissi e per fortuna altrimenti saremo morti tutti. L’unica cosa dignitosa dimettersi lui è i suoi compagni incapaci di gestire questo disastro.

  8. 2…anni alla fine sono nulla.Alle prossime elezioni se la compagine di questo gruppo di scapestrati scappati di casa non si presenterà farà solo il bene del paese.

    • Dissento. Due anni non sarebbero nulla per un governo “normale”, ancorché poco gradito.
      Con questo circo Barnum 2 anni sono LUNGHISSIMI !
      Riusciamo ad immaginare questa dittatura in fieri – e anche a velocita’ sostenuta – quello che riuscirebbe a fare ? E’ un disastro annunciato.

  9. associazioni di categoria, prestiti per pagare debiti, milioni sbandierati con potenza di fuoco!!!!! Chiedete ai volontari che distribuiscono alimenti di prima necessità come è la situazione attuale mentre il governo e vari consulenti si cincischiano con il portafoglio e la pancia piena

  10. Diciamo che questo gruppo di commercianti, con dignità e orgoglio per le proprie attività e con richieste sensate (per non perdere la loro attività e la loro possibilità di sopravvivenza), dà una bella lezione a tutto il populismo strumentale di tanti articoli che si leggono qui nelle varie zuppe.
    Senza piagnucolare, senza accusare il governo sempre e comunque per biechi motivi politici, fanno richieste sacrosante da cittadini responsabili e onesti. E il dovere del governo è quello di ascoltarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *