Riecco le Ong: ora dichiarano guerra anche al Conte bis

Chi non affonda si rivede, cara Sea Watch. Quasi un anno dopo, rieccoti a fare da traghettatrice di uomini dalla Libia all’Italia. Non c’è più Carola, però, caduta nel dimenticatoio dopo la bisogna, come una sardina qualsiasi, ed è l’ora di Giorgia Linardi. Che per la verità c’era anche lo scorso anno, in quanto portavoce della nave, ma che oggi ne è il volto mediatico e politico a tutti gli effetti. Rispetto alla pseudo capitana germanica il salto di qualità è evidente: tra tutti, la cittadinanza italiana (benché con studi universitari in Svizzera), il che ci libera dalla sgradevole sensazione di essere invasi da una tedesca – nel 1943 non era finita bene per nessuno.  Almeno sulle vicende nostrane non mette bocca una straniera.

Ma non vogliamo parlare della dottoressa Linardi per come è, altrimenti scatterebbe l’accusa di body sharing anche se le facessimo complimenti. Tratteremo di lei per quel che dice. E perché l’effetto film splatter è assicurato. Rispetto alla teutonica, il fare dolce della dottoressa Linardi era costruito per il nuovo governo, Conte II, privo del malvagio Salvini. Un esecutivo, credevano le Ong, che sarebbe stato amico come non lo fu neppure quello Gentiloni, con il semi cattivo Minniti, per la dottoressa Linardi una specie di Salvini senza capelli.

Il Conte II aveva infatti alla guida del ministero dell’interno Luciana Lamorgese capo di gabinetto di Angie Alfano, quello che con Letta e con Renzi aveva riempito l’Italia di clandestini. Una garanzia. E non avevano tutti i torti, gli immigrazionisti, a fidarsi di Luciana. Il Conte II è decisamente più prono alle ragioni dei mercanti di schiavi che i due precedenti. Già prima della pandemia gli sbarchi erano aumentati. Poi, i porti sono stati in teoria chiusi per il Covid, ma le navi di clandestini hanno continuato a sbarcare, mentre si è riaperto il fronte giuliano, che è un colabrodo. Non pago, l’esecutivo ha varato una sanatoria, in origine maxi, ma che, pur ridimensionata, ha dato la stura a tutto il Maghreb a partire verso l’Italia finalmente accogliente. I servizi ci informano che ventimila immigrati sono pronti a entrare, e oggi Il Tempo fornisce le cifre, crude come ogni numero: al 9 giugno del 2019 erano sbarcati 1878 persone, oggi sono 5461.

Eppure la dottoressa Linardi e Sea Watch non sono paghi. Da qui il film splatter: immigrazionisti vs immigrazionisti, la dottoressa Linardi e lo spirito della pluridottoressa Rackete contro Luciana e Giuseppi. «Non c’è discontinuità» con Salvini, stima la nostra, intervistata naturalmente da Repubblica, l’Italia non è ancora un «paese civile». Come Minniti, Luciana continua a fare accordi con i torturatori libici, tanto che si potrebbe accusare il governo  addirittura di «crimini umanitari». Peggio ancora, come se fosse un’estremista di destra qualsiasi, la dottoressa Linardi spiega che il Covid è un pretesto, «per ostacolare l’azione dell’Ong». Negazionista anche lei?

Ma cosa vuole la dottoressa Linardi visto che, come abbiamo visto, Giuseppi e Luciana si sono aperti in un modo che, nota giustamente la capogruppo al Senato di Forza Italia, Bernini «ricorda i governi Letta e Renzi»? La portavoce vuole il «passaporto europeo» per tutti, si dico proprio tutti coloro che mettono piede su una nave in Libia, o in qualsiasi altro posto, perché «i loro diritti umani sono abusati». Peccato che il passaporto europeo non esista, e quindi, passasse la folla richiesta linardiana, sarebbe semmai quello italiano. Non poteva la dottoressa, alla fine dell’intervista, mancare di inginocchiarsi anche lei, metaforicamente, di fronte al pregiudicat… eh martire della libertà, George Floyd.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
laval
laval
10 Giugno 2020 12:09

Sembra una favola; una volta in italia ognuno poteva esprimere la sua opinione, adesso la sinistra parla e gli altri devono solo ascoltare.
Gli incivili sono quelli che consentono un ingresso in Italia senza tutelare le necessità primarie degli immigrati.
Un tetto e il magiare quotidiano, senza venire meno al diritto degli italiani ad essere assistiti per primi.

Sal
Sal
10 Giugno 2020 9:23

“venti milioni di clandestini nullafacenti, parassiti e semianalfabeti”

Parole bieche, da infame razzista. Ecco perchè voglio che tu TACI!

Franco Parpaiola
Franco Parpaiola
10 Giugno 2020 1:53

Li lasciate sbarcare e quelli sbarcano. Il mercato di esseri umani e fiorente le le somme che girano sono da misurare in metri³ di soldi. Basta non lasciarli sbarcare , questo però dovete farlo voi in Italia. o quelli prima o poi vi cacceranno via da casa vostra.

Marina
Marina
9 Giugno 2020 21:57

Ma state tranquilli! I bravi Kompagni unitamente al popolo di Francesco si faranno carico di ciascun migrante, li accoglieranno nelle loro case/chiese metteranno mano nel proprio portafoglio e mostreranno a tutti i vecchi razzisti sovranisti populisti leghisti fascisti (non mi viene altro in mente) il vero volto umano.
D’altra parte basta guardarsi intorno per vedere come sono stati bravi a promuovere l’integrazione.

Nuccio Viglietti
9 Giugno 2020 21:25

Carola reclama…un ministero…Conte del grillo la convoca a Stati Generali…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Orazio
Orazio
9 Giugno 2020 21:00

Ma quando il popolo si sveglia…si preoccupano più x gli emigranti..che x gli italiani…gia vero noi non rendiamo nulla…invece il traffico di carne umana..rende ma rende tantissimo..alle mafie…a certa politica..sulla pelle di quei poveri cristi..altro come la sig.ra Boldrini si inginocchia in parlamento x un fatto ..doloroso…avvenuto oltre oceano..vedete queste persone radical chic…degli italiani non glienefrega nulla..sono anti italiani..nel loro dna..qualcuno di questi si sono inginocchiati x i 34 mila morti x il virus cinese..gia’ le anime belle non vogliono che si dica “cinese” sé no sei razzista x i dottori infermieri che sono morte x aiutare le persone colpiti dal Covid..Ci vogliamo svegliare..liberano i mafiosi..ci fanno invadere…non fanno nulla x i cittadini che da marzo non prendono lo stipendio..i negozianti disperati..le ditte che sono ferme..le scuole chiuse i nostri ragazzi abbandonati a loro stessi.No loro si preoccupano x i rom…x i clandestini…gia dimenticavo…monopattini e bici.e la gente muore di fame.Povera Italia nostra.

Lorenzo Fruscio
Lorenzo Fruscio
9 Giugno 2020 20:11

Ho un sogno: un Magistrato onesto, non “Palamarizzato”, che un bel giorno apra un’inchiesta sugli interessi nascosti ed il giro di denaro tra onlus sinistre-ong-politici del PD-IV che da sempre lucrano su questo giro di povere anime: “l’accoglienza” credo sia una dei business sotterranei degli ultimi anni, tutto ad appannaggio di una certa parte politica, che penso si sia “finanziata “ abbondantemente grazie a queste manfrine. Porti chiusi e blocco degli arrivi, lo fanno tutti, facciamolo anche noi. Sai che mal di pancia tra PD e IV!!!!Saluti

Morris
Morris
9 Giugno 2020 19:02

Il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro lo sosteneva molto tempo fa, chiaro non ci volevano gli scienziati della Nasa per capirlo, sosteneva che questa tesi era chiaramente rivolta a destabilizzare l’economia dei paesi, ma non si può dire. Al potere fanno comodi i buoni discorsi, la compassione, stop. Dal 1951 ci sono i tentativi di migrazione coercitiva di massa, o per meglio dire progettata, immigrati come revolver, ovviamente puntato palesemente sull’Italia.. si capisce anche dal documento del fondo monetario del 2016, basta leggerlo per rendersi conto in maniera palese che l’Ue vuole distruggere questo paese, abbassare i salari e permettere ad un popolo di clandestini di entrare nella manovalanza a pochi euro all’ora.. Possono tirarla per lunghe quanto vogliono Pd e 5 Stelle, prima poi arriverà il giorno del voto e la liquefazione per loro sarà pacifica come la luce del sole…