Rischiamo una Confindustria modello Giuseppi

Condividi questo articolo


In questi tempi bizzarri se Giuseppe Conte è Premier, diventa possibile che Carlo Bonomi, travet in un’aziendina di nove dipendenti – diconsi nove – a maggio assuma la presidenza di Confindustria. Forse c’è da augurarsi che gli industriali italiani in un sussulto d’orgoglio alla fine trovino, tra le oltre 150 mila imprese associate, almeno un capo azienda con una certa esperienza.

Bonomi, che solo dal 2013 ha avviato la propria impresa, peraltro grazie ai soldi del private equity, smania di succedere a Vincenzo Boccia, la cui società grafica Agb ha depositato al tribunale di Salerno una domanda ex articolo 182 bis della legge fallimentare. Nel 2017, ultimo bilancio disponibile, l’Agb dell’attuale presidente di Confindustria, che da anni predica rigore ed efficienza al Governo, ha registrato una perdita di circa 3 milioni di euro. La corsa per la poltronissima di Viale dell’Astronomia da parte di Bonomi – che prima della presidenza in Assolombarda è stato per anni un piccolo collezionista di incarichi associativi – è iniziata con un coup de théâtre che si dice abbia molto irritato il Quirinale.

Nell’ultima assemblea di Assolombarda, tenutasi alla Scala di Milano, Bonomi si accreditava, per contare sulla presenza di Mattarella, come il candidato unico per raccogliere il testimone di Boccia. Invece il giorno prima, con una mossa a sorpresa, Giuseppe Pasini, presidente degli oltre 1.300 industriali di Brescia, gli ha fatto lo sgambetto annunciando la propria candidatura a cui ne sono seguite altre. Gli imprenditori lombardi non hanno infatti raggiunto una comunione di intenti sulla figura del cremasco rampante Bonomi, pupillo di una vecchia gloria confindustriale come Diana Bracco alla quale Bonomi, con la sua Synopo, vende prodotti medicali che commercia con qualche difficoltà, visto che ha chiuso l’ultimo bilancio con 275 mila euro in rosso e circa un milione e mezzo di debiti a breve termine con le banche.

Attorno a Bonomi e alla sua corsa verso Roma, alcune contraddizioni interne ed esterne a Confindustria, incapace, dopo la clamorosa uscita di FCA, di fermare l’emorragia di associati. Da un lato, secondo una nota che è diventata virale, il favorito alla presidenza si dichiara un manager illuminato che vuole tagliare radicalmente le strutture periferiche confindustriali, accorpando direzioni generali, le 70 associazioni territoriali e le 15 federazioni di settore; dall’altro, pare che per ottenere il consenso necessario e in perfetta linea con gli attuali stilemi politici, promette cariche a destra e a manca, tra cui la prestigiosa presidenza della Luiss, quella de Il Sole 24 Ore e del Centro studi. Come se non bastasse, a reggere le fila del Bonomi-pensiero, il più romano e compromesso con l’apparato di Confindustria, l’immarcescibile Luigi Abete.

Ma ciò che maggiormente preoccupa nel momento in cui tutti considerano Confindustria indipendente e capace di sfidare partiti e governi, è l’appoggio esplicito di Paolo Grimoldi, un deputato della Lega che ha avuto gli onori delle cronache grazie ad una polemica sul “Diario” di Anna Frank.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


3 Commenti

Scrivi un commento
  1. La requisitoria è lo specchio della Nazione anche tra gli industriali, i quali hanno timore di impegnarsi nel più importante organismo di sviluppo industriale e di reddito dell’Italia. Come affermava il Manzoni se il coraggio non ce l’ai non te lo puoi far venire. In Italia, ciascuno, compresi gli industriali soprattutto ad alto livello, pensa al proprio orticello mancandogli l’orgoglio NAZIONALE

  2. É l’Italia che mom puo permetterselo ma se invece seguire norme e comportamenti razionali

    cadiamo nell’essere bizzarri ed eccentrici perché non continuare con la sequenza di falliti, ma un Bonomi probabilmente non sará scacciato facilmente come un Di Mayo.

  3. E’ dura la sua requisitoria contro Confindustria a soli 4 giorni dal 32° TELEFIASCO. E poi a parte l’emorragia di associati che mi sembra il minimo visti i risultati raggiunti, ed a parte i conti di Confindustria che non conosco, non è detto che per decretare il fallimento di un’ente sia sempre necessario l’intervento di un tribunale o il ricorso alla legge fallimentare. Basta molto meno, ovvero il coraggio di aprire gli occhi e guardare la realtà del MASSACRO FISCAL BUROCRATICO che grava sul sistema produttivo, e che tutte le CONF NULLISTE non solo Conf Industria, hanno da brave collaborazioniste, partecipato a realizzare dagli anni del boom economico fino ad oggi. Se gli associati se ne sono accorti ed abbandonano la nave e tirano in barca i contributi annuali, vuol dire che hanno tolto finalmente le fette di prosciutto che avevano sulle lenti oftalmiche dei loro occhiali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *