in

Salvini in Israele, i retroscena della visita

Preso a schiaffi dall’Europa e in leggero calo nei sondaggi dopo l’isterica gestione della Legge di bilancio, il Capitano Salvini torna in scena ripartendo da Israele e battendosi per trasferire l’ambasciata italiana da Tel Aviv a Gerusalemme. È questo il risultato più clamoroso e tenuto finora riservatissimo della sua visita ufficiale dei giorni scorsi dove è stato accolto come un figliol prodigo dal Premier Bibi Netanyahu.

La durata, 45 minuti, l’atmosfera e il luogo del tête-à-tête la dicono tutta: Salvini, pur senza cravatta, con pochi ma chiari concetti in testa, ha stregato il Premier israeliano. Netanyahu riconosce in Salvini un leader di livello, sperando di non sbagliare come fece con Matteo Renzi, al quale aveva aperto le porte della Knesset.  Se Il Presidente Reuven Rivlin ha evitato di riceverlo, in quanto vicino a movimenti estremisti in Europa, da Orban alla Le Pen, Netanyahu ha riservato a Salvini la zona più segreta del suo ufficio nel quartiere-fortezza governativo a Kiryat HaMemshala, nella Givat Ram di Gerusalemme: il cosiddetto “acquario”, a cui si accede da una porta a vetri corazzata che non consente di vedere quello che succede all’interno. Davanti a loro un piccolo tavolino con due telefoni, uno bianco ed uno nero, in grado di collegare il padrone di casa con chiunque nel mondo, soprattutto nelle zone militari più sensibili. Giusto per comprendere il vero senso del potere. Il traduttore, unico testimone.

Il risultato è che Salvini si batterà per trasferire la sede dell’ambasciata italiana da Tel Aviv a Gerusalemme. Con questo colpo a sorpresa strizza l’occhio a Donald Trump e a tutti quelli che lo considerano uno dei satelliti di Vladimir Putin. Poco importa se aumenterà la schiera dei nemici in Vaticano e se sulla scena internazionale oscurerà il Presidente Conte, il Ministro Moavero Milanesi e la Ministra Trenta. E fa pure tendenza, da vero influencer: visti inizialmente male per via della moglie iraniana di Grillo, ora anche i 5 Stelle stanno cercando canali in Israele grazie ad aziende nel campo cyber sponsorizzate da Casaleggio e compagni. Ma Salvini non è da meno neanche in questo: si è fatto promotore di un incontro in primavera tra le principali aziende italiane delle telecomunicazioni e le realtà israeliane. E su questa iniziativa, benedetta dal Premier Netanyahu, sarà in prima linea Jonathan Pacifici, Presidente del World Jewish Economic Forum e da sempre uomo di collegamento tra Roma e Gerusalemme.

Eppure non è stata l’accoglienza così calda che ha colpito Matteo in missione, preceduta da un viaggio del leghista Picchi, ex quarta fila di Forza Italia che ora agisce come “Ministro degli Esteri parallelo”, quanto i quattro tunnel sotterranei con cui Hezbollah, organizzazione sostenuta dall’Iran, cerca di entrare nello Stato ebraico terrorizzando la popolazione. E l’assaggio di quello che succederà con lo spostamento dell’ambasciata glielo ha dato Padre Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato Latino di Gerusalemme, già in corsa come Arcivescovo di Milano.

Gerusalemme è luogo simbolo delle tre grandi religioni monoteiste, crogiuolo di popoli diversi, punto nevralgico della storia del mondo: riconoscerla capitale di un unico Stato rischia di creare una situazione esplosiva. L’Onu si è già fatta sentire con una risoluzione votata da 128 Paesi, e l’allora rappresentante italiano presso le Nazioni Unite, Sebastiano Cardi, fu il primo a prendere posizione insieme con Francia, Gran Bretagna, Germania e Svezia. Era dicembre 2017, un’era geologica fa. Faremo marcia indietro come con il Global Compact? Lo spericolato Salvini non vede l’ora.

Luigi Bisignani, Il Tempo 23 dicembre 2018

Condividi questo articolo
  • 626
    Shares

29 Commenti

Scrivi un commento
  1. quando un ministro visita quelle zone, deve sempre stare attentissimo, anche se sembra che vada tutto “liscio” ,quelli ne sanno veramente una piu del diavolo…loro comandano il mondo, per meglio dire, sono i cattogiudei che hanno il potere del mondo, e se non fai comodo a loro….e al papa gesuita, hai poco da sperare! Che Dio, ma quello vero e bravo, protegga Salvini e il nostro governo!

  2. Renzi andò in visita in Israele e,apparte le solite cazzate che si dicono e fanno in tal paese quando lo si visita con il cappuccio sul cranio,disse al Netanyahu che l’Italia appoggiava il trattato di Vienna.
    L’avanzamento tecnologico israeliano rispecchia la grande capacità organizzativa del popolo ebraico e il suo pragmatismo.
    Doti simili al popolo tedesco e giapponese.
    Queste doti se si slegano da una visione d’insieme che comprenda la necessità di interagire con il resto del globo,porta a nefasti fatti.
    Il nazismo e il nazionalismo giapponese furono i frutti amari di tale mancanza.
    Facendo le debite distinzioni,nn si può nn notare che in Israele si stanno ponendo le basi di codesta “mancanza di visione”.
    L’innalzamento di muri come normale deterrente per dividere “l’umano” da un propio simile dissimulato sotto etichettature diverse(terrorista,estremista)sommata ad un lavaggio del cervello disumanizzante dei militari che sparano uccidendo senza un minimo accenno di ribrezzo,ne rifiuto tali categorie “inferiori” dovrebbero vedere i nostri rappresentanti più cauti nel dare patenti di terrorismo.
    Hezbollah sono inseriti nella gestione politica libanese in chiave multireligiosa e sono legati all’Iran per semplice vicinanza religiosa.
    Sono l’ultimo dei nemici per chiunque creda che si debba dare uguale dignità all’umano.
    Lo sciismo è combattuto alla pari degli “infedeli” da parte dei salafiti o degli jihadisti sunniti che hanno visto il loro finanziamento iniziale da parte degli USA in chiave anticomunista e,come nelle migliori tradizioni di guerre per procura,si sono poi rivelati i futuri nemici.
    Nn prima,comunque,di aver cacciato i sovietici dall’Afghanistan,perciò la visione strategica fu esatta.
    Si cerca sempre di mettere toppe a buchi toppati precedenti,rendendo come unico comune denominatore la divisione in più parti dell’umanità.
    Di “serie A”,giù a scendere.
    Nella frase di Golda Meir “non perdoneremo mai gli arabi per aver costretto i nostri figli a ucciderli” regna in toto una visione suprematista antiaraba a prescindere.
    Una frase che nemmeno dalla bocca del più estremo islamista nn ho mai sentito invertita negli addendi.
    Che Israele possa rappresentare un pericolo legato al dominio mondiale,come lo furono tedeschi e giapponesi è ovviamente impossibile.
    Ma,come una Corea del nord più armata e protetta a livello internazionale,lega la sua esistenza al sentimento di superiorità e verso la paura dell’aggressore esterno divenendo una potenziale miccia per un conflitto su larga scala,data la sua importanza nel quadrante territoriale in cui insiste.

  3. I conflitti religiosi non mi interessano, peró mi piaerbbe sapere se la mossa di Salvini é anti M6S o anti l’Europpa politicamente ortossa e perció in chiave di una UE riformata o una mossa apertamente filo americana. Preferisco pensare alla seconda opzione.

  4. Salvini ha fatto uno scivolone, schierandosi apertamente per una parte indifendibile e rilasciando dichiarazioni personali farneticanti.
    Del rito della kippa ripreso nella foto di questo articolo non c’era alcun bisogno. E’ un gesto di sottomissione tanto caro agli Israeliani quanto idiota per chi non è ebreo. Forse i politici israeliani si fanno il segno della croce quando incontrano il Papa?
    Dichiarare terrorista uno dei principali partiti politici di uno Stato sovrano confinante con Israele, le cui milizie collaborano sia con l’esercito nazionale che con quello siriano proprio nella lotta contro il terrorismo, è un controsenso. In Libano tutti rispettano il proprio esercito e le forze Hezbollah: le parole di Salvini hanno generato un certo sconcerto in tutto il Paese.
    Insomma, un elefante in una cristalleria avrebbe fatto meno danni.

  5. sono sempre stato per Israele è faccio mia la frase di Netanyau : la Palestina senza armi ci sarebbe la pace Israele senza armi sarebbe morta. Oltre alle telecomunicazioni ci saranno le produzioni di farmaci.ben venga tutto ciò. Gerusalemme è di Israele. Maometto e Halley non fecero nessun miracolo anzi…sono comparsi 1500 anni fa si..loro sono nell’anno 1570 ~

  6. Ha fatto una puttanata che non serviva, capisco che cerchi appoggi anche da parte di chi e’ molto attivo in Italia. Uno sbaglio, il primo e molto serio. A noi certe politiche in essere da quelle parti non devono interessare, e’ cosi semplice… davai Isoardi riprenditelo e dagli conforto ne ha bisogno.

  7. Salvini ha visto giusto. In poche mosse ha (avrebbe) già fatto assumere una leadership di fatto all’Italia. Le ultime volte si parla di 30 e 24 anni fa. E Salvini non è estraneo alla questione Libia.

  8. Ad un certo punto doveva scoprire le carte e l’ha fatto nel modo migliore. E’ un filosionista che finge di essere cattolico per ingannare i molti cristiani che l’hanno votato. Ma accostare sionismo e cristianesimo è un ossimoro e questo è noto anche all’ultimo degli sprovveduti.
    L’odio verso gli islamici trova ora una chiara e limpida giustificazione, la stessa per cui lavora Sion da almeno un secolo.
    Un vero pagliaccio e di livello assai basso.

    • Accostare Salvini al sionismo è da (crasse) risate a scena aperta. Odio verso gli islamici? Direi che si tratta di istinto di sopravvivenza, noi no odiamo nessuno, ma l’invasione va fermata! Se i musulmani vogliono pregare a Gerusalemme, nessuno glielo impedisce, ma loro vogliono tutto, come al solito. Ma sono arrivati … 3 :-)))

    • L’ossimoro sarebbe accostare i musulmani a qualunque altra religione. La nostra civilta’ e’ cristiano-giudaica, anche se a Lei non piace.

      • La nostra civiltà contempla lo Stato Laico e la Democrazia che nulla ha a che vedere con la Teocrazia che ci vuole imporre Papa Bergoglio che si sottrae al confronto democratico delle idee ma parla direttamente per conto di Dio e in questa veste non vuole ammettere dissidenze di nessun genere. Quindi l’accoglienza non va discussa essendo insegnamento del Vangelo. Gesù disse anche di dare tutti ai poveri e vivere una vita di miseria. Ma i nostri poveri sono molto diversi da quelli del Vangelo; ci sono ora falsi poveri che se la spassano fregando i gonzi che li sovvenzionano con le elemosine. Ci sono altri che figliano senza misura e vorrebbero farsi mantenere i loro figli da quelli che si limitano nei propri per non poterli mantenere. I poveri son spesso furbacchioni.

    • Perchè Maometto raccontò, nei suoi hadit (milioni di episodi giornalieri della sua vita, che non gli sarebbero bastati 200 anni per viverli tutti), che fu da Gerusalemme che lui partì per volare, in groppa del cavallo alato al-Burāq, con volto umano che secondo la leggenda avrebbe trasportato Maometto nella sua miracolosa ascensione notturna da Gerusalemme fino al settimo cielo dove allah gli offrì un caffè corretto con la sambuca.
      E sempre maometto affermò che sulla roccia, dalla quale spicco il volo miracoloso, senza maschera per l’ossigeno, sarebbe rimasto un segno che lui descrive come lo zoccolo del cavallo.

      Infatti la moschea sulla spianata di Gerusalemme, dove sorgeva il Tempio ebraico di Jahveh, distrutto dai romani nel 70 dC, si chiama la cupola della roccia, perchè dentro vi si conserva quella roccia
      E’ moto che la falsa religione islamica è molto immaginifica, ma resta il fatto che ad allah e maometto non si attribuiscono miracoli

  9. Chi era il giornalista entrato assieme a Salvini nell’ufficio privatissimo di Netaniahu e che riferisce tutto questo?

  10. Se tutti gli Stati europei portassero l’ambasciata a Gerusalemme, gli arabi, in primis hamas e abu mazen capirebbero che devono cambiare registro. La pretesa arabo occidentale di avere metà di Gerusalemme quale capitale di un fantomatico stato arabo, sarebbe l’ennesimo nella zona, è una mera posizione politica ed ideologica. I musulmani pregano 5 volte al giorno verso la Mecca, il loro luogo sacro per antonomasia, dove c’è la Kaaba, il contenitore cubico della pietra nera. Infatti, quando a Gerusalemme pregano sulla spianata del Tempio, mostrano il culo, (si può dire?) alla moschea di Omar, quella con la cupola d’oro. La quale sovente è un deposito di armi proprie ed improprie con le quali bersaglaire gli ebrei che pregano al Kotel sottostante. E dire che da lì maometto, che non è mai stato a Gerusalemme e che magari non è neppure esistito, avrebbe spiccato il volo sul cavallo bianco alato per raggiungere allah. Per i cristiani è la Gerusalemme celeste ed a loro importa un fico secco di averne parte come capitale ma di che? stanno dalla aprete dei musulmani perchè in linea di principio l’hanno con lo stato ebraico. Eppure le loro numerose proprietà in qualla che si ostinano a chiamare Terra Santa ma che di fatto è Israele che ben si guardano dal nominare, sono tutelate sin dal 1967, anno della riunione delle due parti. Occorre precisare che fu la Giordania ad invadere Israele occupando parte di Gerusalemme, decimandone la popolazione, lastricando i suoi gabnetti con le pietre tombali dgli antichissimi cimiteri ebraici. Invece, quyando i musulmani occupano città cristiane, sapèpiamo quel che succede ed è accaduto. Per non andare lontano, facciamo un salto a Cipro la cui parte nord è stata occupata dalla Turchia non 2000 anni or sono ma il 20 luglio 1974. Tutte e dico tutte le chiese e le proprietà vaticane sono state annesse e distrutte. la principale basilica era un lupanare con annessi gabinetti. I magnifici affreschi asportati e distrutti in quanto blasfemi. Quindi datevi una regolata, Gerusalemm era , è e sarà imperituta ed unita capitale dello stato di Israele. Tralascio tutti i reperti archeologici che mostrano come da 3000 anni in qua fu solo la capitale di Israele. Addirittura i Turchi non la fecero loro capitale. Neppure l’invasore giordano si sognò di diochiararla capitale di un nulla giacchè il pèresunto popolo palestinese non è mai esistito e fu inmventato dal terrorista arafat verso il 1964. Ma di che parlate.

    • Mi consolo a constatare che esiste anche altra gente che conosce bene la storia della falsità di maometto e della sua religione inventata di sana pianta, e copiata dai 5 libri iniziali dell’Antico Testamento, detti Pentateuco

    • Un commento da incorniciare che condivido. Finalmente qualcuno che sa di cosa parla! Gerusalemme è la capitale di Israele che ha dimostrato di saper garantire a tutti il transito e l’accesso per motivi religiosi.

    • Solito ebreo sionista educato a spargere falsità con una faccia di bronzo che solo un sionista può esibire.
      Tutti i ragionamenti dei sionisti fanno partire tutto il problema dalla creazione dello stato di israele ignorando volutamente e falsamente che il sionismo con le sue idee fondanti basate sulla violenza e sulla pulizia etnica nascono alla fine dell’800 sulle idee di Theodor Herzl.
      I padri fondatori di israele altro non erano che terroristi che cominciarono la pulizia etnica già dai primi del ‘900.Dichiarazioni del tipo” dobbiamo essere crudeli con gli arabi dobbiamo colpire le famiglie senza fare distinzioni tra colpevoli o innocenti compreso donne e bambini ” sono di quel bell’esempio di uomo che fu ben gurion, terrorista che operò con l’irgun (organizzazione terroristica che fece innumerevoli attentati contro civili disarmati) e uccise anche il rappresentante dell’onu nell’attentato all’hotel King David con 100 morti e innumerevoli feriti.
      I delitti sionisti dagli anni ’20 ai giorni nostri non si contano e l’appropriazione continua di terre altrui è nel dna del sionismo.
      Le bande di terroristi irgun ,haghanah, stern sono il tipico esempio di come israele sia nato da un pugno di terroristi, man a mano ingrossato dagli ebrei provenienti da tutti i paesi con il chiaro intento di una totale e completa pulizia etnica , tanto che già negli anni ’20 ben gurion aveva messo a punto un elenco di venti villaggi arabi da evacuare con la forza.
      Persino ebrei come Einstein e altri umanisti ebrei ebbero a scrivere su giornali americani che il comportamento dei sionisti in Palestina era peggio di quello dei nazisti nei confronti degli ebrei.
      Da settant’anni gli ebrei sionisti ci stanno raccontando che i terroristi sono i Palestinesi, facendo finta di dimenticare che i primi terroristi furono proprio gli ebrei.
      D’altra parte non è che il loro libro di riferimento sia un libro pacifista….
      Persino Sansone ha tutte le caratteristiche del terrorista visto che per combattere i filistei usò un metodo terrorista (con i mezzi di allora): muoia Sansone con tutti i filistei.
      Questione di dna…

    • Finalmente si osa publicare …ancora…una sana verita’. Ora, tutti i media debbono scrivere oscenita’ contro Israele e gli ebrei ? Un popolo che malgrado gli orrori dell’ ultima guerra, ha saputo, voluto andar avanti: costruendo, inventando anche quasi tutti i nuovi farmaci ! Come mai i movimenti BDS non hanno chiuso le farmacie ? o impedito di venderli ….
      Quindi : Lunga vita a Israele , Evviva !
      Franca

  11. A mio modesto avviso questa è la prima vera importante ed ingombrante stecca del Capitano. Non c’era affatto bisogno di mostrare al mondo intero la sudditanza agli Stati Uniti scimmiottando il presidente Trump, sulla delicatissima e spinosissima questione di Gerusalemme. Lo stesso Trump, che sull’argomento ha mostrato molta parzialità e conflitto di interessi, per via del genero Kushner, non si sa quanto sia obbligato nelle sue scelte di politica estera, dall’influenza del deep state, e dem-o-neocon.
    Il nostro ministro dell’Interno, giova ripetere interno, l’ha fatta fuori dal vaso, non solo perchè ha voluto forse per ragioni di propaganda- competitiva invadere volutamente un terreno non di sua competenza, ma perchè ha messo il cappello e strizzato l’occhio al terrorismo legalizzato e non sanzionato, israeliano che al di fuori da ogni regola di legalità internazionale ha ripetutamente bombardato la Siria dove hezbollah a differenza di Israele ha combattuto con successo il terrorismo islamista peraltro sponsorizzato e spesso armato dall’occidente, tramite l’Arabia Saudita, e definito dalla disinformazione pol-corr. “moderato”.
    Non so davvero, se fosse a conoscenza di tutta l’intricata questione quando ha deciso di assumere una tale posizione, ma se è stato consigliato, è stato sicuramente mal consigliato. E’ invece passata sotto tono in questi ultimissimi giorni la notizia, colta di sfuggita dal sottoscritto, del rinnovo delle sanzioni alla Russia, da parte della UE, e sarebbe interessante sapere se il retroscena dell’OK tutto sommato rapido, alla manovra italiana, non sia che una contropartita alla rinuncia dell’Italia a porre il veto. Se così fosse il Capitano a mio modesto avviso, potrebbe tranquillamente essere degradato a Sergente con debito di riconoscenza per la generosità mostrata.

    • Lai è un filopalestinese e, in cuor suo, un terrorista islamico.

      Il suo strambotto quì sopra non merita altro commento se non che di nausea gastrica profonda che provoca

      • Lei invece non ha capito una cippa. Israele ha tutto il diritto di difendersi, e nessun diritto di offendere con bombardamenti preventivamente difensivi. In Siria ha fatto questo ripetutamente, con l’autorizzazione tacita della FARLOCCA ALLEANZA OCCIDENTALE E DELL’ONU e la Russia è dovuta intervenire per porre un freno a ciò. Si informi meglio prima di giudicare.
        Sulla mia fede religiosa che non è affatto islamica, e che non c’entra nulla in questo discorso, non sono tenuto a darle alcuna delucidazione.

  12. Perché usare certe definizioni come “Preso a schiaffi” “Isterica gestione” e ” pur senza cravatta” nell’articolo ? Sa benissimo dott. Bisignani che l’Europa ha imposto un taglio netto alla manovra per non farci incorrere nella procedura d’infrazione! Allora perché infierire con linguaggio quasi di dileggio. Salvini è quello che tutti conoscono: diretto e sanguigno nell’approcciarsi con la gente. Poi cosa vuol dire che gira senza cravatta. In passato, anche recente, abbiamo avuto fin troppi personaggi con la cravatta. Ma hanno apportato qualcosa in più al popolo italiano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *