in

Sardine, i pesci ottusi che si muovono in branco

Dimensioni testo

Checché ne dicano o ironizzino quelli del centro destra, le “Sardine” a Bologna li hanno gabbati, prendendoli in contropiede, “Bestia” compresa. Oltretutto con un’idea eccellente in termini di comunicazione politica: fare l’opposizione all’opposizione, fingendo di essere terzi. Strategia geniale che richiedeva però un sofisticato petting comunicazionale che mantenesse il rapporto sotterraneo in un’area di ambiguità para sessuale. Invece, i giovani quadrunviri hanno avuto fretta di massimizzare i quindici minuti di celebrità, trasformando il petting subito in execution. Comunque un impatto interessante lo hanno consuntivato, grazie anche al termine “Sardina”, che nell’immaginario collettivo popolare ha più significati. Si pensi che per i greci antichi era addirittura il piano B del cibarsi: “se non hai carne mangia sardine”.

Perché i creatori del brand “Sardina” abbiano proprio scelto la sardina non lo sapremo mai. È un pesce-follower per definizione, si muove ottusamente in branco, con lo sguardo fisso dei servi, senza un briciolo di identità. Nel rapporto alimentare con l’uomo poi, deve mischiarsi con pesci più nobili per rappresentare un valore aggiunto: nel fritto misto è follower, così come con il “saor” che gli trasferisce una sferzata di energia caramellata. Non parliamo delle sardine sfigate che finiscono in una buia scatoletta. Poi ci sono i vecchi come me che le amano solo nella configurazione antica: nel barilotto di legno. Le tolgo il sale, la lisca, la testa e l’adagio su una fetta di pane lussuosamente imburrata. Una goduria.

Questo potrebbe essere un profilo “vendibile” in termini di comunicazione politica: la “Sardina” nasce povera, grazie alla sua salinità, al vivere a lungo nella socialità del barilotto (luogo di integrazione per eccellenza), cambia natura, quindi compete alla pari con il mitico burro, cibo dei Re. A quale di questi profili intende riferirsi il Quadrunvirato di “Sardina”? Lo capiremo presto. La mia prima percezione, visto e ascoltato il loro giovanile leader, è che si siano ispirati alle sardine del Mar Cantabrico. Sinuose, preziose, ma salottiere come le Madamin torinesi.

Ma un’altra lettura del caso “Sardine” ci porta ad affermare che la Natura è stata matrigna, assegnando loro il compito ingrato di sacrificarsi più di altri pesci sull’altare della catena alimentare. In questo senso ci sarebbe un parallelo a valenza politica: le “Sardine” sarebbero i cinquestelle. Per un anno sono state la catena alimentare della destra, ora lo stanno diventando per la sinistra, sacrificandosi per un ritorno al bipolarismo, prima di scomparire per sempre, però nell’elegante Mar Cantabrico.

Nell’attesa io mi mangio le sardine salate del barilotto con il burro della Cascina Roseleto di Villastellone, e lascio ai lettori le declinazioni politiche che preferiscono.

Riccardo Ruggeri, 26 novembre 2019

Zafferano.news