in

Scanzi si salva dal “semplice raffreddore”

andrea scanzi

Dimensioni testo

Pubblichiamo il commento di Antonio De Filippi sul caso del vaccino ad Andrea Scanzi. Nel frattempo, “Dagospia” lo ha stanato in un hotel a 5 Stelle di Merano, da dove il giornalista ha trasmesso la diretta in cui si difendeva dai critici. D’altronde, immunizzarsi gli serviva, perché assiste i genitori anziani. Dal Palace di Merano, rigorosamente fuori dalla Regione Toscana? Non male, la vita a 5 stelle dello Scanzi caregiver…

Scanzi si è vaccinato: bene, bravo, bis. Oggi ne ha fatta una giusta, forse nel modo sbagliato ma giusta, ma queste sono riflessioni da complottisti e pedanti (Foglio dixit), noi siamo tolleranti e positivi. Ma veniamo ai fatti: nella domenica di lockdown ho speso un poco di tempo su Twitter e trovo Scanzi in trend topic che combatte per il primato fra questioni calcistiche, Domenica In e Matilda De Angelis, mi incuriosisco e vado a guardare.

Una volta si diceva “bene o male purché se ne parli”, forse questo precetto è stato preso un poco troppo alla lettera, se ne parla eccome se se ne parla con una sequela di insulti e perculamenti da record. Ma come per una volta che ne fa una giusta lo massacrate?

Mi spiacerebbe se Scanzi fosse considerato un fesso, inattendibile, spregiudicato, superficiale, puerile, inutile personaggio (riporto e sintetizzo da Twitter), solo per aver preso una decisione a quanto pare necessaria per un figlio unico che si occupa amorevolmente degli anziani genitori.

Del resto è comprensibile la premura di evitare il dolore che prendersi “un semplice raffreddore (Scanzi dixit)” avrebbe potuto arrecare ai due anziani e giustamente preoccupati signori. Ma ora che ha imboccato la strada giusta, potremmo consigliare molte altre cose utili nell’ordine: si lavi le mani quando va a trovare i genitori; usi la mascherina anche ora dopo la vaccinazione; cambi sarto; ma sopra ogni cosa si risparmi la fatica di scrivere libri inutili sui cazzari e i chiacchieroni, Il suo esempio è sufficiente.

Antonio De Filippi, 22 marzo 2021