in

“Se lei ritiene di far meglio, ne terrò conto”. Parole di un leader inadeguato

La qualità di un buon Capo sta nel sentire poco e ascoltare tanto, o fare più attenzione alle parole degli altri che alle proprie

Dimensioni testo

Coronavirus, Conte al giornalista: "Se lei ritiene di poter far meglio di Arcuri la terrò presente"

Ho trovato singolare, nell’intervista all’ex Ministro della Giustizia Andrea Orlando, la sua preoccupazione nel dire che nei prossimi giorni il Governo subirà profondi attacchi da coloro che avranno l’intento di destabilizzare il Governo e farlo cadere. Il punto vero, non è far cadere il Governo, ma far rialzare l’Italia!

Ho sempre nutrito profonda ammirazione verso le Istituzioni dello Stato. Persone che per competenza, tecnica, conoscenza e capacità avrebbero dovuto essere una spanna sopra tutti noi cittadini. Oggi questa vena romantica sta scomparendo lasciando spazio allo sconforto nel vedere il livello dilagante di incompetenza che sembra investire i palazzi del potere. Questo non vuole essere un attacco diretto ad una o più persone, bensì una considerazione oggettiva verso coloro che sicuramente non sono “cattivi” ma profondamente inadeguati.

Siamo passati dal “concediamo di” e “non concediamo a”, al dire ad un giornalista “Se poi lei ritiene di far meglio” – riferendosi all’operato del Commissario Arcuri – “ne terrò conto in futuro”. Il Presidente del Consiglio dei Ministri di un Paese non può rispondere con un tono così nevrotico ad un giornalista che pone una domanda assolutamente legittima sui prezzi calmierati delle mascherine chirurgiche. Che non si trovano! Anche perché, l’annuncio sui prezzi calmierati, non era certo stato fatto a reti unificate dal giornalista in questione… e a buon intenditore…

Un buon leader, che sia in azienda o al Governo, è una persona che si circonda delle più alte competenze in ogni settore e ne fa una sintesi lucida e chiara. Immagino che Roma sia complessa e gli equilibri molteplici ed instabili ma, un buon leader, è colui che non fa il funambolo ma prende il “toro per le corna” negli interessi della Nazione che è stato chiamato a guidare.