Commenti all'articolo Serra, il radical chic che insulta la Lombardia

Torna all'articolo
Avatar
guest
83 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fabio
Fabio
19 Aprile 2020 19:48

Pienamente d’accordo con l’articolo, però secondo me non si coglie il vero punto della questione. La si butta in politica, destra vs sinistra, ma qui la questione è ben più profonda, è ben più grave. Questi attacchi alla Lombardia non sono, come pensava qualche anima candida, polemiche nel merito della gestione sanitaria dell’emergenza; ma non sono neanche “semplici” polemiche politiche strumentali, diciamo alla Travaglio, per attaccare la destra alla guida della Regione. Il vero obiettivo non è il “sistema di potere lombardo”, ma la Lombardia in sè e quello che rappresenta. Quello che traspare dall’articolo di Serra non è semplice odio politico da radical chic. E’ revanchismo, rancore, invidia, anni di complessi che si sfogano, la gioia infinita di vedere finalmente l’odiato territorio nemico in ginocchio ed essere pronti a sferrare il colpo di grazia. La vera questione di fondo è quella che ci portiamo dietro dal 1861. C’è una totale incompatibilità di mentalità, di visione delle cose, tra le due parti del Paese (che non combaciano perfettamente con Nord e Sud, ma al 90% sì). L’articolo di Serra, delirante, vergognoso, demenziale, almeno è intellettualmente onesto. Serra non si nasconde neanche più, scrive apertamente qual’è il pensiero di quella parte del Paese, che vede da sempre la ricchezza del Nord come un’intollerabile ingiustizia. Che vede il lavoro, il darsi da… Leggi il resto »

Roberto T
Roberto T
19 Aprile 2020 14:08

92 minuti di applausi, disanima perfetta

Valter Valter
Valter Valter
18 Aprile 2020 21:08

Capiterà prima o poi che Serra, magari in compagnia di Fazio e Lerner, incontrerà un “magutt” bergamasco, di quelli che hanno dei badili al posto delle mani. Si riuscirà da tre che sono a metterne insieme uno intero con sembianze ancora umane ?

Calabria
Calabria
18 Aprile 2020 19:19

Sono un “confindustriale lillipuziano” calabrese.
Sono un terrone -fiero di esserlo- che si ostina (guarda un po’) a mantenere, nel mio piccolo, la Nazione; che pratica la volgare usanza di lavorare, anch’io insieme ai miei 15 collaboratori.
Sono titolare di una piccola Impresa che alza le serrande quando l’immaginifico ( eufemismo) Serra è ancora nelle braccia di Morfeo.
Evviva! Il Nostro non si è accorto che anche in Terronia esistono i volgari “lavoratori”, altrimenti avrebbe offeso anche noi.