Sindacati, sciopero da irresponsabili

Condividi questo articolo


È stato particolarmente fastidioso prendere atto delle minacce dei sindacati nelle ultime ore. Fastidioso certo, ma la cosa non mi ha stupito più di tanto. In un momento di profonda difficoltà, paura ed incertezza per il futuro il sindacato non ha perso occasione per qualificarsi per quello che è.

Una organizzazione anacronistica ferma agli anni ‘70 senza visione strategica che ha come unico obbiettivo quello di proteggere se stessa. Altroché i lavoratori! Spesso non si sa, e sicuramente non si ricorda abbastanza, che i sindacati dei lavoratori possono licenziare senza giusta causa i loro dipendenti. Infatti la legge che giustamente tutela dipendenti e lavoratori dai licenziamenti senza giusta causa e discriminatori (cosa gravissima) non trova applicazione nelle organizzazioni sindacali.

Immagino lo stupore di tanti! Perché dovrei fidarmi di una organizzazione che promette di difendermi se lei stessa non difende chi lavora per lei? È una domanda semplice che ogni persona dovrebbe farsi prima di dare in dote al sindacato una percentuale del suo stipendio.

Uno stipendio che il lavoratore si è sudato con grandi sacrifici, con impegno e dedizione. Il sindacato invece vive come una parassita sulle spalle di quei lavoratori onesti che viste le leggi che governano i licenziamenti penso che vorrebbe lavorare per tutti fuorché per il sindacato stesso. Oggi bisogna essere più che mai realisti e poco romantici. Tante aziende che hanno chiuso non riapriranno. Tantissime aziende stanno perdendo quote di mercato, ordini, clienti e anche fornitori. La filiera si sta rompendo.

Gli imprenditori non sono degli assassini! Hanno tutelato i loro collaboratori. Uniti abbiamo combattuto contro la paura perché consci della grande responsabilità a cui questa missione oggi ci chiama. Quella di non fermare il nostro Paese!!

Oggi abbiamo necessità di essere uniti verso un nemico. Nemico che non è l’impresa ma è crisi economica e sociale che avrà una onda d’urto molto pesante nei prossimi mesi. Chi sciopera non fa certo un dispetto agli imprenditori. Fa un dispetto a se stesso! Sciopera contro il suo futuro e contro il futuro dei suoi stessi figli.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


16 Commenti

Scrivi un commento
  1. Il sindacato così com’è attualmente in italia è obsoleto, sempre ideologizzato , arretrato, superfluo.

    Ricordo due cose.

    La prima che , almeno fino a pochi anni fa se non ricordo male, i sindacati non avevano bilanci economici e/o stati patrimoniali pubblici e pubblicati.

    Secondo, tanti terroristi importantissimi degli anni di piombo provenivano dai sindacati.

    I sindacati servono, ma devono esser moderni, pragmatici, anche durissimi se necessario.

    Attualmente sono dei dinosauri pronti all’estinzione, inutili.

  2. Gentilissimo dott porto, lavoro da un commercialista , mi occupo in particolare del settore paghe . Il delirio , in una azienda ci è capitato che il sindacato si rifiuta di firmare L accordo cigo se la ditta non anticipa la somma e non integra la retribuzione persa del dipendente, si rende conto dove siamo arrivati . Alcuni imprenditori sono alla frutta e questi soggetti , anziché dare una mano danno il colpo di grazia .chissa chi pagherà loro gli stipendi se i loro assistiti perdono il lavoro . Un altra prima di firmare L accordo voleva fare un incontro con i dipendenti .. non L ho mandata a quel paese non so perché . Oddio non sono tutti così ma tanti .. grazie del suo tempo e buona guarigione!

  3. Purtroppo il sindacato la fa da padrone, distruggendo il Paese. Lo ha fatto in tutta la sua recente storia. Trova anche il terreno favorevole: quando si riesce a mettere in competizione la produzione industriale col diritto alla salute – non importa se si tratta di verità o menzogna – le pulsioni distruttive prevalgono. Vedi ILVA di Taranto

    • Per questi “mangia a sbafo” ci vorrebbe la Thatcher. Il sindacalismo va troncato sul nascere, senza esitazioni, senza pietà.

  4. È vero o non è vero che i sindacati possono licenziare impunemente i propri dipendenti?

    Sal, rispondi:

    1. È vero □

    2. Non è vero □

    • Non ne ho idea, ma sembra che tu lo sappia bene dal modo in cui lo chiedi.

      Da quello che ho sentito dire hanno addirittura anche lavoratori in nero (non so se corrisponda a verità)

      Detto questo, negare la funzione del sindacato nella storia del lavoro in Italia e più in generale della storia politica non è da persone serie.

      Criminalizzare i sindacati, dopo la Magistratura? Poi cos’altro?

  5. Una criminalizzazione così ignobile del sindacato in tanti anni non l’avevo mai letta prima. Neanche gli uomini politici più reazionari del 20 secolo hanno tirato fuori una mostruosità del genere.

    • Il sindacato mai ha dimostrato di voler fare i miei interessi, anche se sono nella categoria privilegiata dei lavoratori dipendenti. Anzi, l’unica cosa che pensava di proporre erano assemblee e scioperi.

      Felicissimo di non essere mai stato iscritto.

      • Mi permetta di dissentire leggermente . Faccio parte dell’altra medaglia . Dal 1968 al 2011 sono sempre stato iscritto al Sindacato. Li ho girati tutti CGIL – CISL- UIL – CISAL – QUADRI – FEDERMAR – PENSIONATI cisl , non perchè io sia un voltagabbana ma per aver litigato sempre con qualcuno per qualcosa. Secondo il mio punto di vista nel corso degli anni il ” Potere ” ha tentato , riuscendoci , di indebolire la forza contrattuale del Sindacato . Nel 2007 , prima che andassi in pensione , mi sono trovato come Comandante a bordo di una nave sulla quale ero l’unico iscritto ad un sindacato. Per legge essendo rappresentante dell’Armatore non potevo nemmeno scioperare, però : in quel periodo il contratto prevedeva 4mesi a bordo 2mesi a casa ( più o meno ) , normativa raggiunta negli anni precedenti con giorni e giorni di sciopero dei numerosi iscritti. Successivamente , nel 2009 , il periodo fu riportato a 6/8 mesi a bordo senza che qualcuno potesse dire ” bà” in quanto non c’era alcun Sindacato che potesse vantare una certa rappresentanza. Adesso sono passati oltre dieci anni da quando ho dato fondo all’ancora , ma sono in contatto con miei colleghi che hanno una normativa contrattuale simile se non peggiore a quella che avevo io 40(quaranta) anni fa e leggo storie da far rizzare i capelli. Ovviamente entrando nei dettagli abbiamo visto Sindacalisti diventare Presidenti della Camera e/o Presidenti di qualche Istituzione , crearsi una pensione d’oro ecc.ecc.ecc. ma era la ” mancetta ” per distruggere una sana ( all’inizio ) istituzione. PS : ho cercato di non essere troppo logorroico , avrei pagine e pagine da scrivere.

        • Le faccio un controesempio da circa 7 anni fa. Mia madre ha chiesto aiuto al sindacato per andare in pensione e per cercare di fare un conguaglio di alcuni anni che aveva svolto ad inizio carriera. Risultato: non è stata minimamente aiutata, anzi, ha dovuto combattere da sola l’INPS per avere quello che le spettava.

          Siccome molti problemi sono emersi dopo che effettivamente era entrata in pensione, il sindacato le ha detto (parafrasando) “ci scusi ma siccome lei non lavora più non possiamo più aiutarla”.

          Questi dovrebbero essere chi aiutano i lavoratori? Ma ci prendiamo in giro?

          • Eg. Beltrame , il concetto che volevo far passare è che senza una forza contrattuale data da numerosi iscritti è praticamente impossibile ottenere qualche miglioramento normativo e salariale . Io per la mia pensione mi sono rivolto ad un patronato che ha svolto bene il suo lavoro . Sono rimasto iscritto fino al 2011 poi causa l’immobilismo sindacale sul blocco della indicizzazione delle pensioni fatta dalla Fornero per protesta ho stracciato la tessera . Probabilmente sua mamma ha trovato un k…., uno di quelli che ha trovato anzitempo il suo reddito di cittadinanza senza avere alcuna competenza. PS : Nel caso specifico del preventivato sciopero sono dell’idea che un Governo serio dovrebbe fornire tutti gli operai di mascherine protettive ( non quelle di carta igienica ) e come dice Porro in un suo commento tenere agli ” arresti domiciliari ” i più precari di salute e per fasce di età , ma anche qui discorso complicato. Saluti.

    • Criminalizzazione dei sindacati italiani che pensano a tutto fuorchè gli interessi dei lavoratori. Forse fino agli anni 70 hanno svolto un ruolo utile, ma poi si sono fermati lì e hanno preferito dedicarsi alla politica.

      S’informi su quello che hanno realizzato i sindacati in Francia (per dirne una), come funzionano e quali sono i diritti dei lavoratori là e magari capirà anche lei che i sindiacati in Italia fanno tutto fuorchè quello per cui sono nati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *