Solo chi è stato povero capisce il piacere di avere banconote in tasca

Caro Riccardo, è tradizione che, periodicamente, il diretùr di una testata, qualsiasi testata, in questo caso Zafferano, intervisti o faccia intervistare il proprio Editore. In molti casi accade perché l’Editore ha qualcosa da dire e chiede spazio, in questo, invece, perché vorrei porti pubblicamente la domanda che ti faccio tutte le settimane in privato: come stai?

“Sono felice, grazie. Sto lavorando intensamente su un testo diverso, per stile e contenuto, da tutti quelli che ho prodotto finora. Credo che in autunno gli abbonati di Zafferano avranno una sorpresa di quelle grosse e persino un po’ spiazzante”.

Terremo occhi e orecchie bene aperte! Intanto questo sabato, qui su Zafferano, c’è uno speciale dedicato alle politiche italiane ed europee sul contante. Poi ne faremo un altro il 15 agosto, ma non voglio anticipare nulla, poi avremo due settimane di riposo redazionale e ci rivedremo il 5 settembre. Il contante è un argomento difficile: su di esso c’è un’elevata quanto superficiale polarizzazione. Dirò di più e non è un’esagerazione: ad esso è intrecciato il sentimento del nostro benessere e della nostra salute fisica. Te la senti di rifletterci sopra?

“Certamente. L’ho fatto spesso anche nei miei Camei. Ma negli ultimi tempi ho un animo narrativo: permettimi dunque di usare il racconto della mia esperienza sotto il lockdown, che per me è stato particolarmente duro, almeno nella sua fase iniziale. Con una premessa, a questa intervista ho risposto con un linguaggio scanzonato tipico da bar. Null’altro che un divertissement estivo. Nulla a che vedere con gli altri amici che hanno affrontato con competenza e rigore il tema. Ciò detto, mia moglie, mentre eravamo a Bordighera per mie ragioni di salute, si è rotta il femore in pieno Codiv. Rimase un mese completamente isolata da me da un invalicabile, ovvio cordone di sicurezza sanitaria. Altrettanto fu per me per rispettare la legge (sono un fissato della legalità, ho adottato e adotto tuttora un lockdown estremo). Non scendo nei dettagli ma se non avessi avuto i contanti (non si confonda i contanti con il nero come fanno gli intellettualmente disonesti) sarebbe stato tutto incredibilmente più difficile, se non impossibile. Le conseguenze avrebbero potuto essere severe”.

Come proseguì?

“Mi accorsi che la quotidianità, con l’intera vita civile sotto scacco, era legata, almeno per me, a doppio filo al contante a disposizione. Per il cibo non ci siamo mai avvalsi dei prodotti globalizzati dei supermercati (quelli che non marciscono mai), qui, abbiamo i nostri due fornitori basici: alle 10 arriva il pescatore al porto, alle 7 in piazza, ogni due giorni, trovo quella che chiamo con affetto “la mia contadina”: un cestino di verdure dal suo orto e qualche agrume. Lei non ha il Pos io la pago in contanti. Come faccio con tutto il resto. Solo chi è stato povero capisce il piacere di avere banconote fruscianti in tasca e di darle a chi le merita senza intermediari”.

Alcuni ti chiederebbero se non provi sensi di colpa per simili traffici con banconote di carta e forse addirittura con monete di metallo.

“Siccome pago tutte le tasse, ho il diritto di “ricoverare” i miei quattrini indifferentemente in un investimento, in una banca, in una cassetta di sicurezza o sotto il materasso. O di trasmetterli nelle mani di una contadina, in cambio di verdura e frutta. È ignobile accusare noi vecchi di essere contro il progresso per l’uso più o meno intensivo di una carta di credito, noi vogliamo utilizzare il nostro contante per comprare ciò che ci piace, senza essere controllati da chicchessia. Non ho mai capito come una questione così importante come la libertà possa essere ridotta alla stupida e superficiale battuta: ‘Ma se non hai niente da nascondere che t’importa? Usa il denaro elettronico’. La libertà individuale è qualcosa di più grande che non aver niente da nascondere”.

Questa è chiaramente sedizione contro il potere costituito.

“Non capisco cosa c’entri lo Stato. Uno Stato che vuole sapere come io spendo i miei quattrini è uno Stato etico, cioè uno stato nazicomunista, stile Silicon Valley o l’orrenda Cina di Xi Jinping”.

Faccio l’avvocato del diavolo e la prendo dall’altra parte: e la contadina? Non è un chiaro esempio di “nero”?

“Guarda, ho già affrontato l’argomento in un vecchio Cameo. Abbandono dunque le risposte narrative e te ne do una statistica. L’Istat stima il ‘sommerso economico’ (quindi non l’illegale) in 255-265 miliardi di euro, il 17% del Pil. Questo sommerso riguarda spesso cittadini di modesto reddito, non garantiti. Solo un idiota potrebbe dedurne meccanicamente le imposte ricuperabili, perché la quasi totalità di esse – minime nel valore, però diffuse a pioggia – non esisterebbero in un normale regime fiscale”.

Questa è bella.

“Un esempio vero: un pescatore siciliano già in pensione, metti a 700 euro/mese, esce in mare meno di 200 giorni all’anno, pesca mediamente 30 kg/giorno, il 70% del quale ‘pesce povero’ (5-10 euro al chilogrammo se lo vende ai privati, la metà se ai grossisti). Dedotte le spese vive per barca-gasolio-reti-ami, se dovesse pagare anche le aliquote fiscali in essere, non andrebbe certo per mare ma all’osteria. E addio a presunti 200 miliardi in più di Pil”.

Qualcuno dovrà spiegarlo ai Professori.

“Che dovrebbero leggere di più Ivan Illich. Ad ogni modo, basterebbe accettassero che nelle classi povere (non fesse) tutto questo che ho raccontato sia configurabile non come ‘evasione’ ma come ‘welfare autogestito’ che mantiene in parte anche i bamboccioni educati dal politicamente corretto a non lavorare, a studiare discipline inutili, a sfilare, a sdraiarsi sul divano di cittadinanza. Purtroppo i molti imbarazzanti dibattiti giornalistici sul contante, che confondono con il nero, sono roba da perdigiorno delle Ztl”.

Possiamo dire che dietro la lotta al contante c’è un malcelato disprezzo per i poveri e la volontà dello Stato di diventare il titolare esclusivo di ogni forma di welfare o, per dirla meglio, di sopravvivenza?

“Possiamo dirlo”.

I media hanno lavorato molto negli ultimi anni per associare il contante a una fantomatica colpa che, scherzando ma non troppo, potrebbe essere quella di possederlo.

“Non mi lascio intortare. Il mio sarebbe il caso esemplare di un vecchio che secondo lor signori dovrebbe vergognarsi? Fino a quarant’anni ho fatto parte della classe operaia, pagato con una cifra netta che scontava un lordo comprensivo di tasse e di contributi. Poi divenni un supermanager, quindi un Ceo di multinazionali, ma la modalità era sempre la stessa: leggevo un ‘lordo’, ricevevo un ‘netto’. L’unica differenza era l’importo. A 62 anni fui licenziato e andai in pensione; ebbi una pensione contributiva, ripeto contributiva, stante i 43 anni di versamenti cash. Mi posso vantare di essere sempre stato un contribuente fiscalmente impeccabile. E sono stato pure un cittadino impeccabile: come tutti quelli nati poveri sono un risparmiatore implacabile. Ho un obiettivo: voglio lasciare ai miei nipoti quanti più quattrini posso. In un mondo ignobile come quello del Ceo capitalism, i quattrini serviranno loro per potersi pagare la libertà, il privilegio più alto per un essere umano, per potersi “disconnettere” da questo sistema. È per questo che il contante è sempre più colpevolizzato: perché è una polizza assicurativa per non essere zombie e neppure complici della classe dominante”.

Lasciatelo dire: questo tuo amore per il contante è soltanto amore per la libertà.

“Esatto. Amo le banconote, disprezzo il denaro elettronico, i bitcoin li considero moneta da Isis e da criminalità organizzata (vedrai che un giorno ci sarà il renminbi-bitcoin e il dollaro-bitcoin). Uso la carta di credito solo per voli aerei e hotel (sarei comunque schedato), non utilizzo Uber e Airbnb per non essere tracciato, non compro su internet, quando devo acquistare un bene in Italia che costa più di 1000 €, per rispetto della legge, non lo compro: così sono un uomo libero e non, come vorrebbero, un consumatore. Mi restano le banconote e me le tengo strette, parte nel portafoglio, altre nel materasso, qualcosa in banca. Amici economisti e amici magistrati mi spiegano, non i reati che non ci sono ma gli errori in cui incorro: loro, in buona fede, sognano la scomparsa del contante, lo considerano ‘sterco dei delinquenti’, pensano che faciliti operazioni illegali. Io penso di no. E sono certo che l’uso esclusivo di moneta elettronica sarebbe un colpo mortale alla mia libertà, i criminali userebbero il renmimbi-bitcoin”.

Ma non hai paura dei ladri?

“Certo, i ladri (privati) possono rubare le banconote, razziandole dal materasso (però che bello dormirci, farci l’amore, con loro sotto che sfrusciano). Ma sai cosa ti dico? Meglio il rischio dei ladri ‘privati’ ma essere garantito dai ladri ‘pubblici’. Per tacer del fatto che, dal ’92, nel DNA ho impressa la faccia del topolino Amato. Hai notato che tutti i Premier che si sono succeduti si rassomigliano anche fisicamente? Hanno l’imprinting del Deep State.”

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
20 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Davide V8
Davide V8
17 Agosto 2020 1:39

Bell’articolo. I contanti sono importantissimi, e lieto che rimarchi un concetto che esprimo spesso: senza un certo tipo di evasione, le attività economiche relative sparirebbero, quindi è un favola per lobotomizzati pensare si possano recuperare certe cifre.

Due critiche:
1) Non capisco perchè insista con la scemenza senza senso della pensione “contributiva”.
La normativa, i regimi vigenti, le date, sono inequivocabili, e c’è poco da discutere.
Tra l’altro, se ora ci dice che fino a 40 anni (quasi metà vita lavorativa) faceva parte della “classe operaia”, da un punto di vista previdenziale peggiora la situazione.
Trovo fastidiosa questa insistenza nell’affermare una cosa errata, e non ne capisco la ragione.

2) I bitcoin sono la moneta elettronica che consente di rimanere liberi (anche più che coi contanti, dal punto di vista dell’inflazione): è dell’Isis tanto quanto i contanti e quindi tanto quanto lei.

Leon
16 Agosto 2020 19:50

Va bene,
però la pronuncia giusta è àpota. “Colui che non se le beve”.
L.

giuseppe vallesi
giuseppe vallesi
16 Agosto 2020 19:44

…si si, ma al di là di questo di sicuro piacere, c’è anche il fatto, come dovrebbe insegnare il film Parasite, pieno di oscar, anche troppi, ed assai povero di critiche esatte, che il “povero”, una volta che vede un bel po’ di soldi, si acceca come e più del ricco e se può far fuori un altro povero, anziché il ricco, per tenersi tutto il bottini, non ci pensa due volte ed è assai più crudele e cattivo di qualsiasi riccone!! La verità sta nel mezzo, si nel mezzo più efficace di arricchirsi, ricchi o poveri che si sia!!

stefano
stefano
16 Agosto 2020 19:40

Fino al limite vigente solo contante.E più insistono e più aumenterà il contante.

Andrea.Doria
Andrea.Doria
16 Agosto 2020 16:18

Non sono mai stato ricco, ma trovo più pratico pagare quasi tutto con carta di debito che con contanti. Faccio in questo modo da quindici anni.

Chiara
Chiara
16 Agosto 2020 14:00

Ruggeri, sempre interessante e istruttivo leggerla.
E piacevole, detto in piena libertà

Kim
Kim
16 Agosto 2020 12:12

Senza contante diventa più difficile pagare in nero i propri schiavi, andare con le escort senza farlo sapere alle mogli, evadere il fisco , comprare cocaina. Poveri ricchi come faranno! Aiutiamoli…

Michele Fratti
Michele Fratti
16 Agosto 2020 10:13

Condivido in toto questo articolo non credo minimamente alla moneta elettronica che considero solo un modo per fregare piu facilmente le persone. Il contante mi permette anche di controllare meglio le spese che posso fare e di spenderli come più mi piace