Spygate, tasse, nomine. Conte è già impantanato - Seconda parte

Passata spumeggiante sotto tutti i capi bastone che si sono succeduti alla guida del Pd, la Signora delle infrastrutture e dei trasporti si sta ora muovendo con piglio poliziesco: senza aver affidato neppure una delega ai sottosegretari e ascoltando come suo unico “consigliori” il vecchio e caro amico, Mauro Moretti, sta infatti mettendo a punto una nuova struttura di controllo di tutte le opere sul territorio che, sulla carta, parte già con un costo di due milioni di euro. Una sorta di Anac 3.0 che si sovrapporrà agli uffici simili già esistenti all’interno dei ministeri e delle regioni e finirà per bloccare definitivamente, in nome della trasparenza, un settore già fortemente penalizzato. Alla Corte dei Conti che diranno?

Luigi Bisignani per Il Tempo 6 ottobre 2019

Condividi questo articolo

8 Commenti

Scrivi un commento
  1. L’antipatia per la De Micheli è qualcosa di insito almeno in me, ora cerca di strafare con rabberciare qualcosa rimasto in sospeso e si precipita dai Benetton fautori del disastro di Genova con morti? Beh se ciò accadesse sarebbe la vergogna più grande di questo paese, tocca a voi impedire che possa realizzare un progetto così mostruoso.

  2. Sulla moneta elettronica bisogna ricordarsi che basta un click di qualcuno per bloccare il conto corrente ed allora che si fa, di che si vive? Inoltre la moneta elettronica necessita di corrente elettrica per funzionare. Ma non sempre c’è! (ogni tanto capitano dei black out da qualche parte) Ricordiamoci inoltre che dal sole si verificano ogni tanto espulsioni di massa coronale ( Il cui effetto più evidente sono le aurore boreali), e che ogni tanto sono più massicce e potrebbero provocare black out. Nel 1859 si verificò L’Evento di Carrington che fu la più grande tempesta solare mai osservata. Allora disturbò solo il telegrafo. Ma oggi con le nostre tecnologie avanzate?

  3. Questo Sgoverno mi sembra un gruppo di poveri somari che pretende di correre il Royal Ascot sfidando i purosangue. La tragicità consiste nel fatto che, se non andranno presto a casa, faranno tanti di quei danni che ricadranno, purtroppo, anche sulle spalle delle generazioni future.

  4. Dice bene, a mio avviso, Bisignani. Avanti di questo passo ho la sensazione che “dura minga” l’ambizioso professor Conte, “buono” per tutte le stagioni politiche.

  5. La vicenda legata alla visita di Barr è estremamente interessante.
    Sarebbe bello venisse realmente alla luce per capire l’accaduto.

  6. Mio nonno avrebbe detto :” Questi chi duarien andaa a lauraa un po in miniera” traduco dal vernacolo ” questi dovrebbero andare a lavorare un po in miniera” da dove si tornava a casa senza neanche la voglia di parlare tanta era la stanchezza, invece loro sparano cavolate a tutto regime perchè non fanno e non sanno fare una beata mazza.

  7. Gentile Bisignani,
    caspiterina, ha già raccontato tutto lei, – non vale!! – Non mi rimane che sottoscrivere il suo articolo, preciso ed esaustivo che, ancora una volta ha stanato gli stolti, le bugie e follie dei governanti dandomi ragione sul mio giudicarli fuffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *