in

Tutti gli errori di Conte

Dimensioni testo

Il discorso del premier Conte alla Camera di ieri, potremmo definirlo una specie di Wikipedia della politica italiana. Il presidente del Consiglio ha sciorinato un elenco di autoelogi, senza fare un minimo di autocritica. Vorrei quindi fare una lista del contrappasso, con tutti i suoi fallimenti: gli Stati generali, le task force, i ristori non arrivati, gli autonomi dimenticati, la cassa integrazione in ritardo, il flop del bonus vacanze, i 5 miliardi del cashback e molto altro ancora.

Insomma, per l’avvocato del popolo tutto questo è frutto di un governo di soli successi. Un piccolo esame di coscienza, a mio modesto avviso, ci doveva essere. Il mio editoriale a Quarta Repubblica.

Dalla puntata del 18 gennaio 2021