Tutti gli errori sul Coronavirus - Seconda parte

Condividi questo articolo


Le cose che sono accadute in Italia in queste settimane di follia collettiva faremmo bene a tenerle bene a mente per sempre. L’inarrestabile ascesa dei cretini di governo ci ha condotto a un mezzo passo dalla fine del mondo. Ho letto e ho ascoltato i soliti vaniloqui e sproloqui sul capitalismo che dimostrano che il vero virus è quello dell’ignoranza e delle ottuse ossessioni. Sono stati imbastiti dibattiti idioti sui sistemi politico-sociali – è la sconfitta del liberismo e la vittoria del comunismo, e scemenze di questa natura come se non avessimo alle spalle il Novecento – e mentre si moriva e si muore per il disastro del sistema sanitario, in pratica per le inefficienze e stupidità stataliste moltiplicate su scala regionale – si è preso ad esaltare il totalitarismo della Cina ed è stata fatta strame della nostra cultura della libertà che, invece, soprattutto in momenti drammatici deve sempre restare il mezzo e il fine con cui pensare e agire.

Già, pensare e agire liberamente. Persino la libertà di pensiero, il sacrosanto diritto a svolgere l’esercizio della critica e a pensare con la propria testa, è stata indicata come un disvalore e come una minaccia per la benevolenza degli Italiani a instaurare la dittatura degli imbecilli. Mentre il dittatore romano-pugliese, con il Parlamento chiuso per malattia, appariva in televisione…

Le cose che sono accadute in Italia in queste settimane di follia collettiva faremmo bene a tenerle bene a mente per sempre.

Giancristiano Desiderio, 24 marzo 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


21 Commenti

Scrivi un commento
  1. GRAZIE PER DIRE TUTTO CIO’ CHE AVREI SEMPRE VOLUTO DIRE.

    Di me: ho perso la speranza, non mi alzo dal letto se non per tirare sera (senza poter uscire se non con la machera in piena aria? Anzi, per legge neppure la passeggiata e’ ammessa! ),

    I prezzi delle verdure che oramai prendo poco e faticosamente (la bottega e’ a km 0, ma dopo il confine del mio comune) sono come in Svizzera (!!) e penso che il mio andare in bicicletta a comprarli o in montagna NON NUOCE A NESSUNO.

    Non posso andare dal dentista dove vado di solito e da due mesi quasi ho dolore che mi tengo e mi costera’ il dente e una operazione costosa e dolorosa (che mi pago io, non il governo), grazie da una parte alla diceria dell’untore (vengo dalla Lombardia) e subito dopo la chiusura confini.

    NON MI SENTE NESSUNO ANCHE SE URLO LA MIA RABBIA FUORI A PIENI POLMONI. TUTTI D’ACCORDO QUI. TUTTI SI FIDANO DEL GOVERNO CHE FA COME DICONO “GLI SCIENZIATI” (sic)

    La logica non e’ fra noi e neppure la cultura. Senza parlarle delle basi di ogni buona civiltà: l’ onesta’ o l’empatia.

  2. Comunque errori madornali a parte, esiste una logica precisa a mio avviso, che ha guidato le “scelte” di Conte, e dei suoi consulenti competenti, che è la seguente: Il sistema sanitario nazionale, non è in grado di affrontare il coronavirus ergo, tutti agli arresti domiciliari. Quindi proprio la consapevolezza della non idoneità del sistema, ha motivato a mio avviso la restrizione delle libertà. Il virus purtroppo in certe aree, quali quella di Bergamo ha dimostrato ciò in modo evidentissimo, provocando il collasso del sistema sanitario locale ed innumerevoli vittime anche tra coloro che lo hanno combattuto, e la morte di molti colpiti abbandonati nelle loro case. In altre zone, per fortuna ad oggi, il virus ha fatto meno danni. Gli errori sono evidenti, quelle zone andavano trattate diversamente dalle altre, come avvenuto a Codogno, Vo’ con tamponi a tappeto eccetera. Domanda 1) :perchè non lo si è fatto ?? Domanda 2: Perchè abbiamo un sistema sanitario così carente nei confronti di tali epidemie ?? Ma questa carenza sistemica e strutturale, non può essere addebitata a Conte se non in minima parte.

  3. Buongiorno. Secondo i dati aggiornati del John Hopkins Coronavirus Resource Center siamo arrivati a 423.670 casi confermati. Quindi se noi siamo circa 7,7 miliardi di persone nel mondo, attualmente il virus ha infettato lo 0,0055% della popolazione. Attualmente bisognerebbe solo moderare i termini.

    • moderare i termini, sicuramente; ma adottare provvedimenti sensati; personalmente, mi dispiacerebbe rientrare anche nello 0,00000055%

      • Buongiorno. Guardi che essere infettati non vuol dire automaticamente morire. Se lei non ricade nella fascia degli ultra 60enni ci sono poche possibilità di morte certa. Addirittura il paziente 1 è guarito.

        • Sebbene sia contro la quarantena ed il comportamento del governo, c’è da chiarire che la mortalità mai è stata il problema. Il problema è il 20% di casi di polmonite e il 5% che entra in sindrome respiratoria acuta (ARDS). Ambo i casi richiedono ospedalizzazione per circa 3 settimane, e quindi occupano letti, quindi il problema è soprattutto di capacità (se poi, come spero, arriveranno farmaci – farmaci, non vaccini – per ridurre il tempo in ospedale, saremo a posto).

          I rischi di morte raddoppiano (di più con l’età) in presenza di comorbilità come ipertensione, diabete, problemi polmonari… Se guardiamo i deceduti, ne avevano almeno una, e molti da 2 a 3. Non che questo faccia della morte un problema meno serio, beninteso. Ma che la nostra mortalità sia così alta è solo dovuto ad una grottesca sottostima dei dati sui numeri degli infetti.

  4. Conte è pericoloso perché è divisivo. Con lui non è possibile una unione di intenti di tutto il popolo italiano.

  5. Desiderio,

    Vo’ e’ stato sigillato è tenuto in quarantena strettissima. E contemporaneamente hanno effettuato tamponi a distanza, se non ricordo male, di circa due settimane. Ma Vo’ quanti abitanti ha? Che famo finta della differenza che intercorre con Comuni di ben altre popolazioni?

    Lei e i dimentica cosa e’ accaduto a Codogno?

    Perche’ vuole ostinarsi a voler accreditare tesi senza senso? Mi creda, non riesco a comprendere.

  6. Diciamo che se ci trovassimo in una situazione tragica come questa, con morti e danni all’economia irreversibili causati quantomeno da negligenza od imperizia dei governanti, ma senza l’incubo del contagio, non saremmo già andati a cacciarli fisicamente dalle loro poltrone e strapuntini prendendoli a calcinkulo ? Ecco, mi auguro che l’avremmo fatto a legioni e che ci tratteniamo dal farlo solo perché il rischio di un contagio, quantomeno facilitato dall’incompetenza, ora ce lo impedisce (la fortuna in questo caso non “iuvat” gli audaci ma gli incapaci). Beh ! Teniamoci pronti a farlo appena potremo.

    • Buonasera. Quando re Sergio, che ha sostituito re Giorgio, vorrà farci la grazia di indire nuove elezioni lo faremo.

  7. Lo ripeto, perchè è il punto nodale.

    L’italia è un paese povero.

    Finanziariamente ed economicamente disfatto da pratiche di politica economica e fiscale autodistruttive e stataliste.

    Non si può pretendere, quindi, sangue da una rapa.

    Perchè l’italia è una rapa.

    Le responsabilità sono semplici da individuare.

    Tutta la politica , di governo e di opposizione , è statalista.

    Tutta la politica richiede ed ambisce a politiche monetarie keynesiane , ormai giunte all’helicopter money.

    Tutta la politica sacrifica la proprietà privata, l’impresa privata, il risparmio privato.

    La politica è nutrita dalle tasse e dal voto politico popolare.

    Tirare le somme è semplice.

    Il risultato , a senso unico.

    Verso il peggio, naturalmente.

    • Buonasera. L’Italia o meglio lo Stato italiano è in deficit. I privati cittadini per ora no.

      Ecco cosa sarà intaccato in futuro, il risparmio privato.

      Mio malgrado sono costretto a darLe ragione, sinistra e destra inseguono ricette stataliste.

    • “Tutta la politica sacrifica la proprietà privata, l’impresa privata, il risparmio privato”

      Sì, il concetto cardine è questo: il problema, per quanto esistente, viene comunque scaricato quanto più possibile sul privato.

      Gli ospedali pubblici non funzionano? Si blocca il privato.

      Questa è la realtà.

      E finirà che ci ammazzeranno di tasse per pagare pienamente stipendi pubblici e parassiti vari.

  8. Comincio seriamente ad aver paura, qui si mette male. In tanti ormai vorremmo opporci a questa deriva autoritaria ma veniamo regolarmente ignorati o isolati. Abbiamo bisogno di una voce! Presto, prima che ci tolgano anche quei pochi diritti che ci hanno magnanimamente lasciato!

    • Tutte le dittature sono iniziate così, cominciarono con il dire: “non è il momento delle polemiche”, “dobbiamo essere tutti uniti”, “adesso non è il caso di esprimere opinioni diverse”, ecc. La cosa che mi rasserena è che questi governanti non mi sembra abbiano gli attributi per instaurare una dittatura, mi dà una certa tranquillità la loro mancanza di spina dorsale (italiani e di sinistra, figuriamoci…).

      • E invece non c’è proprio da stare sereni! Morire (civilmente o fisicamente, poco cambia) di grillismo, sai che pacchia!

        • Ma perché “grillismo”, a me sembra che quelli di destra vogliano e chiedano restrizioni ancora più lunghe e intollerabili. Il sequestro del veicolo ai trasgressori era un’idea geniale della Meloni!

          • Scusa il ritardo. Perchè le facce di quelli che vanno in tv a fare proclami sia in ambito sanitario che amministrativo non mi ispirano molto.

      • Purtroppo non condivido lo stesso ottimismo.

        Non perchè questi governanti siano particolarmente violenti, ma perchè la gggente non ragiona, ed è essa stessa a chiedere la dittatura, gli arresti domiciliari e via dicendo.

        Il problema è a monte, è di forma mentis dalle persone, ormai rovinata, e da decenni di propaganda in tal senso.

        Sono tutti programmati per reagire, a senso unico, in questo modo (vedasi seggiolini anti abbandono, caso scolastico di questo delirio).

        Non c’è bisogno di imporre il totalitarismo. E’ quasi spontaneo.

  9. Si, dovremmo tenerle bene a mente, principalmente alle prossime elezioni.. sempre che Giuseppi con i suoi noti dpcm, ergo atti amministrativi.. non avochi a se tutti i poteri e ammazzi definitivamente la democrazia e la Nostra Bella ed Invidiata Costituzione..

    Un colpo di mano.. e tutto sparisce !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *