in

Un altro prof sotto attacco. L’università bastona il dissenso sul green pass

carlo lottieri
carlo lottieri

Dimensioni testo

O ti adegui, o ti adegui. Non si fermano gli attacchi, le intimidazioni, le delegittimazioni e i messaggi subliminali nei confronti di quei professori universitari che non si conformano alle posizioni ufficiali del governo sul green pass. E – sottolineiamo – Green Pass, non vaccini. Perché ormai la narrazione mainstream, per convenienza, ha messo tutto nello stesso calderone.

L’ultimo in ordine di tempo è Carlo Lottieri, che oltre ad essere un ottimo docente, è anche una figura di spicco del mondo liberale e libertario italiano nonché collaboratore del Giornale e grande amico della Zuppa. La sua colpa? Aver espresso il proprio pensiero ad una manifestazione anti Green Pass davanti all’Università di Verona. E così è arrivata, puntuale, la sua delegittimazione pubblica da parte dell’ateneo scaligero, che si è immediatamente dissociato dalle sue posizioni per bocca del direttore del dipartimento di Scienze Giuridiche, Stefano Troiano.

Le parole del direttore del dipartimento

“Sebbene nella manifestazione abbia preso la parola anche un docente del dipartimento, questo non può indurre a fraintendimenti” – recita la nota ufficiale -. “Le opinioni che vi sono state espresse si devono considerare manifestate a titolo personale e in nessun modo ascrivibili alla comunità dei giuristi riunita nel dipartimento, la quale ha peraltro liberamente e continuamente aderito all’opportunità di inaugurare, fra le prime, il programma vaccinale”. E poi una chiosa davvero sorprendente e che sa quasi di presa per i fondelli: “La comunità accademica deve essere sempre al servizio e mai serva”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
29 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Paolo Luca Bernardini
Paolo Luca Bernardini
17 Settembre 2021 10:29

Ma perché aveva forse dichiarato di parlare a nome dell’Ateneo? Siamo all’infimo dell’imo…

Olympe de Gouges
Olympe de Gouges
16 Settembre 2021 15:37

il conformismo e il leccaculismo della gran parte dei baroni universitari e dei presidi ha come unico paragone possibile la sudditanza al fascismo durante il ventennio…. prima, tutti fascisti, DOPO si riscoprirono tutti anti-fascisti! Vedrete che succederà lo stesso quando la strategia SOLO-VAX si rivelerà fallimentare….. TERAPIE TERAPIE TERAPIE! fanc.lo il marchio verde!

Algeo Bonaldo
Algeo Bonaldo
16 Settembre 2021 15:22

Niente di nuovo sotto il sole. Il mainstream di sinistra è grande perchè loro (giornalisti, politici, accademici, opinionisti) hanno un unico neurone che recepisce la prima idea sparata dal primo di loro e, non potendo chiedersi se è giusta non avendo un secondo neurone da interpellare, si accodano e si sostengono, anche nelle caz..te vedi Montanari, compatti. Sono bravi, sono riusciti a fare di una questione sanitaria un fatto politico. Preferisco la mia piccola minoranza e lotterò per questa, a parole, nei fatti e se dovesse occorrere anche di più.

giùalnord
giùalnord
16 Settembre 2021 8:43

Paradossale: Lottieri deve manifestare le proprie idee a titolo personale mentre il direttore è ben asservito e genuflesso a titolo collettivo.
La coerenza è una virtù di questo direttore universitario che si fa forte con le minoranza.
Atenei sotto attacco .

Hermes
Hermes
15 Settembre 2021 23:04

“Le opinioni che vi sono state espresse si devono considerare manifestate a titolo personale” …..dice il direttore di dipartimento.Non come le sue manifestate a titolo di servo che le ripete a pappagallo senza neanche capirle.

Hermes
Hermes
15 Settembre 2021 22:55

Hanno messo in posizioni apicali di Aziende, Società, Cooperative, Banche, Governi, Giornali, Televisioni etc.. (specialmente se sotto controllo Statale) dei totali inetti con il solo compito di tagliare le gambe a chi ragiona!

Hermes
Hermes
15 Settembre 2021 22:52

Io non escludo più niente dopo avere visto il modo di (s)ragionare di molti, anche occupanti cariche di rilievo. Devo ammettere che qualche avvisaglia l’avevo avuta dall’osservazione diretta di colleghi (financo il Presid*nte!) in una medio-grande azienda di scala Nazionale. Dire che lo stesso Presid*nte fosse un in*tto è dire poco (Ho fortunatamente cambiato lavoro ed azienda per cui non parlo per malanimo od inv*dia). Una sorta di ect*plasma peraltro pagato molto bene per apporre 2/3 firme al mese. Ed ho capito che uno così dai modi apparentemente curiali e caratterizzato dall’assenza totale di pensiero critico …

Hermes
Hermes
15 Settembre 2021 22:48

Il direttore del dipartimento sarà uno di quelli che all’epoca esigevano il 18 “politico” .