Articoli

Vaccini, tutti gli errori dell’Iss - Seconda parte

Gli altri vaccini che tutti abbiamo avuto di Merck, Sanofi e Glaxo (i 3 maggiori produttori di vaccini al mondo) hanno richiesto 4 anni di test e prima i test su animali. Per il virus Saers, ad esempio, i test su furetti diedero risultati negativi nel senso che dopo vaccinati se si contagiavano mostravano un carico virale maggiore e contagiavano di più e furono per questo abbandonati. Qualcuno dovrebbe domandarsi perché i maggiori produttori di vaccini al mondo  abbiamo preferito astenersi dal produrre vaccini anti Covid.

Un’altra bufala è che morti e disabili segnalati ora dopo vaccinazione  siano nella norma di tutti i farmaci. La stessa vigilanza passiva europea e USA finora ha riportato 20mila decessi e la norma per gli altri vaccini sono alcune centinaia (in USA si segnalano 200 decessi per tutti i vaccini all’anno). Non esistono farmaci e trattamenti in commercio per cui si segnalino migliaia di morti. Questa è la novità di questi vaccini.  Ad ogni modo, come nei nostri precedenti articoli, qui forniamo dei dati documentati e li mettiamo a confronto con le affermazioni del vademecum dell’ISS. Questa è una attività che sembra sparita dai media italiani che sono dediti, come in tempo di guerra, alla ripetizione esclusiva di ogni affermazione che provenga dal governo.

 

PaginaPrecedente
PaginaSuccessiva
Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

LA RIPARTENZA SI AVVICINA!

la grande bugia verde

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli