in

Vaccino ai bimbi, colpo di scena: l’Oms è contraria

E Vaia ribadisce: “Vanno immunizzati solo i bambini fragili”

oms vaccini bambini(1)

Dimensioni testo

Da una parte il ministero della Salute già prepara la massiccia campagna di comunicazione, con tanto di pediatri in tv, per convincere i genitori a vaccinare i bambini. Dall’altra qualche esperto, e ora pure l’Oms, che frenano sulla punturina ai pargoli. Lo avevamo segnalato già qualche giorno fa: tra gli scettici si è iscritto pure Francesco Vaia, che di mestiere non fa l’ortolano o il meccanico, ma il direttore dell’Inmi Spallanzani di Roma, ovvero l’ospedale di riferimento per le cure anti Covid. “Ho detto più volte che il tema non è vaccinare o non vaccinare i bambini ma in questa fase dell’epidemia ritengo che sia giusto immunizzare solo i bambini fragili”, ha ribadito oggi. E lo ha fatto anche sulla base di un recente appello del direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Possibile? Sì, è così. Anche l’Oms s’è detta critica sulla decisione dei governi (l’Italia sta solo aspettando il via libera dell’Ema) allargare agli under 12 la platea degli immunizzabili. “Non ha senso dare la dose booster ad adulti sani o vaccinare i bambini, quando nel mondo ci sono operatori sanitari, anziani e altri gruppi ad alto rischio che stanno ancora aspettando la loro prima dose”, ha spiegato il direttore. La priorità, ritiene l’Oms, dovrebbe essere frenare l’infezione in quella parte del mondo dove la vaccinazione procede con minore velocità. “Ogni giorno – ha denunciato Ghebreyesus – si somministrano 6 volte più dosi booster a livello globale rispetto alle dosi primarie nei Paesi a basso reddito. Questo è uno scandalo che va fermato”.

L’Oms, va detto, ne fa una questione di redistribuzione delle dosi, in un’ottica diciamo terzomondista su cui possono anche sorgere dei legittimi dubbi. Vaia invece mette sulla bilancia “rischi” e “benefici”. Ed è tutto un altro discorso. “In Israele – ha detto – hanno visto che ci sono casi di miocarditi nei bambini e quindi vaccinano solo i fragili. Io credo che sia saggio in questo momento vaccinare nella fascia 5-11 anni solo loro. Se dovessero cambiare le cose e avremo maggior elementi scientifici su questo tema si potrebbe pensare di estenderla a tutti. Resto favorevole gli over 12 perché hanno una maggiore socialità. La responsabilità sociale, ribadisco, non deve essere dei bambini ma degli adulti, dei genitori, dei nonni e dei docenti”.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
43 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Mattia
Mattia
15 Novembre 2021 12:18

E quindi nessuno farà niente.
Forse non per quelli gravemente malati, forse per nessuno.
E a tutti starà bene, perché?
Se c’è almeno il dubbio, lasciamo la scelta ai genitori!

giùalnord
giùalnord
15 Novembre 2021 0:44

Perché la magistratura non si attiva contro questi pseudo scienziati, compresi i pediatri collusi, per le molestie contro gli infanti?
Qualcuno risponderà prima o poi…o ne risponderà nelle sedi opportune.

Giovanni
Giovanni
14 Novembre 2021 18:46

La “redazione” esclude in conclusione di molestare i bambini, preferisce gli adolescenti !!!

Gianluigi Mondini
Gianluigi Mondini
14 Novembre 2021 17:59

Premesso che sono vaccinato 2+booster, considero il Certificato Verde un enorme inaccettabile ricatto politico! Bastava una leggina breve e rapida di obbligo vaccinale per tutti dai 16 anni in su! Anzi vorrei che Lei, dr. Porro, si facesse portavoce in Quarta Repubblica e ne La Zuppa di tale azione! Il cosiddetto Green Pass non certifica l’immunità o lo stato di salute attuale, ma dice solo e soltanto che 6,7 o 8 mesi fa uno è stato vaccinato! Cioè NON DICE NULLA! La maggioranza silenziosa dei gestori di locali pubblici chiede il G.P. per obbligo ministeriale, ma non ci crede e SUBITO DOPO PRENDE LA TEMPERATURA!! Forza, coraggio, avanti così!

marco
marco
14 Novembre 2021 14:41

Burioni: “I figli sono gioie, felicità, etc, ma anche maligni amplificatori biologici che si infettano con virus per loro quasi innocui, li replicano potenziandoli logaritmicamente e infine li trasmettono con atroci conseguenze per l’organismo di un adulto”.

In sostanza “gli esperti” chiedono, con morbosa insistenza, si proceda a vaccinare i bambini (sani) – con tutti i rischi che ne conseguono – per salvaguardare il nonno malato (..) Nonostante il parere contrario dell’Oms. Pazzesco!

Fabry
Fabry
14 Novembre 2021 11:45

Avere permesso la bugia “sana” alla stampa ha aperto il vaso di Pandora. Proprio come per i bambini. Se cominci a mentire dicendoti che “è a fin di bene” alla fine tornare indietro è difficile. E vale per tutti. medici inclusi. Se poi “fare il bene” porta anche qualche benefit…….
Finisci per scrivere che vengono tenuti a casa malati oncologici per fare posto ai no-vax ricoverati.
Da tempo questa non è più una questione sanitaria. Ma c’è una politica troppo debole e compromessa per avere la capacità di reagire. D’altra parte ormai siamo un paese con le porte scorrevoli e il governo parla come se al governo ci fosse qualcun altro……..

Orazio
Orazio
14 Novembre 2021 11:38

Coraggio che ho letto che il dott. Rasi ha dichiarato che la terza dose sarà l’ultima. Poi per 4-5 anni siamo a posto. Avrà, molto scientificamente, guardato nella sua sfera di cristallo (e se spunta qualche variante molto”variata”?)

Fabry
Fabry
14 Novembre 2021 11:18

Per rispondere a chi si fa domande sul perchè il governo permetta questo e quello…..:
Avere sdoganato “la bugia a fin di bene” ha aperto le porte dell’inferno. Siamo preda di un gruppo di ossessi che ormai mente ad alzo zero dando del “suo” a chi dissente.
Se si arriva (mentendo completamente) a dire che si devono tenere a casa gli ammalati oncologici per fare posto ai no-vax ricoverati, (già di per se una scemenza), significa che si sta istigando gratuitamente all’odio.Ma se anche io oggi e qui sbugiardassi il solito “direttore” del solito ospedale, otterrei un :
“supportavo la campagna vaccinale”. E poi nulla. Capite dove siamo finiti ?