Vogliono condannare la Lombardia

Condividi questo articolo


Dopo mesi di attacchi mediatici, accuse, illazioni, insulti e anche minacce, è arrivata anche un’indagine nei confronti del governatore della Lombardia Attilio Fontana. Il fascicolo aperto dalla procura di Milano si riferisce a un bonifico poi bloccato di 250 mila euro da parte di Fontana alla Dama spa, società del cognato, con la causale che si riferiva alla ormai nota fornitura di camici venduti con affidamento diretto alla Regione nei giorni di massima emergenza. Un’operazione a detta del governatore avvenuta al suo oscuro che, come spiega il suo legale: “Quando è venuto a sapere della fornitura, per evitare equivoci gli ha detto di trasformarla in donazione e lo scrupolo di aver danneggiato suo cognato lo ha indotto in coscienza a fare un gesto risarcitorio”.

Fontana è indagato per frode in pubblica fornitura ma l’indagine nei suoi confronti è solo l’ultimo tassello di un percorso che dall’inizio dell’emergenza Covid in Lombardia ha avuto nel mirino l’operato della Regione. Leggendo le prime pagine di molti giornali e ascoltando le dichiarazioni dei politici di centrosinistra (in barba al garantismo), Fontana è già colpevole. A ben guardare si tratta di un processo alle intenzioni poiché, il reato che viene prospettato, non si è consumato dal momento in cui la fornitura di camici è stata trasformata in una donazione e il bonifico di Fontana dalla Svizzera è stato sospeso.

Ma la verità, in attesa di attendere l’esito del processo, è un’altra: la Lombardia è da mesi sotto un fuoco incrociato. Non solo per la drammatica emergenza sanitaria che ha dovuto fronteggiare con il maggior numero di contagiati d’Italia e tra le aree più colpite al mondo, ma anche per una martellante campagna mediatica che non ha eguali nel resto d’Italia verso la classe dirigente della Regione. Impossibile non leggerci finalità di carattere politico, l’attacco alla Lombardia nasce per colpire un modello che ha rappresentato negli ultimi decenni un’eccellenza da un punto di vista economico, sociale, scolastico, sanitario. Un modello che si basa su una collaborazione tra pubblico e privato e che, dati alla mano, è il principale contributore netto al bilancio dello Stato per cui solo una parte della ricchezza prodotta in Lombardia torna nella Regione ma viene ridistribuita nel resto d’Italia.

Il modello lombardo – tralasciando per un attimo il tema del Covd – rappresenta l’opposto della visione assistenzialista, anti imprese, contraria al ruolo del privato di questo governo e perciò si fa di tutto per colpirlo. Senza dubbio ci sono stati degli errori nella gestione dell’emergenza da parte del governo regionale ma chi non li ha fatti? Vogliamo parlare delle responsabilità del governo nazionale che l’8 marzo ha fatto trapelare una bozza del decreto con cui si annunciava l’attuazione della zona rossa in Lombardia provocando la fuga di migliaia di persone da Milano al sud Italia?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


69 Commenti

Scrivi un commento
  1. La Procura di Milano? Quella di “Tangentopoli” e “Mani Pool-ite” che tolse di mezzo tutti i partiti tranne il Pci? Quella dell’avviso di garanzia recapitato rigorosamente a mezzo stampa a Berlusconi nel ’94 durante il G7 di Napoli?

  2. Mai come ora il nemico giurato della Libertà di iniziativa e di mercato è rappresentato dal potere Romano di cui il PD è il Cervello e la Magistratura il Braccio Armato. E’ necessario quanto mai sostenere il nostro modello e non cedere all’intimidazione giudiziaria. Mai mollare!!!

  3. Il nostro è un Paese strano dove si attacca politicamente e penalmente una persona perchè ha fornito senza esborso di denaro pubblico, DPI (che il commissario delle emergenze era incapace di trovare e fornire) necessari per l’emergenza a gente che rischiava di morire, ma si sta zitti su 13 mln di soldi pubblici spesi per mascherine fantasma.

    • Il nostro è uno strano paese perchè qualcuno pensa che i 13 milioni di Zingaretti valgano come jolly per farsi prendere per i fondelli da chi racconta ogni giorno una versione diversa.
      Se la sinistra butta 13 milioni o 13 miliardi, io comunque pretendo che il centrodestra non ne butti neanche 1.
      Ma a lei forse va bene finchè ne buttano 12.5, perchè “gli altri fanno peggio”.

  4. Lo stato mafio saraceno parassita coattiva suo modus operandi criminogeno . É sempre pronta la soluzione :
    Quando nel corso degli eventi umani diventa necessario per i Popoli sciogliere i vincoli che li legano ad altri, costituirsi in Nazione indipendente e sovrana ed assumere tra le nazioni della Terra il ruolo assegnato loro dal Diritto Naturale di Autodeterminazione……Da tempo immemorabile abitiamo, dissodiamo, lavoriamo, proteggiamo ed amiamo queste terre, tramandateci dai nostri avi … qui abbiamo inventato un modo originale di vivere, di sviluppare le arti e di lavorare; Noi apparteniamo ad un’area storica, la Padania, che sotto il profilo socioeconomico è fortemente integrata al suo interno pur nella riconosciuta e rispettata diversità dei Popoli che la compongono; Queste terre sono unite da legami tanto profondi quanto quelli delle stagioni che le governano, degli elementi che le plasmano, delle Genti che le abitano; Noi quindi formiamo una comunità naturale, culturale e socioeconomica fondata su un condiviso patrimonio di valori! di cultura, di storia e su omogenee condizioni sociali, morali ed economiche; La Padania è il nostro orgoglio, la nostra grande risorsa e la nostra unica possibilità di esprimerci liberamente nella pienezza delle nostre nature individuali e del nostro sentire collettivo; La storia dello Stato italiano è diventata, al contrario, storia di oppressione coloniale, di sfruttamento economico e di violenza morale; Lo Stato italiano ha sistematicamente occupato nel tempo, attraverso il suo apparato burocratico, il sistema economico e sociale della Padania; Lo Stato italiano ha sistematicamente annullato ogni forma di autonomia e di autogoverno dei nostri Comuni, delle nostre Province e delle nostre Regioni; Lo Stato italiano ha compromesso la serenità delle generazioni future della Padania, dilapidando enormi risorse in politiche truffaldine , assistenzialiste, clientelari e criminali che hanno portato la Padania e l’Italia in una situazione fallimentare ormai irreversibile; Lo Stato italiano ha costretto con l’inganno i Popoli della Padania a soggiacere al sistematico sfruttamento delle risorse economico finanziarie prodotte dal lavoro quotidiano per sperperarle nei mille rivoli dell’assistenzialismo clientelare e mafioso ; Lo Stato italiano ha deliberatamente tentato di sopprimere le lingue e le identità dei Popoli della Padania attraverso la colonizzazione del sistema pubblico di istruzione; Lo Stato italiano ha imposto ai Popoli della Padania l’applicazione delle sue leggi inique attraverso una magistratura selezionata con criteri razzisti; Lo Stato italiano ha cercato di dominare i Popoli della Padania affidando compiti e funzioni di ordine pubblico e di sicurezza a prefetti e forze di polizia garanti del più odioso centralismo coloniale; Lo Stato italiano ha espropriato i popoli ….Per queste ragioni: Noi siamo intimamente convinti che ogni ulteriore permanenza della Padania all’interno dei confini dello Stato italiano significherebbe lasciar spegnere lentamente ogni speranza di rinascita e annientare l’identità dei Popoli che la compongono; Noi siamo consapevoli che la Padania libera ed indipendente diventerà il riferimento politico ed istituzionale per la costruzione dell’Europa delle Regioni e dei Popoli…debbono indurci a farci irrevocabilmente carico del nostro destino…Poiché riconosciamo l’inalienabile potere sovrano di ogni Popolo a decidere liberamente con chi stare…. sarà tutti coloro, uomini e donne, che la abitano, difendono e la riconoscono…in nome e con l’autorità che ci deriva dal Diritto Naturale di Autodeterminazione e dalla nostra libera coscienza….dell’onestà delle nostre intenzioni….solennemente proclamiamo ..repubblica federale indipendente e sovrana. A sostegno di ciò noi ci offriamo gli uni agli altri, a scambievole pegno, le nostre vite, le nostre fortune e il nostro sacro onore.”

    • Ragazzo, guarda che la Lombardia è ricca in gran parte perché hanno sede legale tante imprese che svolgono l’attività in tutta Italia.
      Con la secessione, queste imprese dovranno sloggiare dal resto dell’Italia, oppure crearsi una sede legale apposta, naturalmente dimezzando il personale della sede del nord.
      Comunque, in prospettiva europea, non sarà Milano la sede per tutte queste società.
      In Europa hanno deciso che borsa e servizi alle imprese staranno in Olanda, paese che non chiude per il virus.
      Dalle vostre parti rimarranno alcune fabbriche di componentistica per le auto tedesche, sempre nel rischio di essere sostituite da componenti made in China, se non terranno bassi i prezzi.

      • Caro Pigi,
        mi sembra che lei un paio di mesi fa abbia più volte sostenuto che la Lombardia fosse ricca perchè i lombardi andavano sfrenatamente a puttane, diffondendo il covid.

      • Sentitamente la ringrazio per il “ragazzo” , gentile e determinato signore ; dando modo e sommessamente rammentarle che lo storytelling nel quale presumibilmente ella convintamente ne veicola razionalmente i rapporti concausali , è la cartografia adattiva imposta per economia d’esercizio alla limitatezza umana della tirannide del bisogno e dunque , ansiogena , tacitante l’ottusitá a fronte di debolezza dello schiavo moderno nel recinto delle labirintiche fobie . Non c’è viaggio più istruttivo e avvincente di quello compiuto nella propria stanza. La mappa non è il territorio , dunque non esiste realmente un problema , eccetto le nostre debolezze , ossia PSICOSI NICHILISTA , anfratto e vicolo chiuso , status pernicioso endegeno , come infezioni patogene tipiche , ove il progressismo mondo delle astrazioni , inguaiandoci nelle costrizioni artefatte prodomo sua d’ elite e di caste autopoietiche , ove l’unionismo italico ne è il paradigma conclamato e speculativo . Non scopro nulla , se si rilegge la storia dell’uomo , come storia della sua socializzazione ,capirá bene come la variabile strombazzata idealistica non sia quest’ultima , bensì impulsi del mal seme d’Adamo a sfruttare , sottomettere , fagocitare , attraverso rapporti di forza del possedere tutti mezzi e stabilire conseguentemente tutti i fini . Economicismo come imprimatur ha le sue ragioni che la ragione conosce bene . Non esiste dunque etica , ma argomenti che pertanto possono e debbono essere confutati ; intelligenze , conoscenze , volontà , nei secoli , hanno dato stura ad un coacervo di pulsione alla vita degna di essere vissuta , detta in termini modernisti “ way of life” , che sdoganano ad imprimatur imprescindibile , come per il corpo l’ossigeno , l’elemento fondamentale della LIBERTÀ . Il pianeta “ rimpicciolito “ favorisce rapporti tra popoli e razze ; al contrario le distanze che separavano ed impedivano di venire a contatto e di “ urtarsi “ . Il pianeta , grande casamento moderno, dove tutti sono vicini,si vedono,si incrociano,si toccano ,”succedono gli urti”. Oggi non esistono più barriere perché l’antropizzazione e la digitalizzazione sistemica favoriscono “pericolosi contatti”.
        Medesime strade che razza Europea , dicasi centro del mondo , ha tracciato e medesimi strumenti che ha inventato , armi moderne, mezzi d’attacco e di difesa ,macchine meravigliose. ” Armi e macchine ” di cui anche gli altri popoli si sono impadroniti, sebbene non con la stessa perizia e consapevolezza. Ma altri popoli hanno vantaggio numerico , sobrietà, prolificità. Dove un operaio Afro-cinese viene a far concorrenza all’operaio “bianco “ , è quest’ultimo che soccombe :”L’operaio a cinque cents vince dappertutto l’operaio a cinque dollari” . La prolificità dei popoli africani e asiatici è inversamente proporzionale alla loro capacità di produrre le risorse necessarie e di provvedere a se stessi in termini “ qualità di vita “ ; e che dire di queste formidabili ondate che s’avanzano sulla superficie del globo? Dove andranno tutte queste genti? Dove corrono? Essi ci verranno a sopraffare, per le strade che noi stessi abbiamo costruito, per le rotte che noi stessi abbiamo tracciato. Vengono a conquistarci con le stesse armi che noi abbiamo inventato e costruito. L’isola” bianca ” , l’Europa é fatalmente battuta, ingoiata , sostituita etnicamente , perché tra noi e i nostri futuri conquistatori non c’è nessuna parentela , rapporto di somiglianza , col “barbaro classico “, a rigore della stessa razza del latino e del greco. Il loro impero non sarà una barbarie transitoria educabile, come quella delle stirpi germaniche nel Medioevo, ma tenebre buia”. Così nel declino dell’Europa, un ritorno alla barbarie e alle tribù. MEDIOEVO SENZA RINASCIMENTO . Quello che noi stiamo vedendo è solo l’inizio. il dilemma verrá tacitato da tribù che taglieranno teste , colpo alla nuca , auto blindate con Kalashnikov a dirimere affari di droga , di miniere estrattive dei metalli per batterie elettrogene e confini di protezione . A confronto Attila , persuaso da Leone Magno sulle rive del Mincio che lo convinse a desistere , era un cuoricino naif . La mostruosa psicosi collettiva degli europei che si sono inventati un progresso che noi dovremmo realizzare con una società “multiculturale” è allucinazione allotropia ( guardacaso , flusso e consumo “poderoso” di droghe docet ? ) . L’uomo ragno , cavallo o asino a seconda , pipistrello o pangolino che sia , la via della seta è quel baco che si mangia tutto , al netto di covid ed affini . Attento signore , avrà dunque percepito il pericoloso “ italicuz gender style “ e dei governi giallorossi e similari d’imprinting mafio saraceno e , subodorato magari , come questi criminali armeggino disinvoltamente con protervia ed arroganza con fiscalità tassazione ed esproprio , nel culetto altrui , ossia nella PATRIA ? Sono “ Predator Cartaginesi” che svendono i nostri popoli con l’immigrazione che è il suicidio della civiltà. Dalle mie parti , che potrebbero essere anche le sue , a maggior ragione : “Carthago delenda est “.

      • Come dire che New York è ricca perché hanno sede legale aziende del resto degli USA, Parigi è ricca per le sedi legali del resto della Francia, Londra per le sedi legali del resto dell’Inghilterra, Baviera per le sedi legali del resto della Germania…

        • Un po’ di verità in questo concetto in realtà c’è, non è del tutto campato per aria.
          Lo dico senza pensarla comunque come Pigi.

          • Certo che è vero. Così come è vero che in Baviera ci sono le sedi legali di molte imprese del resto della Germania. E quindi?
            Alchè uno si dovrebbe chiedere perché le sedi legali sono in Lombardia, Baviera, NY, Parigi e non a Palermo, Marsiglia, Mississippi. Per caso? Per volontà divina?Perché hanno deciso tirando a dadi?
            Forse perché sono già di loro le regioni più ricche, avanzate a vocazione imprenditoriale?
            Seguendo questa risibile argomentazione, allora in Africa potrebbero dire che l’Europa è ricca solo perché ha tantissime sedi legali delle imprese mondiali.

      • Bugiardo, la maggior parte delle aziende in lombardia e’ del Nord e ci sono anche molte aziende tedesche, non per nulla si chiama ‘ Catena del valore tdesco’, il resto d’ Italia sta solo a spalle, non fa impresa. Il grosso delle commesse industriali i lombardi ce l’ hanno dalla Germania, quindi non venite a manipolare, levantini di *****.

        https://www.limesonline.com/cartaceo/il-limes-germanico-ferita-e-destino-ditalia

    • La pura e semplice verità, che si finge di ignorare per ipocrisia.
      Lo Stato Italiano, totalmente meridionalizzato, sta sostanzialmente colonizzando da anni il Nord e il Centro. L’unica cosa che correggo è proprio il concetto di Padania, troppo restrittivo.
      Il problema è sempre stato il Sud che nulla c’entra col resto, è un altro mondo in tutto e per tutto.
      Nord e Centro, pur con naturali differenze, è quasi omogeneo culturalmente, socialmente ed economicamente e funzionerebbe benissimo come Stato. Ci metto pure Roma che in questi anni sta crollando, ma proprio perché sta venendo meridionalizzata.
      Uno stato indipendente del centro nord è l’unica speranza. È davvero giunto il momento di staccarsi se non vogliamo che Lombardia, Veneto, Friuli, Liguria, Piemonte, Emilia, Toscana, Marche, Umbria, Lazio diventino un’enorme Sicilia o Campania.

    • La Secessione ormai e’ una priorita’ indimandabile per il Nord… il testo Autonomia arriva in Parlamento a settembre ed e’ chiaro che partono per tempo per cercare di affossarlo, colpendo Lombardia affossi anche Autonomia di Veneto, Piemonte, FVG, Emilia, Liguria, Trentino, etc.

  5. Il “modello lombardo” è fatto da una miriade di imprese, e di persone, che vi lavorano, e vi hanno lavorato nei decenni, costruendo qualcosa da persone civili.
    Non da Fontana, e nemmeno da Formigoni e dalla sua idea di sanità.
    Attendo “in Campania è peggio”, in 3, 2, 1…

      • E quindi?
        Pensa davvero che “gli altri fanno peggio” sia sempre una giustificazione valida?
        E’ proprio questo l’atteggiamento che ha portato al completo fallimento del centrodestra berlusconiano, che doveva fare la rivoluzione liberale ed è finito con un paese mezzo fallito, incapace di crescere in modo cronico, asfissiato di statalismo.

        Se poi la mette sul “gli altri fanno peggio”, è il caso realmente di parlare della gestione covid, perchè mi risulta che ad aver “fatto peggio” sia stata la Lombardia, anche senza formiche.

  6. Non vogliono condannare la Lombardia ma i lombardi che hanno sbagliato a votare nell’ ultima tornata elettorale e naturalmente chi non se i capi della congiura antigovernativa che hanno osato criticare il governo e chiedere più autonomia?!
    L’ attacco è concentrico, prima il Fatto quotidiano, poi i centri sociali, il resto della maggioranza e ora tanto per cambiare la magistratura del modello Palamara. In altre regioni si può chiudere un occhio, o anche 2 se si è nel Lazio, ma qui i giudici sono i più diligenti e pignoli nella dietrologia alla Davigo.
    A proposito del modello sanitario lombardo all’ avanguardia, i tanti che lo criticano si saranno mai chiesti (domanda retorica) del perchè vengano a curarsi da altre regioni, sopratutto dal sud. Forse perchè vogliono vedere il duomo?
    La Lombardia ha il 23% del personale nella pubblica amministrazione in meno della media italiana e lo paga anche meno pur avendo il costo della vita più alto ed allo stesso tempo i servizi erogati sono in generale di qualità superiore al resto d’ Italia.
    Se il personale della PA fosse in numero e qualifica comparabile a quello della Lombardia, lo Stato Italiano risparmierebbe 50 miliardi di euro all’anno (fonte Elaborazioni Unioncamere su dati Conti Pubblici Territoriali e Ragioneria Generale dello Stato) e complessivamente erogherebbe servizi di migliore qualita.
    Giudici scelti col modello Palamara, perchè non indagate qualche responsabile della gestione clientelare in altre regioni d’ Italia? Magari perchè anche voi siete stati scelti con lo stesso metodo?
    Sarei curioso di conoscere l’ opinione di Giubilei.

    • Vengono a curarsi al Nord a pagamento perché al Sud gli ospedali sono pieni. E portano tanti soldi tra visite ricoveri treni alberghi ristoranti ecc al punto che se non venissero a curarsi e lavorare i lombardi morirebbero di fame. Basta vedere la protesta dei bar e ristoratori in piazza duomo per 2 mesi di chiusura a differenza dei ristoratori napoletani che con grande orgoglio e dignità non hanno mai protestato contro il governo.
      P. S. E poi che ***** te ne frega a te dell’Italia se sei scappato in Olanda. Rimani li e goduti Tutte il grande sconfitto del Recovery Found.

      • I ristoratori napoletani sono nella m…. come quelli milanesi e sono inc…. allo stesso modo con il governo, forse lei non lo vede o non lo vuol vedere, preso com’ è dal folgoramento adulatorio governativo.
        I cittadini lombardi, intendo tutti i lombardi, anche i tantissimi e in maggioranza grandi lavoratori immigrati e figli di immigrati (tra cui io) che si sono trasferiti dal sud, hanno fatto grande la Lombardia nonostante un sistema Italia che ha sempre visto la regione una terra di conquista, non un modello.
        Questa che i lombardi morirebbero di fame se non venissero persone a curarsi dalle altre regioni la metterei ai voti: chi è d’ accordo alzi la mano.
        A proposito, io me ne sono andato in Olanda perchè l’ Italia invece di migliorare ha sempre peggiorato, l’ ho fatto più di 10 anni fa e non me ne pento alla luce di quello che stanno facendo gli ultimi geni governativi da lei supportati.
        Altra cosa che volevo dirle: Il patriottismo non si perde andando all’ estero, anzi.
        Però se a lei va bene così, contento lei, se poi crede che anche Tutte (si scrive Rutte) sia il grande sconfitto, beato lei.

        • Lo so che si scrive Rutte (Mark). Sconfitto nel senso che aveva dichiarato sul Recovery Fund: «Per l’Italia solo prestiti, niente contributi a fondo perduto”.
          Mentre invece all’Italia andrebbe 72 miliardi a fondo perduto.

          • Giusto 82-55=27, in sette anni.
            Ma i sinistri dovrebbero ricordare che l’Italia era contribuente netto in quanto una volta era un paese con un PIL superiore alla media europea.
            Ora che siamo un paese più povero della media europea, abbiamo ottenuto, giustamente, di passare dalla parte degli assistiti.

      • Eccolo quà il classico fallito, il tradizionale morto di fame del Sud del mondo civile, cliente fedele dell’assistenzialismo statale. Consumatore di divani nato morto di sonno. Che popolo di *****.

      • Per@Andrea
        Eccolo quà il classico fallito, il tradizionale morto di fame del Sud del mondo civile, cliente fedele dell’assistenzialismo statale. Consumatore di divani nato morto di sonno. Degno rappresentante di un popolo di *****.

      • Ho capito male o sta sostenendo che l’economia lombarda sta in piedi per quelli che vengono a curarsi dal Sud? E che i ristoratori milanesi sarebbero in difficoltà e protestano per questo motivo?!

        Bisogna davvero impegnarsi per scrivere una quantità di assurdità come fa lei sotto ogni articolo. Vive proprio in un mondo parallelo tutto suo.
        Mi vengono i brividi a pensare che gente che “ragiona” così abbia diritto di voto come tutti gli altri.

    • Vede la democraticità e la tolleranza dei sinistri?
      E dire che son quelli che si definiscono europeisti.
      L’Olanda è ancora in Europa?

    • Ed è in per questo che è molto invidiata, perché molto più avanti di altre realtà ,ma nonostante le menzogne e fango buttati su di essa da invidiosi e servi di partito i lombardi non se la bevono e verrà in il giorno in cui presenteranno il conto perché verrà comunque il giorno in cui si andrà a votare, che al regime piaccia o no

    • Sig. Massimo,
      da qualche parte ho letto che l’ Olanda, in cambio del suo si alle elargizioni ai PIGS, ha ottenuto una consistente diminuzione dei contributi alla UE. E’ vero? Mi puo’ chiarire come stanno le cose?
      Da quel che ho capito, lei e’ la seconda generazione di immigrati: solo un pazzo furioso tornerebbe in italia. A far che? A guardare la TV piu’ brutta del mondo seduto in poltrona col reddito di cit- tadinanza?

      • Tutti quelli in Italia che festeggiano la vittoria sull’ Olanda di Rutte non so che partita hanno visto
        Conte ha accettato la troika, non con il Mes ma con un un’altro nome. Rutte che parla a nome della Merkel ha abbassato il livello dei sussidi e alzato quello dei prestiti, ha imposto un “freno a mano”, cioè lui con pochi altri possono oppporsi all’ erogazione dei prestiti decidendo la politica economica futura dell Italia, ha ottenuto sconti su i contributi (più di 1 miliardo l’anno), continua a essere il paradiso fiscale per le multinazionali. Non che sia dalla parte di Rutte, anzi, ma questo cantar vittoria e acclamazione di Conte io non la capisco. Contenti loro.

  7. A parte che la tornata elettorale non riguarda la Lombardia, ma è possibile che ogni volta che viene indagato un rappresentante del centrodx dovete sempre parlare di giustizia ad orologeria?

  8. Hanno visto la mortalità nelle RSA solo in Lombardia,
    per comodo loro e poter attaccare Fontana ( che non sarà perfetto ma c’è di peggio) e la Lombardia tutta, arrivando a dare la colpa anche ai medici di base, per non parlare
    degli ospedalieri.

    • La Lombardia ha avuto risultati peggiori delle altre regioni, sotto molti aspetti, con tante decisioni discutibili prese con arroganza, con l’arroganza della dittatura sanitaria dei virologi fenomeni che non ne hanno azzecata una.

      Quindi certo, la regione, il sistema sanitario regionale, i medici ospedalieri (che hanno somministrato le cure sbagliate, anzichè capire cosa stesse succedendo), vengono attaccati e devono dare spiegazioni su quanto accaduto.

      • Lei continua a dare la colpa ai medici, la sua malafede e’ esagerata.
        Io non ho apprezzato per nulla come Fontana e Gallera hanno gestito la situazione, ma siccome sono garantista sempre e non solo quando mi fa comodo, non accetto questo modo di fare della solita magistatura, e per ora rimangono innocenti.
        Il voto e’ l’unico modo che ho per far valere il mio dissenso. Non e’ che facendo qualcosa che aborro (il dittatorucolo) questo mi autorizza a pensar male di tutto il resto.

        • Certo che continuo a dare la colpa (anche) ai medici, più precisamente a quelli che hanno scelto, ed imposto, di non fare autopsie, di cremare i cadaveri, quindi a quelli che hanno scelto ed imposto di rimanere nell’ignoranza.
          Con la conseguenza di aver somministrato cure sbagliate per molto tempo, a cominciare dalla ventilazione più dannosa che utile.
          Ricorda quando sembrava che il fattore cruciale e determinante fosse il numero di terapie intensive e di ventilatori?
          Chi diceva questo, senza discussione se non gli “scienziati” medici?
          Non erano medici quelli che hanno paventato catastrofi se non si fosse chiuso tutto?
          E continuo, al contrario, a fare i complimenti a quei medici – minoranza – che hanno fatto diversamente, hanno fatto le autopsie, si sono impegnati ed hanno trovato cure più efficaci, riconoscendo meglio i danni provocati dal virus.

          Oggi è il momento di cominciare a fare bilanci su come sia stata gestita l’emergenza, sull’opportunità e sull’utilità del lockdown (clamorosamente smentita dai dati), sulle modalità di cura utilizzate (anche Trump ci è cascato: ha fatto produrre un mare di ventilatori, su indicazione dei medici, che non sono serviti a nulla).
          Ora i soggetti in questione si devono assumere le loro responsabilità.
          Non vedo alcuna malafede nel mio modo di pormi. La vedo, invece, in chi vuole assolvere a priori chiunque.

          Fontana?
          “Se la scienza ci dirà che dobbiamo stare chiusi, staremo chiusi”.
          “La condizione ineludibile per parlare di riapertura è il via libera della scienza e degli esperti e di chi sa interpretare l’evoluzione epidemiologica del virus. Se la scienza ci dirà che dobbiamo stare chiusi, staremo chiusi.”
          “Fino ad oggi ho utilizzato l’unico test riconosciuto valido dalla scienza, dall’Istituto superiore” di sanità “e dalla scienza”
          https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/04/17/fontana-scienza-dice-chiudere-lombardia-chiude_7fZBrHadQF2c6LOEXo8BdO.html
          Fontana? Mascherine all’aperto.
          Sappiamo benissimo chi sarebbe questa “scienza”.
          Ed ora abbiamo anche il riscontro empirico di tale “scienza”.

          Col voto dice?
          Benissimo.
          Il voto si esprime meglio quando ci si formano delle opinioni informate, per le quali il dibattito sui giornali è un buon inizio.
          Anche sapere se sono state effettuate condotte inopportune, o illecite, aiuta ad essere informati.

          Ribadisco il concetto principale: il centrodestra si è ridotto, negli anni, ad un completo fallimento, fatto di personaggi discutibili e politiche fallimentari, proprio per questa mania di dover difendere i “propri” a prescindere.
          Il cambio di passo, indispensabile per poter incidere positivamente sul paese, passa secondo me anche da un diverso atteggiamento in merito.

        • PS:
          https://www.milanotoday.it/attualita/coronavirus/mascherina-obbligatoria-vaccino.html
          Coronavirus, Fontana: mascherine obbligatorie fino a quando non ci sarà un vaccino anti covid
          „Probabilmente la mascherina resterà obbligatoria fino a quando non ci sarà un vaccino a proteggere dal coronavirus. A confermare l’informazione è il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, “
          Coronavirus, Fontana: mascherine obbligatorie fino a quando non ci sarà un vaccino anti covid
          „“Io sono più prudente perché ho parlato con tanti medici e tanti scienziati che dicono che la mascherina è il principale mezzo di attraverso il quale si evita il contagio, e tenuto conto che è fastidiosa ma non così drammaticamente fastidiosa e che ci consente una vita praticamente normale, io credo sia giusto portarla ancora finché non avremo la certezza che il virus è sconfitto”“

          Parla coi medici e con gli “scienziati”, e questo è il risultato.

      • Lei è al corrente che si è scoperto il paziente 1 a Codogno perchè una dottoressa è ANDATA CONTRO I PROTOCOLLI DEL GOVERNO che dicevano di fare il test solo a chi aveva avuto contati con la Cina o cinesi?
        (poi l’ospedale di Codogno si è visto puntare contro il ditino di Giuseppi, per non si sa quale colpa, visto che hanno seguito quello che lui aveva stabilito).

        “Quindi certo, la regione, il sistema sanitario regionale, i medici ospedalieri (che hanno somministrato le cure sbagliate, anzichè capire cosa stesse succedendo), vengono attaccati e devono dare spiegazioni su quanto accaduto.”

        … Cioè tutto il mondo è ancora alla ricerca di una cura ma la Lombardia deve dare spiegazioni?
        L’OMS dice una cosa e poi la smentisce il giorno dopo, ma è la Lombardia che deve dare spiegazioni?

        L’unica colpa della Lombardia è stata quella di aver seguito i protocolli statali anche dopo che la pandamia era scoppiata pagando l’incompetenza di Conte , delle sue task force e del sig. Arcuri.
        Il commissario per le emergenze, con la sua incapacità non era in grado di reperire i DPI per i sanitari (che al posto dei camici indossavano i sacchi della spazzatura, ricorda?) Ciò ha portato Fontana a rivolgersi alla ditta del cognato, (la gente moriva, ricorda?).
        E, fatto collaterale magari trascurabile, per produrre quella fornitura di camici, nel mese di marzo e aprile, tante confezioni hanno lavorato, non pesando così sullo Stato con la cassa integrazione che in tanti devono ancora incassare (come la sottoscritta… sbaglio o il sig, tridico diceva che veniva pagata a tutti entro il 12/6… siamo al 27/7 e ancora niente).

        • >”Cioè tutto il mondo è ancora alla ricerca di una cura ma la Lombardia deve dare spiegazioni?
          L’OMS dice una cosa e poi la smentisce il giorno dopo, ma è la Lombardia che deve dare spiegazioni?”

          Se Fontana segue pedissequamente l’OMS ed i burioni pensando che siano “la scienza”, certo, deve dare spiegazioni.
          Se vuole le faccio un disegnino di Trump che dall’OMS *esce* dopo aver tolto i finanziamenti, dicendo che sono dei cialtroni.
          Cure decenti si stanno trovando, dalla clorochina (veda Bolsonaro guarito, ma immagino che per Fontana sia “contro la scienza”, perchè lo dice qualche “scienziato” cialtrone suo amico), agli anticoagulanti, e via dicendo.
          Tutta roba che non si scopre facendo i soldatini dell’OMS.
          Tutta roba che non si scopre giocando a fare il piccolo dittatore con un lockdown *più duro* di quello richiesto dal governo, anzichè *scontrarsi* con esso contro tali provvedimenti liberticidi (copiando altri paesi, ad esempio proprio la vicina Svizzera che non ha rinchiuso nessuno), magari in nome di quella *autonomia* di cui blaterano a vuoto.

          La mortalità lombarda rimane anomala, altissima, e pretendo eccome spiegazioni.
          E pretendo anche che *non mi prenda per i fondelli* raccontando scemenze ogni giorno diverse sulla questione camici, con toni sempre più arroganti.

  9. Ma smettila Giubilei sempre con questa storia di attacco alla Lombardia iniziata con Littorio Feltri il razzista bergamasco che dice che i meridionali sono inferiori! Se c’è uno che emette le sentenze prima dei processi è l’ex concorrente del Pranzo è servito che (non so se ricordi Giubilei ma anche se ricordi non puoi dirlo) disse che la colpa della mancata zona rossa ad Alzano e Brembo fu di Conte solo a seguito di una semplice dichiarazione del Pm di Bergamo Rota senza che ancora non è iniziata il processo. Quindi Giubilei chi è che emette le sentenza le prima dei processi? E ora una domanda semplice: se fosse inondato il Tevere invece del Seveso quante gliene avreste detto alla Raggi?
    Anche prr lei caro Giubilei così come con Porro vale il Comandi signor padrone!

    • “se fosse inondato il Tevere invece del Seveso quante gliene avreste detto alla Raggi?”

      Lei sa qual’è il partito che a Milano continua a opporsi strenuamente con ricorsi su ricorsi ai lavori che impedirebbero le esondazioni del Seveso? I Grillini!!
      Ecco perché la sua domanda assume connotati esilaranti.

      P.S. è anche capace di argomentare o sa solo ripetere all’infinito l’infantile ritornello “servo del padrone”?

    • Lei si dimentica le dichiarazioni in aula del ministro Bocci il 4 marzo 2020: comandiamo noi le decisioni le prendiamo noi “ https://www.google.com/amp/s/www.ilfattoquotidiano.it/2020/03/04/coronavirus-boccia-interviene-alla-camera-in-caso-di-emergenza-nazionale-comanda-lo-stato-non-le-regioni/5725622/amp/
      Quindi dopo un simile discorso le responsabilità sono di Fontana. Le contesto che i giornali hanno riportato le frasi del pm Rota ma dopo l’incontro con Conte pubblicamente Conte si è preso la responsabilità della decisione sulla zona rossa i meglio arancio della Lombardia!

  10. Niccolai.
    Era un ottimo difensore ma non è passato alla storia del calcio per questo. È ricordato per i suoi spettacolari autogol, in tuffo e in rovesciata.
    Ecco, questo articolo è un palese autogol.
    Mette insieme la difesa della Lombardia, che in sé non ha bisogno di difese essendo la regione con dieci milioni di abitanti più importante e più avanzata d’Italia, al livello della Germania, con gli “infortuni” di Attilio Fontana.
    Fontana chiarisca la sua vicenda, nelle sedi deputate e, se desidera, in pubblico.
    La Lombardia e la Lega, se vogliamo parlare della Lega, non hanno bisogno di queste difese, che hanno le chiare sembianze di un autogol.

  11. Nessuno vuole condannare la Lombardia. Non buttiamo in caciara la questione.
    Qui c’è un governatore che tra moglie e cognato nella faccenda sotto inchiesta la metà basta, eppure ha la faccia di bronzo di dire “quando me ne sono accorto”. Ma accorto di che? Che ha una moglie? Che ha un cognato? Che guarda caso stavano nell’affare tutti e due?
    Ma che abbiamo gli orecchini al naso?
    Quanto al modello sanitario lombardo, ristendiamo un velo pietoso.

    • I 12 milioni di euro fatti sparire da Zinga?
      Con la commissione data ad un azienda che vende lampadine dal capitale sociale di venti euro!
      Soldi versati subito che solitamente le regioni non pagano nemmeno dopo!
      Devi tacere

    • Visto che il modello sanitario lombardo,per molti detrattori,non è più un’eccellenza proporrei altri lidi sanitari o mete mistiche per chi non ce la farà a sopravvivere.
      Io,se lei è d’accordo signor Sal, proporrei i modelli campani,come il mitico ospedale San Giovanni Bosco di Napoli in cui la fanno da padroni formiche e blatte;questi insetti sono così agguerriti che attaccano perfino le persone decedute da poche ore.
      Cosa dire della Calabria, la terra della ndrangheta, di politici corrotti e senza scrupoli.
      Oltre Due miliardi di deficit,con ospedali fatiscenti.
      2 milioni di assistiti, 39 ospedali pubblici di cui ben 36 fatiscenti e che non rispondono alle basilari norme igienico sanitarie; 2 miliardi e 566 milioni il deficit accumulato dalla regione Calabria, con 32 dirigenti nel solo ospedale di Palmi che di posti letto ne conta appena venti disponibili.
      Vogliamo parlare della Sicilia?
      La prima tra le regioni con il più alto tasso di malpractice, malasanità e accertamenti errati. Le ultime statistiche diffuse dalla Commissione parlamentare d’inchiesta, parlano di ben 117 casi di cui 84 sono decessi
      Diagnosi errate o tardive, esami ospedalieri non eseguiti, disattenzione sullo stato del paziente, interventi chirurgici mal riusciti. Sono tra le prime cause che spesso si evolvono in tragici epiloghi ospedalieri portando a casistiche di malasanità…ecc,ecc.

  12. I numeri sono impietosi.
    La letalità è la più alta d’Italia, pur con una popolazione relativamente giovane.
    Poi incomprensibile è la richiesta di Fontana, stupidamente eseguita dal governo, di trasformare tutta l’Italia in zona rossa, moltiplicando un danno che poteva essere limitato a poche zone, neanche tutta la Lombardia. E soprattutto, la rovinosa chiusura delle fabbriche.
    Tra Conte e il suo governo, Sala, Gori e Fontana è difficile scegliere chi sia peggio. Forse tutti alla pari.
    E’ indifendibile, ma non per la bagattella dei camici.

    • Il governo ha voluto fare lockdown “nazionale” quando la situazione era già sfuggita di mano,piuttosto che ascoltare prima i singoli appelli dei Paesini del Nord che avevano denunciato l’emergenza…bisognava fare chiusure dei focolai sul territorio come avevamo chiesto al governo e invece non hanno ascoltato e hanno fatto propagare il virus e chiuso l’intero Paese.Evitiamo di fare disinformazione.

    • Sarebbe stato Fontana a chiedere al governo di mettere in lockdown tutta l’Italia? Boom, questa è proprio bella. Ma chi l’ha detto?! Ma per quale motivo l’avrebbe chiesto poi? Boh.
      Veramente Fontana era già pronto a isolare Alzano e Nembro, decisione poi inspiegabilmente accantonata dal governo, che isolò invece tutta la Lombardia, sbagliando clamorosamente.
      Fontana non mi piace, ma adesso si vuole scaricare da Conte sulla Lombardia addirittura la decisione del lockdown dell’intera Italia??? Un po’ comodo.

      • Fontana ha chiesto di mettere in lockdown l’Italia intera??????
        ma che mistificazione della realtà incredibile!!!!!!!!
        Lombardia e Veneto, Emilia Romagna e se non ricordo male anche la Toscana, stavano per chiudere quando è arrivato il decreto Conte che poi ha chiuso l’Italia intera!!!
        Basta falsità ideologiche!

    • Infatti, la “severità”, spacciata per “scienza”, da Fontana, Gallera, ed altri personaggi, non è difendibile.
      Quale sarebbe la peculiarità del centrodestra, se anzichè copiare modelli liberali come la Svezia, gioca a chi fa il più duro con Conte?
      Tutti in prima fila poi a voler fare i vaccini obbligatori per l’influenza.

    • quello che non capisco è questo… Perché quando si parla di Fontana o comunque della Lombardia, bisogna fustigarli (se giustamente lungi da me difenderli) poiché hanno commesso degli errori, invece quando è il governo o altre regioni di sinistra a commettere errori, c’è sempre la solita frase; siamo stati colpiti da una pandemia mondiale e nessuno sapeva come affrontarla.
      Come sempre 2 pesi e 2 misure.

  13. Articolo perfetto, firmo e controfirmo.
    Aggiungo, sul presunto “scandalo RSA in Lombardia”, che non solo la mortalità rispetto ad altre regioni italiane duramente colpite è simile, ma che gran parte delle morti per Covid nel mondo, sottolineo NEL MONDO, sono avvenute nelle RSA. E questo per ovvi motivi che non serve essere Einstein per comprendere, non a chissà quale scandalosa malagestione.

    • Se ci fossero stati i rossi al timone nessuno avrebbe parlato di scandalo per i morti nelle RSA, vedere Emilia Romagna.

        • Se ne è parlato talmente poco che l’avevo rimossa.
          La mia svista testimonia come qualsiasi evento possa essere gonfiato o nascosto sotto il tappeto.

          • e non dimentichiamo purtroppo il San Raffaele di Roma.
            Purtroppo “sfruttano” i morti per arrivare ai loro obbiettivi, non dimentichiamo l’uscita fatta del parlamentare 5 stelle in parlamento. Il comunista è sempre stato così, dopotutto il loro “motto” è; quello che è tuo è mio e quello che è mio rimane a me

          • @Ale
            La scena del grillino ricciardi in parlamento credo sia una delle pagine più vergognose di sempre. Se in un Paese normale un parlamentare attaccasse una regione che ha pianto migliaia di morti, con quell’atteggiamento beffardo e di soddisfazione, ci sarebbe la rivoluzione.
            Qui passa tutto in cavalleria…

    • Ho sempre ribadito che tutte le RSA in Italia e nel resto del mondo,sono state colpite in egual modo,chi più chi meno.
      Vogliamo dare la colpa a Fontana e Gallera?
      Allora provate a fermare uno tsunami con le sole mani,se vogliamo paragonare la pandemia da Covid-19,e poi ne riparliamo.

      • Giustissimo.
        Ma poi è proprio il concetto di base che è assurdo. Si continua a ripetere che “la Lombardia ha avuto numeri peggiori = ergo automaticamente questo è sintomo di mala gestione.”
        Ma che logica è? Alcune zone di Lombardia, Veneto, Piemonte, Marche sono state le più colpite, semplicemente per questo hanno numeri peggiori. Il suo esempio dello tsunami è perfetto: se un’onda anomala colpisce un territorio più di altri, è colpa sua? Vuol dire che ha gestito male?
        A questo punto si dovrebbe dire che pure i governanti di NY, Madrid, Parigi, Londra, San Paolo sono degli incompetenti, perché hanno avuto numeri peggiori del resto dei rispettivi Paese (notare tra l’altro che, guarda caso, tutte le zone più colpite sono le più avanzate, più dense, più globalmente interconnesse dei vari Paesi…strano eh?).
        A voi risulta che all’estero si polemizzi contro i vari Cuomo della situazione? No anzi, casomai si polemizza contro i governi centrali…
        Ciò non toglie che magari in Lombardia, così come in Emilia, etc, abbiano sbagliato, ma questo è tutto da dimostrare. Certo non basta dire “ha i numeri peggiori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *