Commenti all'articolo A salvare la poltrona di Conte arrivano gli “interlocutori”

Torna all'articolo
Avatar
guest
28 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
mikepz
mikepz
20 Febbraio 2020 13:07

repubblichella2000 ha meno dignità giornalistica di novella2000

Valter
Valter
19 Febbraio 2020 23:12

Gino Strada è tutta la sinistra dell’odio si meriterebbero solo Pinochet.

montezuma
montezuma
19 Febbraio 2020 21:48

Se fosse vero (Romani …) sarebbe la fine di Forza Italia!

Un ministro non deve avere uno scudo penale, deve essere libero nelle sue decisioni politiche! Quella di Salvini era una decisione politica. Se un Esecutivo non può … ESEGUIRE, che ci sta a fare?? Il potere giudiziario NON può prevalere sulla politica altrimenti qualcosa non va!!!!

La signora Segre è una persona intelligente, ma di quello che dice i media segnalano solo quello che sta bene ai “progressisti!!

Campari, trivellazioni … Se vogliono affondare la nostra economia, lo dicano. È un disastro.

honhil
honhil
19 Febbraio 2020 20:45

Conte, non contento di essersi già autoproclamato avvocato del popolo, adesso, con una giravolta degna di un giullare di corte, si autonomina Giufà e scarica tutto su Salvini nel momento stesso in cui con ‘i giallorossi vogliono lo scudo per non fare la fine di Salvini’. E il quadro che ne viene fuori è quello di un azzeccagarbugli della peggiore risma asinina, con tanto di rispetto per quell’umile quadrupede. Poiché, Giuseppi, dimostra di non conoscere la costituzione, neppure quella parte che, per la funzione che al momento ricopre, lo riguarda direttamente: l’ art. 95 che così recita: ‘Il Presidente del Consiglio dei ministri dirige la politica generale del Governo e ne è responsabile. Mantiene l’unità di indirizzo politico ed amministrativo, promuovendo e coordinando l’attività dei ministri. I ministri sono responsabili collegialmente degli atti del Consiglio dei ministri, e individualmente degli atti dei loro dicasteri. La legge provvede all’ordinamento della Presidenza del Consiglio e determina il numero, le attribuzioni e l’organizzazione dei ministeri’.

Ma in questo quadro, Mattarella che parte ha?