in

Alta tensione Di Maio-Salvini

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 6 aprile 2019.

00:00 Di Maio e Salvini si menano via giornali. Gioco delle parti? Per Franco, sul CorSera, no.

03:58 Movimento Cinque Stelle, secondo i sondaggi di Pagnoncelli è in leggera crescita, mentre il Pd di nuovo giù.

05:05 Repubblica, lo scoop da Corriere dei Piccoli sull’intervento della Russia nella politica europea (cioé Lega e M5S).

07:10 Sul marocchino che ha ucciso il ragazzo italiano “felice” e sulle responsabilità della magistratura pezzo tranchant di Sallusti. Come non dargli ragione.

09:00 Ma quale razzismo sui rom, dice Ricolfi.

09:22 Spionaggio a Cinque stelle.

10:10 L’Avvenire “Manifesto” se la prende ancora con la Libia sostenendo non sia un porto insicuro.

11:58 Parlano Bonomi, presidente Confindustria Milano, che attacca quota 100 e il capo Hawey in Italia.

Condividi questo articolo

13 Commenti

Scrivi un commento
  1. In merito alle accuse di Di Maio a Salvini, il decerebrato dimostra di avere una memoria molto labile in ordine alle sue malefatte. Senza elencarle tutte, per ragioni di spazio, la più recente ed eclatante, che ha acuito la crisi diplomatica con la Francia, riguarda la visita che Lui e l’altro fenomeno (D.B.) hanno fatto alla frangia più violenta dei Gilets Jaunes, pensando di interloquire con gli originali, per costituire un’alleanza.
    Basta polemiche! L’Italia sta andando sempre più verso il baratro e l’impalpabile opposizione ci sguazza!

  2. Di sicuro tra Di Maio e Salvini quelli che si sono rotti sono i nostri co….ni, ma i 5s crescono perché, avvicinandosi le elezioni, anche i cretini che erano indecisi si sono decisi a fare quello che sono, ovvero i cretini che votano 5s, e non per niente la magistratura la passa sempre franca perché se andasse in Libia non sarebbe al sicuro come noi non siamo al sicuro dall’ Avvenire e dai rom che se si apparentassero con gli ani diventerebbero a tutti gli effetti romani e non potrebbero essere cacciati da altri romani, per la gioia di Zingaretti che già col cognome equivoco che si ritrova non si sa mai. Quindi è di assoluta evidenza che, come dicono in francia “tout se tient”, che poi tradotto in italia vuol dire che sono sempre e solo ca..i nostri.

    • Bergat ha perfettamente ragione.
      Gli interessi italinai in Libia riguardano solo i miliardi di Euro investiti dall ENI per procurarci gas e petrolio. I miliardi sono derivati dai costi che paghiamo all’Eni per procurarci l’energia.
      Nessuno ha mai detto che gli occupanti dei barconi/gommoni che partono dalla Libia per arrivare in Europa, principalmente in Italia, per la posizione geografica, sono tutti volontari che fanno il viaggio dopo averlo pagato a trafficanti di persone. In Italia si puo’ entrare per rimanerci solo legalmente. Tutto il resto e’ politica a basso prezzo. Nessuno dei politicanti di sinistra e 5s ha mai specificato quanti immigrati deve/puo’ ricevere il nostro paese. Ce ne sono gia’ 5 milioni, ovvero l’8.33% della popolazione. Basta cosi’, abbiamo gia’ dato.

  3. Anche il cosiddetto “Russiagate” era una barzelletta, eppure l’hanno tenuto in piedi per anni ed hanno in realtà raggiunto uno scopo: non si è praticamente mai parlato del contenuto di quei messaggi di posta “trafugati” al Partito Democratico statunitense; messaggi dai quali emerge chiaramente che la guerra in Libia era una guerra per interesse e che i vertici statunitensi ne erano a conoscenza. Lo sapevamo tutti, spero, che era una guerra per soli interessi economici, ma una volta che è scritto nero su bianco le cose cambiano: manca la copertura di facciata.
    Bene comunque che alzino sempre di più l’asticella dell’ipocrisia e della stupidità, così facendo prima o poi anche il più addormentato dovrebbe svegliarsi.

  4. E’ chiaro che il gioco di Di Maio è un volgare “cerchiobottismo” che serve solo a gabbare gli ingenui.
    Da un lato governa allegramente con Salvini e,addirittura- smentendo i principi del Movimento- lo salva anche dal processo (cui avrebbe dovuto sottoporsi) sulla base di una votazione “on line ” effettuata con una piattaforma,sanzionata dal Garante siccome manipolabile.
    Dall’altro – per appagare quella parte del suo elettorale al quale la Lega e Salvini sono invisi – mette in campo una <> su presunte <> che richiamano temi vecchi di sett’antanni.
    Distanza che non sposta di un millimetro l’alleanza di governo e l’intendimento di praticarla per l’intera legislatura.

  5. Non vi e’ alternativa a quei due (5Stelle e Lega), l’opposizione e’ inesistente e ridicola ( PD e altri a Sinistra e Forza Italia) basata su criticare ogni mossa del governo senza proporre niente di alternativo e valido, cioe’ negazionismo puro e duro da cani ringhiosi.
    Sui grandi temi vi e’ lo zero assoluto, gli unici che fanno qualcosa di sensato sono proprio quelli al governo. Non dimentichiamo che il reddito di cittadinanza una volta attivo e’ denaro che ricade direttamente nel ciclo economico e quota 100 porta a liberare posti di lavoro ai giovani, lavoro che porta reddito.
    Dove sono tutti quei soldoni che la BCE ha iniettato nella massa monetaria comperando titoli e facendo prestiti, alle Banche …..

  6. Allora ricapitoliamo no esistono razze no esistono sessi bianco eguale a nero bagnato ad asciutto spilorcio a generoso alto a basso e via dicendo…solo qualcuno particolarmente idiota no ha contrappeso…il resto e tutto melassa cosmoagonica specie brodo primordiale…
    https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  7. Caro Nicola non se ne puo’ piu’ di questi due. mi viene il voltastomaco solo a sentire i loro nomi.Certo che siamo caduti molto molto in basso per avere questi due al governo.ITALIANI svegliatevi con le cazzate si finisce nella *****.

    • Pur di mantenersi al potere, magari andrebbero a letto insieme, tenendosi stretti stretti…

      La forza d’attrazione di certe poltrone fa veri miracoli, addirittura di tenere insieme due forze del tutto opposte, secondo me perfino incompatibili.

      Io non sono ancora riuscito a capire chi dei due sia il peggiore…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *