Conte nella morsa dei due Mattei

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 18 febbraio 2020

Dimensioni testo

00:00 Tutto sul governo più pazzo del mondo. Decreto sicurezza lo smontano o non lo smontano. Dipende dai giornali. Nordio, sul Messaggero, ricorda i costi sociali ed economici se i decreti verranno smontati.

03:32 Renzi parla di un possibile nuovo governo. Ma niente elezioni, of course. Per Bechis, tra lui e Conte ne resterà uno solo…

05:55 Regionali Campania, i Cinque Stelle puntano sul ministro Costa. E il “cerchietto” delle Sardine dice al Mattino che non gli piace De Luca.

07:40 Verità e bugie sul reddito di cittadinanza. Capone sul Foglio smaschera la bufala sul lavoro.

09:25 Colpaccio di Intesa Sanpaolo che si compra la concorrente Ubi Banca.

11:08 La Apple e i conti che non vanno per colpa del coronavirus.

11:30 La fattura elettronica è un obbligo per i contribuenti, ma quando si arriva all’Agenzia delle entrate ci chiedono quella cartacea. Da denuncia. Non siamo loro servi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
32 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
V.M.
V.M.
18 Febbraio 2020 21:59

La questione riguardo la richiesta di copie cartacee da parte dell’ADE è più grave di quanto lei ha detto. La vicenda riguarda una richiesta di rimborso IVA da parte di contribuenti all’ADE, in pratica se il contribuente ha un credito iva, può compensarla con altri pagamenti oppure chiedere il rimborso. L’ADE dal 2019 non solo dispone dell fatture elettroniche ma già da un po di anni, dispone delle Liquidazioni Periodiche IVA e della dichiarazione annuale IVA. Infatti il contribuente attraverso l’intermediario il secondo mese successivo al trimestre di riferimento invia i dati riguardanti l’iva, ovvero l’iva a debito (iva sulle vendite), iva a credito (iva sugli acquisti). Nelle 4 dichiarazioni Li.Pe. il contribuente indica quidni se chiude il trimestre a credito e quindi non versa o a debito e quindi ha già versato, in questa maniera l’ADE controlla se il contribuente è in regola con i versamenti oppure invia una lettere di “compliance”. Nella lettere di “compliace” viene applicata una sanzione del 10% rispetto alla cifra non versata più gli interessi, la cifra può essere rateizzata fino a 20 rate con scadenza trimestrale, sulla rateazione si pagano gli interessi, che vengono calcolati anche sulla sanzione e sugli interessi. Nel caso in cui si commette un errore nella presentazione sono previste sanzioni, addirittura sono previste sanzioni anche se l’errore va a… Leggi il resto »

nuccio viglietti
18 Febbraio 2020 18:34

Il vero nemico dei bipedi idioti …la burocrazia…pidocchio immondo da spazzare…impossibile riformare devi…annientare…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Laval
Laval
18 Febbraio 2020 18:09

RE: EvaMo

circa 6 ore fa Il PD ( Emilia Romagna) incassa dall’UE parecchi soldi sulla percentuale di immigrati “accolti”

Questo è uno dei tentativi rossi per “bunkerizzare” le loro ultime roccaforti, purtroppo ancora parte degli italiani crede nel loro buonismo, si dentro casa loro, per gli altri il luogo giusto per scaricare l’immondizia.

Ogni regione deve essere messa in grado di eliminare la propria spazzatura, eppure questo non è obbligatorio, la tassazione elettronica si.

Il governo centrale deve incaricare le regioni ad affrontare il problema, invece delle eco-balle che le balle le fanno girare agli altri.

Mi viene da ridere.

Lugar
Lugar
18 Febbraio 2020 16:57

Sono del parere che chi rimane coerente per principio sbaglia, bisogna sempre essere pronti ad adattarsi alle opportunità per affrontare nuove situazioni. Se l’accordo con Renzi permette di raggiungere gli obiettivi, allora che aspetti.

Massimo da Rotterdam
Massimo da Rotterdam
18 Febbraio 2020 16:52

Conte, l’ autoproclamato avvocato del popolo italiano pensava facilmente salire sul piedistallo dei vincitori e diventare il riferimento politico di tutto il centrosinistra ma non ha fatto i conti con l’ altro galletto. Nello stesso pollaio è difficile sistemare 2 galli.

Maura Cirielli
Maura Cirielli
18 Febbraio 2020 16:40

Infatti, caro Porro, siamo in un paese di comunisti che si fanno chiamare ‘democratici’……dopo 5 governi non eletti da nessuno siamo nelle condizioni di un qualsiasi Ping di turno che pretende di comanda senza averne mandato popolare, e questo cos’è se non un regime?………..

rosario nicoletti
rosario nicoletti
18 Febbraio 2020 16:27

Fantapolitica: se i due Mattei si mettessero d’accordo su alcune piccole cose da fare, io applaudirei. Da fare: non firmare il MES; boicottare l’unione bancaria se dovesse esser fatta obbligando le banche a cedere i titoli Italiani; riaprire i cantieri per i progetti già finanziati, scavalcando la burocrazia (v. nuovo ponte di Genova).

saverio leonetti
saverio leonetti
18 Febbraio 2020 15:32

Porro non sarebbe d’accordo sul taglio dei parlamentari.. Mah! chissa perche’. Forse perche’ non lo vuole il suo partito -padrone? Porro sei molto scaltro ma sei diventato un “giornalaio” pure tu.

crea sempre discorsi contro l’unico partito onesto che abbiamo in Italia. Che peccato! fare informazione distorta senza che nessuno possa ribattere.