Zuppa di Porro: rassegna stampa del 19 ottobre 2020

Dpcm farsa: Conte s’è accorto che esiste pure l’economia

Condividi questo articolo


00:00 Ieri sera il finto dpcm di Conte che non chiude e, diciamo la verità, fa bene. Finalmente si accorge che c’è anche la questione economica di cui tener conto.

03:50 La retromarcia del Fatto Quotidiano sul virus continua…

05:00 Geniale Bechis sul Tempo: stop agli ex Pci. Speranza & co che volevano chiudere tutto. Ai sindaci potere di coprifuoco: così sembrava ieri sera, ma la notte…

06:03 Agostino Miozzo della Protezione Civile dice che le terapie intensive rischiano la saturazione mentre Repubblica con Tito sostiene che l’atteggiamento di Conte è solo attendismo.

07:50 Alessandro Milan dice sul Quotidiano Nazionale di non parlare più del virus, come fanno gli altri paesi: ha ragione. Ma loro che fanno?

09:58 Calenda si candida a sindaco di Roma: tanti alzano il sopracciglio, ma non capisco perché…

10:55 La testa decapitata del prof francese pubblicata da Belpietro sulla Verità. E per Battista sul Corriere della Sera è un eroe.

12:45 Addio a Alfredo Cerruti

13:00 La follia del giocatore che mette il braccio sulla guardalinee e viene considerato sessista. Se ne occupa bene Elia Pagnoni sul Giornale.

13:30 La manovra e quella proroga per le cartelle di un mese e mezzo e di due anni per le notifiche, Il Sole 24 ore dorme, Enrico Zanetti no. Capezzone si accorge del buco da 17 miliardi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


21 Commenti

Scrivi un commento
  1. Questa si che e’ una notizia …Zangrillo ( !!!!! ) in una intervista al Corriere si e’ detto ” soddisfatto ” delle decisioni di Conte. E’ solo una notizia eh…nulla di più.

  2. Caro Porro…magari una voce dissonante ti fara’ pure piacere…solo opinioni eh…e per quello che valgono ; ebbene ,vogliamo dire una banalita’ alla Pinocchio ? …tipo se il burattino non e’ vivo vuol dire che è morto ? ” Vorrei osservare che tutte le nostre deduzioni che facciamo in merito a coprifuoco , mascherine , distanziamenti , ULTRAGIUSTE puntualizzazioni in merito all’economia , alla terrificante parola ” lockdown ” che il PDC sembra non voler sentire neanche nominare…ebbene ecco la banalita’ realistica e pessimistica nello stesso tempo…TUTTO DIPENDERA’ DALL’EVOLVERSI DELLA MALATTIA. Puo’ darsi che questa idea magari alberghi in ognuno di noi , ma ogni tanto e’ bene rimarcarla in modo chiaro. Il nostro destino e’ solo in parte nelle nostre mani. Illusoria era l’idea che noi fossimo stati i più bravi si da essere una impossibile ” insula felix “…cosi’ come trovo abbastanza strumentale il discorso sui mezzi pubblici non adeguati ( e oggettivamente lo sono eh…) …come se fosse facile e con una bacchetta fatata in due o tre mesi raddoppiare le corse del metro’ o decuplicare il numero dei bus.Qualcuno dice …usiamo i bus privati…elementare Watson , e noi pensiamo che il problema sarebbe risolto ? La riprova e’ che al di la delle Alpi in tema di trasporti si trovano esattamente come noi…c’e’ di piu’ per esempio…in Francia per il ritorno a scuola non si sono posti neanche lontanamente certi problemi…per esempio il problema dei banchi a scuola…infatti hanno detto : QUESTI sono i banchi e che di fatto Dio ce la mandi buona. Su una cosa non sono d’accordo con Galli…il casino in cui ci troviamo certo non dipende dal Twiga di Briatore aperto o dal convegno salviniano al Senato sulla non utilita’ delle mascherine ( magari non hanno aiutato ) …qui e’ accaduto semplicemente quello che e’ accaduto altrove..ovvero che la malattia ha presentato lo stesso conto a tutti. Se si guarda al Belgio , con i loro dati spaventosi , ci sarebbe da dire che siamo stati pure più fortunati…li hanno GIA’ chiuso per un mese almeno bar e ristoranti ; di coprifuoco in Francia , di vari lockdowns in NL UK SP gia’ si disse. A proposito di mezzi di trasporto inadeguati sono spiacente di non poter produrre una foto del ” tube ” londinese apparsa sul ” Guardian ” la settimana scorsa…era la fotocopia di quella di Milano o di un bus romano in attesa del rituale incendio. Ecco infine un argomrnto interessantissimo…qualcuno dice che i lockdowns non servono ( anche se a Luglio dopo quello feroce di Marzo Aprile e Maggio i contagi si erano quasi azzerati …guarda un po’ ) …poi pero’ TUTTI o li hanno gia’ fatti o li hanno programmati…questo e’..P.S.Caro Porro…noi ci conosciamo bene …conosciamo bene le nostre negativita’ e problematiche…ma era realisticamente ipotizzabile che qui da noi andasse meglio che altrove ? NO evidentemente…di fronte a questa malattia poi..manzonianamente mi verrebbe da dire , sconsolato ” a chi la tocca la tocca “…e cosi’ purtroppo e’….basta leggere i giornali. Mettiamocelo in testa la ” cosa ” e’ AL MOMENTO più grande di noi tutti…everywhere.

  3. Angela tu hai perfettamente ragione ma FARE UN PASSO INDIETRO DI FRONTE AL NEMICO non fà parte del mio carattere(purtroppo). Io sono x la LIBERTA’ anche a qualunque costo. Questo mi permette di non sputarmi in faccia quando mi guardo allo specchio(anche xch poi do vrei pulirlo…) Certo che non credo valga anche x chi ha cancellato dal suo commento la frase “se l’é cercata” io ieri sera ho inviato il commento a mia figlia x cui ….

  4. per quanto riguarda specificamente i termini di decadenza e prescrizione in scadenza nell’anno 2020 per la notifica delle cartelle di pagamento, resta fermo quanto disposto dall’art. 12, comma 2, del dlgs. 159/2015, sulla sospensione dei termini per eventi eccezionali, e dunque la proroga dei termini al 31 dicembre del secondo anno successivo alla fine del periodo di sospensione, ossia al 31 dicembre 2022. Il rinvio all’art. 12, comma 2, del dlgs. n. 159/2015, si legge nella relazione, “trova applicazione per tutti i comuni del territorio nazionale in considerazione della generalizzata dichiarazione stato di emergenza che interessa l’intero Paese”.

    ……..alla fine ci sono riusciti…nessuno ne parla.
    Proroga al 31 dicembre 2020 per la notifica ,in cambio 2 anni in più per potere procedere a favore del fisco relativamente al 2020.
    2 mesi al contribuente ,2 anni per loro))))

  5. Allora: Carlo ed Angela x me é sembrato lampante…quando uno dice che l’insegnante SE L’É’ CERCATA….Io ,di mio, ho il massimo rispetto per tutte le religioni non ammetto però che siano usate come strumento di morte!!!! È vero che io non ero ancora nata e penso nemmeno voi ma mi risulta che con L’INQUISIZIONE abbiamo già dato…o no?

    • Nella, il punto è uno, quando “conosci” il nemico, e sai di non poterlo combattere, bisogna fare un passo indietro oppure scappare a gambe levate..
      poi nemmeno io ammetto che una religione possa essere strumentalizzata, nella teoria è così.. nella realtà i fatti dimostrano altro..
      Credo che il Prof. abbia peccato, purtroppo, di ingenuità .. chiaramente non è un attacco al suo operato che rispetto, ma purtroppo quel tipo di nemico non perdona mai..

      • La condiscendenza con cui si è fatta accoglienza ha esposto a sottomissione la nostra cultura e in qualche caso la vita.
        Commemorare l’11 settembre è diventata pura retorica e non abbiamo imparato niente, o non abbiamo voluto imparare.

  6. Allora: Carlo ed Angela x me é sembrato lampante…quando uno dice che l’insegnante SE L’É’ CERCATA….Io ,di mio, ho il massimo rispetto per tutte le religioni non ammetto però che siano usate come strumento di morte!!!! È vero che io non ero ancora nata e penso nemmeno voi ma mi risulta che con L’INQUISIZIONE abbiamo già dato…o no?

  7. Accidenti, speravo che stasera Bertolaso spiegasse come funziona l’app immuni, ed invece non riesco ancora a capire come faccia l’app a sapere che il suo possessore è positivo. A meno che non lo sappia anche il suo possessore, ma a questo punto mi chiedo: perché chi sa di essere positivo va in giro ad infettare gli altri?

    • Ecco, mi sono più volte posta la stessa domanda. Se io so di essere positiva devo stare a casa confinata, dunque non incontro nessuno e Immuni non ha ragione di comunicare niente. Quindi a che serve?
      Però non ho capito cosa c’entra Bertolaso con Immuni, a parte la sua dichiarazione (forse provocatoria?) che tutti dovrebbero averla perché funzioni.

    • > capire come faccia l’app a sapere che il suo possessore è positivo

      Controlla i codici (anonimi) che sono stati inviati quando una persona effettivamente positiva viene registrata. Se nei contatti degli ultimi 14 giorni del suo telefono, per fare un esempio, risulta la vicinanza al codice “incriminato”, scatta l’allarme e l’invito ad isolarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *