Commenti all'articolo E ora come la mettiamo con la trattativa Stato-mafia?

Torna all'articolo
Avatar
guest
102 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Daniele
Daniele
8 Maggio 2020 9:33

Ciao Nicola,
i tuoi video e la tua trasmissione sono molto interessanti e stimolanti.
La stragrande maggioranza degli ospiti che inviti in trasmissione hanno sempre (o quasi) cose interessanti da dire e rende piacevole seguire Matrix. L’altra sera, però, sono rimasto un pò deluso quando ho visto l’ospite Matteo Renzi che credo sia ascoltato solo (e forse) dai suoi familiari a tavola durante i pasti.
Non potresti seguire questa linea forte, apparentemente sincera di stampa e informazione genuina? O è solo un’utopia.
Grazie,

Daniele

Paolo Marletta
Paolo Marletta
7 Maggio 2020 14:07

Caro Porro,
mi risulta difficile pensare che tu abbia compiuto un errore o una dimenticanza non parlando della questione Di Matteo a Quarta Repubblica.
Mi scusi ma non e’ credibile.
Io ritengo che la verita’ sia che lei non abbia trattato la questione VOLUTAMENTE per non rischiare di dire qualcosa di fastidioso su Mediaset e probabilmente prendere un bel calcione nel sedere.
Invece sulla zuppa, improvvisamente, l’argomento decide di sviscerarlo in dettaglio ed esprimere opinioni precise e dirette.
Continuo a stimarla profondamente e a considerarla il top del giornalismo italiano.
Cordiali Saluti
Paolo Marletta

Mauriizio
Mauriizio
7 Maggio 2020 11:43

Da TGCOM24: ****Procuratore antimafia De Raho: scarcerazioni boss mafiosi potevano essere evitate
Federico Cafiero De Raho procura antimafia
“I detenuti potevano essere assegnati a centri di cura penitenziari invece si è optato per i domiciliari perché ci si è lasciati prendere dal rischio del contagio”. Lo ha detto a il procuratore nazionale antimafia Cafiero De Raho sui detenuti in 41bis messi ai domiciliari per il timore del coronavirus. “Non si comprende perché ci fosse questa preoccupazione, si tratta di detenuti in isolamento, impossibili da contagiare, bastava un termo scanner”, ha aggiunto.****
Ma se si pensa che sia oggettivamente pericoloso per il paese, i giudici non possono mandarli ORA ai centri penitenziari dotati di struttura sanitaria adeguata?

honhil
honhil
7 Maggio 2020 9:03

E’ cosa certa oramai: Bonafede ha messo in libertà una carrettata di mafiosi detenuti al 41 bis. Perché? Che c’è dietro? E’ una mano di aiuto a mammasantissima o una visione comune di qualcosa di molto inquietante? Perché Grillo tace? Mentre la pezza che Bonafede adesso cerca di mettere sullo strappo istituzionale è ancora peggio del buco attraverso il quale quella gente ha fatto uscire.
Insomma, per salvaguardare dal Coronavirus i detenuti, Bonafede non mette il libertà i rubagalline ammassati in pochi metri quadri e perciò i più soggetti a rischio di contagio, ma proprio chi dal loro isolamento erano da ciò salvaguardati.