in

Epurato dalla Luiss per un tweet #SiamotuttiGervasoni

Oggi è un giorno triste per la libertà di espressione. La Confindustriale Luiss, caccia il professor Marco Gervasoni per un tweet contro la nave Sea Watch. Ma lo fa solo quando cade il governo gialloverde. Boccia e gli altri professori zitti. Oggi voglio parlare solo di questo: i giornali sono carta straccia se non difenderanno, indipendentemente dalla loro opinione, il diritto di Gervasoni a poter dire la sua.

Condividi questo articolo

92 Commenti

Scrivi un commento
  1. Mi sembra che usi la definizione “sinistra” e “comunista” in modo improprio. Capisco il trend, ma questo é per lo meno pressapochismo. Tu confondi il comunismo con la dittatura. Il PD é neoliberista, quindi di destra, dovresti usare aggettivi come ipocriti, opportunisti, lobbisti e prepotenti. Questa gente semplicemente non rappresenta la sinistra italiana che effettivamente non vota. Questo giornalismo é spazzatura come lo é l a politica italiana. Ciao

    • Cosa sta dicendo? Il PD e la sua galassia sono diventati una sx radicale che fa rivoltare nella tomba la maggioranza dei vecchi comunisti.

  2. Forse Sal non ricorda ( ??? ) che il mortadella aveva deciso un blocco navale dall’albania (quello che oggi i suoi compagni di merenda definiscono un “atto di guerra” !!!! come cambia il significato delle parole…padre Dante li perdoni );
    Forse non ricorda neppure che ci furono centinaia di morti !!!
    Ma, si sa, la memoria è moooolto selettiva

  3. In Italia dire la sua non è stato mai facile, ma mai è stato difficile come adesso. Sea Watch, come tutte le Ong, è tabù: l’invasione, o commercio di carne umana che dir si voglia, ha avuto l’insperata fortuna di riprendere quota e guai a chi ne freni, anche a parole, il vento in poppa. In quanto ai giornali a cui fa riferimento sono peggio di carta straccia: sono complici. In quel business, chi da un verso chi dall’altro, ci pescano tutti! E’ o non è un sinistro affare?! E avanti tutta!

  4. Non ricordo chi l’ha detto,ma e rimasto scolpito nella mia mente : c’è una cosa peggio del fascismo,ed è l’ antifascismo.
    Solo chi è impregnato di ideologia politica oppure è in malafede non vede ciò che la sinistra giornalmente ci propina,anche ricorrendo alla violenza, ( vedi gli attacchi ai gazebo non rossi)
    Hanno creato l’ insicurezza nelle persone che non esprimono il loro reale pensiero se difforme dal politicamente corretto.
    Se non è dittatura questa.

  5. Impedire a un Docente di esprimere il proprio pensiero equivale a uccidere tutti i propri Docenti.
    Un Docente omologato è una rotellina di un ingranaggio e non un motore di idee e problem solving.
    Uccidere la libertà di pensiero significa uccidere l’insegnamento.
    Riccardo Bianconi

  6. Quale libertà di espressione? Quì c’è la libertà di un’istituzione culturale di difendere la propria immagine; Gervasoni non ha fatto un tweet ne ha fatti decine e decine impregnati di una visione nazionalistica della vita politica ai limiti del fascismo (e fin quì tanto tanto…) espressi però in una forma inutilmente violenta e guerresca, sprezzante di qualsiasi principio di umanità e dignità della persona, spesso invocando in modo autocompiaciuto fucilazioni, cannoneggiamenti, affondamenti etc.. Andate a vederli e giudicate voi.
    Che doveva fare la Luiss?
    Tenersi questo tribuno mussoliniano e garantirsi lo sputtanamento?
    Chi lavora in un’organizzazione deve rispettare certe regole a tutela del datore di lavoro; dall’impiegato comunale su fino al Presidente della Repubblica; e più hai un ruolo di rilievo (professore univ.) più le responsabilità hanno un grado elevato e quello che fai o dici “impegna” anche l’immagine del datore di lavoro.

      • Bell’ intervento,caro Lord.
        Di nickname e di fatto. 😉
        Si legge molto bene tra le righe il rispetto che si dovrebbe sempre dare alla vita umana.
        Sopratutto in un’ottica liberale dove nn bisogna cercare le capacità dove si vorrebbero trovare,ma da dovunque parte esse arrivino.
        Altrimenti è semplice cooptazione al ribasso.

      • Apprezzo l’ironia. Rientra nella libertà di espressione anche il diritto di esprimersi senza palesare la propria identità; nulla di male nel non dire il proprio nome, purché l’anonimato non sia un mezzo per lanciare epiteti a destra e a manca.

  7. Ricordo che l’affiondamento di una nave credo albanese avvenne 20 anni fa, quasi nel silenzio generale o poco più, SOTTO IL GOVERNO PRODI. Con un centinaio di persone a bordo.
    Ma, già, erano altri tempi: gli uomini stranieri “non c’erano, allora…”

    • Ad oggi non esiste una singola prova che sia partito dal Governo l’ordine di speronare la nave.
      Informati caro.
      Vedo con piacere che gli albanesi sono diventate persone anche per voi.
      Piano piano, un passo alla volta……

    • Hai pessima memoria. L’abbordo fra la corvetta italiana Sibilla e una motovedetta albanese (trafugata da criminali per trasportare migranti albanesi in fuga dal disastro economico albanese) con conseguente rovesciamento della piccola imbarcazione con ca 140 persone a bordo di cui solo 34 riuscirono a salvarsi non restò nel silenzio generale ma ebbe grande risonanza nazionale e internazionale. Seguirono processi penali e civili con condanne per i due comandanti (italiano e albanese) e anche per il ministero della difesa (solo risarcitoria per intervenuta prescrizione del delitto di omicidio plurimo colposo), posto che l’ordine di bloccare in alto mare quelle navi era illegittimo come riconobbe l’ONU. Nella vicenda si palesarono tutte quelle magagne che hanno sempre contradistinto le italiche marinerie militare e civile (cfr Lissa e Capo Matapan ma anche il naufragio della Costa Concordia) compresa quella che contradistinguerà poi il caso Enrica Lexie: sparizione degli elementi di prova a carico della nave responsabile dell’incidente. Fu dovuto ad un’orrenda cappella italiana quell’incidente e la cappella derivava dalla cronica impreparazione dei nostri ufficiali e dall’emanazione di norme imbecilli.

    • L’affidamento fu colpa dello scafista criminale che la comandava. Non girare la frittata. Il rispetto per i morti non può prescindere dalla verità.

  8. Il licenziamento della maestra che strilla alle forze dell’ordine DOVETE MORIRE ! e’ giusto e sacrosanto.
    Come quella che ha twittato sul carabiniere morto, e vigliaccamente dichiara per salvare il fondo schiena, che qualcuno ha scritto sul suo account.
    Neanche hanno il coraggio delle ca…ate che fanno .

    • Come mai nessuna “Zuppa di Porro” per la prof. di Palermo sospesa per 15 giorni, con lo stipendio dimezzato, per non aver vigilato sul lavoro dei suoi alunni quattordicenni, che nella Giornata della memoria dello scorso 27 gennaio avevano criticato il decreto sicurezza del ministro dell’Interno?
      Come mai??
      Ce li scegliamo i giorni tristi per la libertà di espressione, caro Porro?

  9. Ma un professore illuminato e stimato da tutta la comutità culturale può dire una cosa del genere?:
    “Ha ragione Giorgia Meloni, la nave va affondata. Quindi Sea Watchbum bum, a meno che non si trovi un mezzo meno rumoroso”
    Secondo me può.
    Una cosa del genere tuttavia, letta così senza riferimento alla paternità, sembra scritta dall’uomo qualunque (non dico quale tipo di uomo) , con l’aggravante della battuta spiritosa su un tema terribilmente drammatico come quello dei migranti.

    • Come mai nessuna “Zuppa di Porro” per la prof. di Palermo sospesa per 15 giorni, con lo stipendio dimezzato, per non aver vigilato sul lavoro dei suoi alunni quattordicenni, che nella Giornata della memoria dello scorso 27 gennaio avevano criticato il decreto sicurezza del ministro dell’Interno?
      Come mai??
      Ce li scegliamo i giorni tristi per la libertà di espressione, caro Porro?

      • Ma che fai, ti rispondi da solo, e pure a distanza di un’ora?
        Vabbe’, lasciamo perdere.
        Piuttosto poniamo una domanda che mi pare dirimente: ma tu pensi che la Meloni abbia proposto di ripristinare la gloriosa squadriglia di aerosiluratori di Buscaglia e affondare le navi ONG mentre navigano nel Mediterraneo cariche di persone, oppure che tale affondamento sia da realizzarsi in forza di legge previo sequestro del natante disposto dall’autorità giudiziaria competente?
        Tanto per capire, eh?

        • No no. Hai capito benissimo: prima la deportazione dei migranti e poi l’affondamento della nave in perfetto stile nazista.
          Capito adesso?

  10. sei un buffone. il tuo diritto di parlare è il difetto più evidente della democrazia. diciamo un prezzo un po’ esoso da pagare per il diritto di parlare di gervasoni. ops

  11. Io ho visto cosa ha scritto Gervasoni su Twitter, non si tratta solo di un tweet. Anche senza giudicarlo come professore della sua materia, dico che la LUISS ha fatto bene, perché la sua condotta minava la reputazione di università seria che la LUISS per me aveva da difendere.

  12. Il fatto più deprecabile è disgustoso, ove possibile, è nell’aver questi sinistri illiberali epurato il prof Gervasoni dopo la caduta del governo giallo verde. Che vergogna, quanta miseria.

  13. Ci sarebbe da capire piuttosto perché lo avevano assunto. Si saranno ravveduti tardivamente diciamo. Da Martino a Gervasoni è un po’ troppo.

  14. Che cavolo dici? Ha ragione Gervasoni le navi che forzano i blocchi vanmo affondate e il loro equipaggio arrestato. Non significa sparare sui naufraghi. Solite forzature dimenti bacate come la tua. Dai l’esempio prendi una decina dei cosiddetti profughi a casa tia e a tue spese e poi parla.

  15. Ho “scoperto” Gervasoni da non molto e mi è piaciuto il suo modo di porgere il pensiero, la sua lucidità d’analisi. Sulla questione “migranti”, siamo di fronte ad una imponente opera di falsificazione, per scopi che alle menti normali sfuggono, perché non si palesano motivazioni razionali. Deve esserci un disegno occulto e trasversale, per motivare tante menti e tanti cervelli che vanno all’ammasso con tanta disinvoltura, recitando la medesima poesia senza coerenza. Credo che il caso Sea Watch passerà alla storia futura come un caso di follìa collettiva, come la sentenza illogica di un giudice che mette in libertà l’assassino giusto perché ha ucciso e perché è prevista per questo la reclusione. La Rachete esaltata ed osannata è un caso di sentenza illogica. Nè più, nè meno. Ma la storia farà giustizia. La mia stima per Gervasoni. Sarà sempre un piacere seguirlo, a differenza di qualche serpentello a quattro lettere che quì non perde occasione per sversare il suo veleno anche quando non ce n’è ragione.

  16. “Ha ragione Giorgia Meloni, la nave va affondata. Quindi Sea Watchbum bum, a meno che non si trovi un mezzo meno rumoroso” Queste affermazioni non sono espressione di libero pensiero ma esternazione criminale che nella migliore delle ipotesi fa ritenere l’autore uscito di senno (magari per assunzione di sostanze). Scritte o pronunciate da un docente sono ancora più gravi perché instillano nelle menti deboli concetti aberranti quali la libertà di sparare sui naufraghi e sui loro soccorritori, giustificano il razzismo e la violenza che ne consegue. Giusto dunque cacciarlo! Non deve salire in cattedra un istigatore all’odio. Ai bananas di queste forum ricordo che inneggiarono (e giustamente) al licenziamento di quella maestra, anch’essa fuori dall’orario di lavoro e fuori dal contesto scolastico, che invocava la morte per i poliziotti.

    • Pontaldi Pontaldi, prima di dire stronzate , apri il cervello ammesso che tu nè abbia uno, prova a mandare questi pseudo naufraghi sulle colte africane, Marocco, Tunisia, o verso l’ Asia, e poi potremmo anche parlarne di come sarebbero andate le cose….un conto è salvare chi veramente è vittima di un naufragio…un conto raccattare persone che partono di proposito dopo avere pagato fior di soldi a moderni schiavisti a te tanto cari

    • Ma lei sig. Pontalti si rende conto delle idiozie che scrive, tra un ruttino e l’altro dopo aver risucchiato la sua minestrina col formaggino?
      i suoi amici, neanche tanto tempo fa, hanno bruciato migliaia di neonati col fosforo bianco in Iraq, Palestina, Libia e persino nella ex Iugoslavia con la complicità dei suo mentori e adesso si infervora sbraitando All’obbrobrio se qualcuno avanza l’ipotesi di sparare agli invasori portatori di caos criminale nel nostro paese, che poi sarebbe il minimo sindacale in uno stato normale.
      Si cambi il pannolone, e vada ha a fare la nannina che la badante le porta la camomilla e non rompa gli zebedei, vecchio trollone.

    • > Non deve salire in cattedra un istigatore all’odio.

      Lo sa vero che questo modo di fare (PS: io non volevo che l’insegnante venisse licenziata, personalmente, visto che siamo a fare i distinguo) è terribilmente soggettivo? Chi decide cos’è odio, cos’è “istigazione”?

      Se qualcuno pensa che Gervasoni abbia passato il limite, lo denunci, e sarà il tribunale (come legge comanda) a dire se è stato troppo oppure no. Ma chiedere l’autocensura perché ha espresso il proprio pensiero *fuori dal proprio lavoro*, no.

      E non si dimentichi: oggi Gervasoni, ma domani il Grande Fratello potrebbe puntare a lei, o a chiunque altro. Questo modus operandi va impedito con tutte le forze.

    • Compagno Pontalti, da quello che scrive, non leggo un inno all’affondamento della Sea Watch carica di invasori clandestini, piuttosto solo che la nave andrebbe affondata, punto. Dov’è Il razzismo? Dove viene detto che bisogna uccidere i clandestini? Per lei, invece, i docenti dovrebbero essere allineati al pensiero unico dominante e instillare questo, nelle deboli menti, giusto?

    • “sparare sui naufraghi e sui loro soccorritori”?????
      “giustificano il razzismo e la violenza che ne consegue”?????
      ma perchè travisate sempre le cose?
      ma solo voi potete intendere che vanno affondate le navi con dentro i “migranti”!
      è ovvio (e sarebbe giusto) affondare le navi che si permettono di fare la tratta degli schiavi e il traffico di esseri umani.
      la mente offuscata dall’ideologia di sinistra porta a delirare.

      • Ti faccio sommessamente notare che sono fascista come mi proclamo in diversi commenti su varie testate giornalistiche. Ho fatto gli anni di piombo nelle piazze picchiando e venendo picchiato, ma non me la sono mai presa con la vecchina che tornava dal comizio dei compagni con il fazzoletto rosso al collo. Chi tocca le persone inermi è un infame e infami si stanno mostrando oggi i destricoli con i quali da fascista non voglio avere nulla a che fare.

        • Sì Pontalti, ma è ovvio che l’affondamento dei natanti si intendeva come conseguenza di un sequestro ordinato dall’autorità giudiziaria basato su apposita legge (da approvare). Insomma, si tratta di una sanzione, non di un atto di guerra. L’idea di silurare o cannoneggiare le navi ONG che navigano in mare aperto piene di gente potrebbe venire solo ad uno Stato canaglia.
          Che poi l’affondamento di una nave (invece della sua confisca) sia una bischerata oscena per motivi ovvi (anche ambientali), mi pare ovvio, ma la politica a volte si fa anche con le iperboli.

          • Ad una invasione programmata tesa a distruggere un paese (il nostro) con l’arrivo di migliaia di manzi ben nutriti mantenuti di tutto punto e in più con la pretesa di accoppiarsi con le nostre femmine altrimenti si arrabbiano se non gliela danno prendendole a cazzotti, esige una risposta di tipo militare!
            Poi “sparare” non significa uccidere, ma dissuadere con raffiche di avvertimento per fargli fare dietro-front. salvaguardando ovviamente donne e bambini innocenti di cui si fanno scudo questi delinquenti che scappano si, ma dalle patrie galere e i risultati si vedono ogni giorno sulle cronache dei giornali.

        • Questo la rivaluta, ma nessuno ha mai detto di affondare una nave piena di clandestini. Men che meno il professor Gervasoni. Quindi rimane il fatto che la LUISS abbia perpetrato un sopruso illiberale messo sotto silenzio dalla solita (dis)informarzione allineata.

  17. La Luiss è stata creata ad arte per cavalcare non tanto la conoscenza (non mi risultano Nobel in ambiti scientifici od altro) ma piuttosto per creare una sorta di scorciatoia per chi volesse spendere un po di soldi per una ipotetica arrampicata sociale.
    Dell’ambiente e degli immigrati non gliene importa nulla ed è solo grazie ad un approccio da Marketing sociale che si cercano posizioni mai scomode , politically correct ed ipocrite.

  18. Guerra di religioni non può esserci fino a che il Pampero non se ne torni sul carretto di casa, la sua non è religione seppure non sappiamo cosa sia. In quanto alla Luiss si tenesse il buon nanetto degli Angelis, dalla sua boccuccia trapela la scuola attraverso cui rete 3 e restanti ludibri di nome approfondimenti, tipo formigli che riceve una capitana messa ko da una rete inglese, seguito dall’innamorata renziana di La7 che non fanno giornalismo ma solo propaganda a sfavore. Ciò che manca anche in questo settore è la professionalità giacché il denaro non basta mai seppure la professione ne proporzioni bastante, il vendersi è divevenuto arte. Per Gervasoni non fa eccezione il messaggero della serva, Confindustria abbisogna anch’essa di pappare denaro, non mi preoccuperei più di tanto sperando sempre nel buon giornalismo.

  19. Solidarietà totale al Prof. Gervasoni, una delle poche menti lucide rimaste in questo povero Paese. Non voglio essere ripetitivo in quanto condivido pienamente il post di carlottacharlie. Purtroppo, l’Italia non ha nessuna cultura liberale e i criminali comunisti hanno occupato col vaticano i gangli vitali di questa Nazione ( giustizia, FF.AA., vertici di Polizia e Carabinieri, fasulli pdr, professori, università, scuola, sanità). Non credo che ci siano molte speranze di liberarci da questo giogo.

  20. Orlo, lei è moralmente ed intellettualmente un miserabile.
    Non spreco parole per spiegarle il perché in quanto è anche un imbecille.

  21. Gervasoni, uno dei pochi con lucidità mentale.
    Sentir parlare di vite riguardo gli invasori neri fa capire quanti idioti ci siano nel paese. Mai ho capito cosa frigge in quelle teste malate che vogliono solo neri; mentecatti, ci sono tanti tanti milioni di bianchi che han bisogno d’aiuto e sparsi per il mondo, v’incaponite coi neri forse per un vecchio richiamo del sangue?
    Personalmente gli invasori li fermerei con missili, sono genti che pretendono, pretendono d’entrare in casa mia raccontando fanfaluche, balle per le menti semplici e piuttosto cretine.
    Confindustria e Luiss, te li raccomando tutti e due: deficienti che se la cantano e sa la suonano tra loro, suonati che negli anni hanno dimostrato quali menti raso terra abbiano, senza tralasciare il vizio del taroccamento.
    Guai se daremo facoltà ai farabutti di mettere in atto censure, libertà è anche poter dire a chi ha lo scettro del comando: Sei un farabutto, criminale idiota. Già che combinano danni che toccano ognuno di noi, la nostra vita stessa. Dopo che paghi le tasse devi essere libero di prenderli a legnate, i malfattori.
    Della sinistra si è sempre saputo fosse illiberale e farabutta, i grillazzi son la stessa cosa, spesso hanno agitato lo spauracchio della censura e, quel conticino del menga, oggi ch’è attaccato dal 70% del paese vuol zittire tutti, potranno parlare solo gli zerbini o zerbinotti, i cretini.
    Inutile fare panegirici sulla loro vera indole: sono bestie, solo bestie.

    • le bestie sono ben altra cosa, e non è questione di colore della pelle, ma del rispetto reciproco che questi non hanno e non avranno mai, dove è arrivato il comunismo sulla pelle dei poveri, questi sono aumentati, idem verso l’ gli islamici, che a senso unico vogliono imporre ad altri il loro pensiero.. e la chiamano democrazia

    • Figlio di Alcema e di Zeus nato aTebe intorno al III sec. AC.
      Uno con gli attributi, quelle due cosette di cui sono privi i sottomessi come te e alcuni tuoi compari che commentano in questo blog.

  22. Massima solidarietà a Gervasoni a cui invio una simbolica stretta di mano. Chissà cosa sarebbe successo se le esternazioni del Saviano di turno avessero impedito la sua presenza in un qualunque Talk Show televisivo non Governativo . Da tempo sto imparando che esiste solo un tipo di Democrazia , quella a senso unico in andani ma con lo scappelamento a Sinistra. PS : GERVASONI , continueremo a leggere i suoi pensieri e commenti qui da Porro.

  23. Porro, fossi in lei, approfondirei bene le ragioni vere dell’epurazione. Non vorrei che piuttosto che con la sea watch, c’entrino con la lesa maestà antifascista in assenza ultrasettantennale di fascismo, di sua eminenza il ministro Fakeschini.

  24. Checcacchio c’entra la Confindustria con Sea Watch ? Non sapevo che i negrieri facessero parte di Confindustria.
    Quand’è che se ne vanno AFC con biglietto di sola andata ?

  25. Nn è questione di “epurazione”(peserei le parole prima di sfiatarle fuori dai denti),ma di contratto scaduto e nn rinnovato.
    Avrebbbero voluto levarselo di torno già a luglio,ma sicuramente lo stesso si sarebbe “martirizzato” per la causa( LOL ).
    il famoso tweet del prof. Gervasoni era stato reso in discussione anche su questo blog ai tempi della sua vergatura e si commentava da solo.
    Credo che soltanto dei beceri potrebbero scendere in piazza per difendere un tale approccio alla vita declinato dal Gervasoni.
    E sicuramente ci saranno.
    Magari facendo,nel mentre appoggiano prospettive di affondamento con cannoneggiamento di navi cariche di vite umane,proclami e rosari alle madonne di ogni dove e appello “pro-life” magari scambiati per una nuova dieta?

    • Vite umane che vengono ad invadere? Sfiato delle galere extraeuropee mandati qui per alleggerire le patrie carceri?
      A Mantova dicono: “i tal meti in dal c*ul ma mia in dla’ testa…” A voi pionieri del nuovo umanesimo calza a pennello… Meglio ancora se cattominch*oni. Non capirete mai nulla, nemmeno ciò che è elementare, palese e macroscopico…

    • Sig/a Orlo, in che film ha visto/sentito “prospettive di affondamento con cannoneggiamento di navi cariche di vite umane” e da parte di chi ?
      Sia come sia e per quanto mi concerne, confischerei i natanti utilizzati per favoreggiamento/incoraggiamento all’immigrazione clandestina nonché e soprattutto per incitamento al suicidio di massa.

    • Orlov, il suo post sarebbe anche stato – al limite – accettabile, se non avesse deciso di arricchirlo con una generosa porzione di guano, del tutto inconferente con l’argomento. Ossia, e cito testualmente:
      «Credo che soltanto dei beceri potrebbero scendere in piazza per difendere un tale approccio alla vita declinato dal Gervasoni.
      E sicuramente ci saranno.
      Magari facendo,nel mentre appoggiano prospettive di affondamento con cannoneggiamento di navi cariche di vite umane,proclami e rosari alle madonne di ogni dove e appello “pro-life” magari scambiati per una nuova dieta?»
      Quindi, caro Orlov, mi vedo costretto a considerarla né più né meno alla stregua dei tanti trolloni illetterati e starnazzanti, microdotati di un cervello delle dimensioni di quello di un piccione cagarone.
      Ad maiora, caro Orlov, vedrò di dedicarle qualche scampolo del mio tempo per dimostrare ai commensali della zuppa di Porro tutta la sua (non di Porro) miseria morale e intellettuale.

      • Mi sento onorato dalle tue attenzioni,caro utnapishtin!
        Benché dalle tue esternazioni credo di aver già inquadrato il tuo target intellettivo,fa sempre piacere confrontarsi.
        È la democrazia.
        Però vorrei capire perché il mio ritenere il Gervasoni fuori luogo nn possa essere riconosciuto in quello che,voi estremisti,ritenete un vostro diritto.
        Il “free speech”.
        Se uno entra nel tale loop,poi si potrebbe sentire appioppare l’offesa che lo devasta psicologicamente e ingrassare la lobby degli strizzacervelli.
        Ma mi rendo conto che ciò è un fattore che ti sarebbe potuto sfuggire.
        Se la capisci sei bravo! 😉

        • > Però vorrei capire perché il mio ritenere il Gervasoni fuori luogo nn possa essere riconosciuto in quello che,voi estremisti,ritenete un vostro diritto.

          Libertà di espressione non vuol dire mancanza di libertà di critica. Lei esprime, qualcun altro può criticarlo (anche se a me piacerebbe che si evitassero gli ad hominem e gli uomini di paglia da ambo i lati). Così come chiunque può trovare eccessivo quel che ha scritto Gervasoni.

          Il nocciolo della questione sono le reazioni, che dimostrano semplicemente un approccio al “contenere i danni” e a farsi vedere il più possibile “puliti” (di facciata, naturalmente), spingendo all’autocensura. In più, è un approccio maledettamente di parte: non mi risulta che quando augurarono a Berlusconi la morte, qualcuno venne licenziato (e sarebbe stato stupido in caso contrario).

  26. Sono tutti “libberali”, poi se qualcuno esprime qualche pensiero diverso da quello dominante su temi come l’immigrazione, ecco come scatta subito la censura.

  27. Porro hai profetizzato che Gervasoni sarà epurato anche dal Messaggero ? Credo che l’abbiano già fatto prima della LUISS : è dal 1° luglio che non appare alcun editoriale di Gervasoni !

  28. Che schifo di esempio stanno dando. Dopo certe assegnazioni di Nobel, dopo l’ostracismo a Benedetto XVI e certe prese di posizione opportunista da parte di personaggi pubblici, dubito FORTEMENTE di certe azioni di cosiddetti intellettuali. A maggior ragione in atenei dove si pavoneggiano a detentori del sapere. Oppure se ci sono altre motivazioni, siano ADULTI e lo dichiarino!

  29. Ennesima dimostrazione della commistione di poteri tra confindustria e piddini. I cosiddetti democratici vorrebbero tutti assoggettati al pensiero unico dando del fascista ed epurando chi non la pensa come loro. Aveva ragione Marchionne a sganciarsi da confindustria dichiarandola una associazione inefficace e intrallazzata. Il pensiero unico propagandato da Stalin ed applicato nella “civile” Cina comunista di oggi. La sinistra è pericolosa per i nostri figli perché tende a catechizzarli, non ad educarli, professa il politicamente corretto ma persegue l’intrallazzo, la menzogna tentando di imbonire il “popolo”. In questi giorni l’aumento degli sbarchi dimostra dove ci porta il loro buonismo catto-comunista.

  30. Non sono d’accordo. Il prof in questione usa sui social un linguaggio aggressivo e a volte volgare. Questo mal si concilia col ruolo di docente universitario, anche per l’esempio che si dà ai giovani. La libertà di espressione non significa aprire bocca senza freni inibitori. Soprattutto se si hanno compiti educativi.

  31. E questo caro Porro, dimostra qualora ve ne fosse bisogno, come in Italia ci sia ormai una vera e propria guerra di religione. C’è chi è a favore e chi è contro. La religione è ovviamente quella POLITICAMENTE CORRETTA.

  32. Purtroppo ho constatato di persona che anche molte universitá nel Sud América e in Spagna hanno in maggioranza, professori comunisti che elogiano apertamente assassini come Castro, Chávez e il Che Guevara! É terrorífico! Fanno schifo!

  33. Questa benedetta LUISS piena di arrampicatori sociali spesso non per merito ma solo per soldi investiti e per qualche conoscenza cosa ha mai prodotto (studi particolari in campi scientifici ad esempio) ?
    Sforna una serie di uomini e donne nuovi che sposano semplicemente la tendenza del momento in nome di una convenienza personale ed assolutamente senza un vero principio.
    Quelli che conosco sono assolutamente contro qualsiasi concetto di ecologismo o piuttosto di solidarismo, tanto meno verso gli immigrati (se non quelli che a casa fanno le faccende) ma visto che ancora (vediamo fino a quando ) è cool mantengono quella forma di ipocrisia.
    E quindi frequentarla serve solo a darsi una etichetta posticcia di competenza basata spesso e solo sull’antica forma di furbizia vestita di panni nuovi e con un po di investimento che differenzia solo a livello formale da altre Università ben più serie e produttive nei fatti (insieme purtroppo ad Università che sono degli scandali nazionali ) .

  34. A cosa aspettano gli imprenditori a seguire l’ esempio e l’insegnamento del grande Sergio Marchionne relativamente alla allegra Confederazione del nulla ???!!!!

4 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

  3. Pingback:

  4. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.