in

Governo, tira brutta aria

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 15 maggio 2019.

00:00 Venti di crisi. Giorgetti, il braccio destro di Salvini, vorrebbe chiudere l’esperienza governativa.

02:00 Repubblica attacca Salvini perché poco presente al ministero, mentre Il Fatto se la prende con Pomicino perché “si candida” come eminenza grigia del Pd di Zingaretti.

03:52 Sempre Repubblica, che si inventa il fascismo 2.0.

05:00 Il cardinale elemosiniere, (quasi) tutti a esaltarlo, ma il suo gesto è grave. La Chiesa faccia pure solidarietà. Ma con i suoi beni.

08:00 Sale lo spread.

08:15 Il buco degli statali secondo Il Messaggero.

09:35 Le falle di WhatsApp.

Condividi questo articolo

7 Commenti

Scrivi un commento
  1. due considerazioni:
    1) l’assurda corsa al 2.0 è come dire: giochi non innocenti per adulti deficienti.
    l’unica maniera per difendersi dai gangster digitali è disconnettersi:
    non bastavano i bulli veri, ci siamo inventati anche i cyberbulli;
    non bastavano i ladri veri, ci sono anche gli hacker;
    non bastavano i soldi veri, ci siamo inventati anche i bitcoin;
    non bastava la Stasi ed ilKGB veri, ci siamo inventati alexa e siri.
    In più dobbiamo ricordarci 1000 password a memoria, stare attenti a che non ci rubino la protesi digitale e stiamo allevando una generazione di psicopatici digitali. Si, perchè molti studi di psicologi evidenziano l’aumento di disagi mentali sopratutto negli adolescenti.
    Dice bene Franz, l’informatica ha un suo scopo se semplifica, non se complica; l’uso social dell’informatica ha complicato e complessato l’esistenza delle persone; ha compromesso le relazioni sociali umane.
    2) questo governo è figlio della società digitale: il grillismo un inquietante movimento algoritmo costruito ad uso e consumo del payclick, in cui vige la democrazia diretta (voce del verbo dirigere);
    il salvinismo, figlio del presenzialismo sui social tra selfie e stimolazione di istinti repressi.
    Difatti, in questo esecutivo è riunito attraverso un contratto capestro, tutto il peggio del mondo web: dall’ambientalismo catastrofista dell’uso del litio (come cura della sindrome bipolare di chi prima voleva l’uscita dall’euro, poi no, pioi si….), agli inni autarchici.
    Purtroppo, oggi sia l’informazione che la politica è veicolata dai post virali e dalla censura algoritmica; la democrazia è finita!!!
    L’unica via è la disconnessione dai social, o la messa al bando, o il pagamento di salatissime tasse a questi giganti della manipolazione mentale.

  2. IO al contrario e’ da molto che ne sono convinto.molto meglio una gamba di Berlusconi che questi due ciarlatani.bugiardi e falsi stupidi e presuntuosi nonche’vagabondi e attaccati sopratutto alla poltrona.italiani ma come vi siete ridotti ?continuate a votare il peggio.

  3. Dott. Porro, le preciso che la crittografia di Watsapp non era granché e non certo per la tipologia…
    Qualsiasi programma (sicuro o meno, peraltro sicuri al 100% non esistono) che utilizzi come identificativo il numero di telefono deve essere visto con qualche dubbio. Quando poi il proprietario e’ Facebook…

    Resta il fatto invece che cambiare la password ogni mese (come lei giustamente si lamenta) non serve assolutamente a niente, non migliora la sicurezza, anzi la peggiora. E’ una pratica abbastanza sciocca, anche se finalmente qualcuno se ne sta accorgendo (non in Italia)…

  4. Sono informatico e sono al 100% d’accordo con te.
    Ci ostiniamo a usare l’informatica anche nei casi in cui ci complica la vita. Invece l’unica sua ragione di esistere è quella di semplificarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.