in

I giornaloni scaricano il loro Re Arcuri

Rassegna stampa del 2 marzo 2021

Dimensioni testo

00:00 Cacciato Arcuri. Magnaschi osserva, giustamente che la colpa è di chi ce l’ha messo e gli ha dato incarichi tipo dea Kali. Intanto i giornali che fino a ieri lo chiamavano re, già cambiano idea e si convertono al Generale. Bei, su Repubblica, ci spiega tutto contento che si tratta del modello americano. Di Biden, però (!). Sallusti gongola, il modello Conte è saltato. Travaglio, invece, piagnucola per la perdita del suo beniamino n. 2.
04:40 Fatto gode per sondaggi favorevoli a Conte e sfavorevoli al Pd.
05:15 Pandemia, da leggere Siti sulla tregua armata con natura e Nicoletti sui disabili.
06:15 Condannato Sarkò, quello che irrideva l’Italia e Berlusconi. Un ottimo Ferrara osserva che la giustizia ha una pericolosa tendenza a confondersi con la causa dei vincitori.
08:30 Stasera inizia Sanremo, ma nessuno se ne è accorto. Un po’ come le interviste della Carfagna a giornali unificati: solite banalità. A Carfà, ma una volta ‘na cosa di destra la riesci a dire? Peggio della Carfagna ci sono le dichiarazioni di Giovannini su green minchiate. Meglio se facessero come Draghi e non parlassero.
09:50 Vaccini, la grottesca intervista sul Foglio del vicepresidente della commissione europea grottesca.
11:07 Nordio spiega perché è favorevole al passaporto vaccinale
11:30 Casarini faceva soldi con l’immigrazione clandestina? L’accusa della Procura di Ragusa