Zuppa di Porro: rassegna stampa del 10 febbraio 2020

Il giorno del (non) Ricordo

00:00 Oggi è la giornata del ricordo sul crimine delle Foibe. Ma siccome è il ricordo dei crimini comunisti contro gli italiani, i giornali che gridano ad ogni pié sospinto sul ritorno del fascismo e sull’odio non dedicano praticamente neanche una riga in prima pagina a questo ricordo.

03:34 Coronavirus, i titoli allarmistici dei giornali. E Repubblica ci dice che la Cina è arrabbiata con noi.

06:10 Il Wall Street Journal invece sceglie di raccontare la storia del guarito.

07:05 Sulla prescrizione Sallusti svela il solito bluff di Renzi che è un professionista dei penultimatum.

10:15 Il flop del reddito di cittadinanza.

10:55 Il bonus del governo sulle facciate delle case…

11:45 Nuovo accordo con la Libia e la Bongiorno fa la maestrina spiegando perché Salvini non si deve far processare.

13:10 La sondaggista Ghisleri ci spiega perché la Lega vola.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

6 Commenti

Scrivi un commento
  1. Dal 2004 in poi sono andato varie volte in Slovenia e Croazia. Più volte ho assistito a Trieste e Gorizia a manifestazioni di Rifondazione comunista e di altri gruppi di sinistra che inneggiavano alla “pacificazione” nei confronti dei Paesi nati dalla caduta della Jugoslavia. Dall’altra parte del confine solo indifferenza e, talvolta, ostilità “ufficiale” per qualsiasi titolo o notizia relativa alle foibe o alle atrocità del periodo intorno al 1945. Inevitabilmente il tempo è galantuomo.

  2. Foibe e conoscenza della storia.La parte pubblica,governi e quasi tutta la stampa ossequiosa dei governanti,ha sempre nascosto parte della verita’per servilismo elettoralistico.Si era addirittura tolta la festa nazionale del 2 Giugno,mantenendo il 25 Aprile.Ci e’voluto il presidente Ciampi,con tutti i suoi difetti,a ripristinare la festa nazionale del 2 Giugno e fare esporre la bandiera sugli edifici pubblici.

    Pero’ bastava leggere un po’ di piu’,anche la stampa degli esponenti dei partiti al di fuori dell’arco cosituzionale.Pisano’e Guareschi (non fascista)desrivevano documentando,oltre tante altre cose,quello che Pansa ha poi riportato nei suoi libri.

    Quindi i nostri governanti,settari,non veri democratici ,hanno avuto buon gioco con un elettorato diciamo disinformato.E’ la realta’.

  3. Figlia di esule da Zara La ringrazio sentitamente. Per fortuna ci sono giornalisti come lei che riscattano la pena, il dolore, la sofferenza, la perdita, che gli esuli, veri patrioti, hanno subito nell’assordante silenzio di tutti questi anni. Mara Zanella

  4. Porro per favore non invitare più la Costamagna a quarta Repubblica, è una persona sgradevole presuntuosa e arrogante ma soprattutto maleducata che come tutti i sinistrati non consente agli altri di esporre le proprie idee parlandoci sempre sopra. Ognuno può averle sue idee ma l’educazione ci vuole sempre.

    • Anche perché ha mentito spudoratamente e reiteratamente circa le parole della Meloni con riferimento all’affondamento della Sea Watch.

      E nessuno lì presente -nemmeno Porro- ha “osato” darle della “bugiarda”. È un’intoccabile? Può, costei, mentire calunniando, infamando, ingiuriando una Rappresentante della Nazione Italiana, senza che nessuno la zittisca?

      • no, be’ Porro è intervenuto e ha detto che “non ha dubbi che la Meloni non volesse affondare anche le persone” è un’evidente presa di posizione che dice, indirettamente, alla Costamagna che sta mentendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *