Commenti all'articolo Il ministro rosso che tifa deficit verde (e stoppa la flat tax)

Torna all'articolo
Avatar
guest
15 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
marcor
marcor
15 Settembre 2019 1:25

Un professore di storia ministro dell’economia; alla faccia della competenza!

honhil
honhil
14 Settembre 2019 11:43

“Così hanno normalizzato l’Italia”. E la chiamano democrazia. Stampano, o cercano di stampare, un’Europa a loro immagine e somiglianza e dal Quirinale in giù ad applaudire. Su questa Via Lattea del peggio le due figure che primeggiano sono, partendo dal basso nel senso gerarchico del termine dato che sul piano individuale non è facile capire tra i due chi è il peggio, il re del vaffa e l’unico monarca assoluto rimasto al mondo. Il primo che doveva aprire il Parlamento come una lattina di sardine ed invece l’unica cosa che ha fatto è l’inciucio con Renzi mandando a ********** l’Italia e i suoi elettori. Mentre il secondo è il primo sponsor di questa operazione e di un’invasione senza se e senza ma, in nome del comunismo. Da ciò una riflessione: Papa Voitila, il 264º papa della Chiesa cattolica, è stato fatto santo per i tantissimi meriti acquisiti di cui, ad ogni modo, il principale è la sconfitta del comunismo. Ma allora, se ciò è vero, il suo contrario argentino cos’è?

Albert Nextein
Albert Nextein
14 Settembre 2019 10:36

In italia il politico liberale è sparito.
Ci sono solo statalisti.
Ecco perchè l’italia è irriformabile.
Inoltre , tutta la stampa è schierata per lo statalismo.
L’unica possibilità di salvezza e ricupero sta nella semplice equazione : Meno stato, meno tasse, meno burocrazia, meno spesa pubblica.

carlottacharlie
carlottacharlie
13 Settembre 2019 19:39

@sal……..Pensa te, un asino che da’ dell’incompetente.
Se a te vanno bene i neri è affar tuo, ma non tollero che le mie alte tasse siano spese per neri marroni beige e muslim, fin quando servono per il paese tutto mi va bene.
Se poi tu sei uno rosso, di subcultura rossa, il problema mentale è tuo, risolvitelo già che a me non importa degli stolti che dimostrano d’esserli già da come scrivono.