Zuppa di Porro: rassegna stampa del 31 dicembre 2019

Il peggio del 2019? Il reddito di cittadinanza

Condividi questo articolo


00:00  I veri numeri sul flop del reddito di cittadinanza e Renzi che lo vuole fare fuori. Travaglio invece dice che è una bellissima norma.

04:55 Conte fa il politico il Movimento Cinque Stelle si arrabbia.

05:30 Finisce in carcere la paladina no Tav e Il Fatto Quotidiano piagnucola e non si ricorda che proprio lei ha voluto il carcere.

07:40 Sharon Stone bloccata dall’applicazione per incontri.

08:35 Crolla il ponte Morandi e vogliono togliere le concessioni ma dopo 16 mesi arrivano i calcinacci sulla A26 a Genova.

10:15 Il tribunale prende ancora tempo sull’Ilva. Ma la politica dov’è?

11:40 Luxottica fregata in Thailandia per 190 milioni di dollari.

12:22 Borsa 2019 è stato un boom anche per l’Italia.

13:01 Gli immancabili sondaggioni di Corriere e Repubblica e auguri a tutti. Ps: e comprate Le tasse invisibili!

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


10 Commenti

Scrivi un commento
  1. Buon giorno Sal, è un piacere ritrovarti.

    Probabilmente parli delle false richieste di risarcimento danni del terremoto del 2012 e delle non risposte ai cittadini.

    Brutta roba che non fa onore ai romagnoli nelle false richieste, ma certamente ad oggi ancora il governo gira attorno a questo grande problema irrisolto. Brutte cose che dobbiamo ricordare mentre chi dovrebbe le passa nel dimenticatoio.

    Nel terremoto del 2009, all’Aquila, governo (Berlusconi) abbiamo avuto una risposta sicuramente più veloce e positiva.

    Prima di tutto si doveva risolvere i danni del terremoto per far ripartire l’economia locale, poi elargire fondi su altre direttive.

    Penso che su questo abbiamo un’ampia condivisione. ^_^

  2. L’errore di molti è quello di entrare come protagonista in una applicazione molto più vasta.

    Qui si parla del fatto ingiusto del come e a chi va distribuito il reddito di cittadinanza quando non lo merita. Rom, Sinti, banditi, terroristi ecc. e anche del fatto che è fallito lo scopo del reddito di cittadinanza. Chi lo merita veramente, viene defraudato dai soliti furbetti.

    • Onestà caro mio, onestà! Ma noi la chiediamo soltanto a chi ci governa e li accusiamo di tutto salvo commettere le peggiori nefandezze. Visto quello che è successo sul risarcimento danni in Emilia dopo il terremoto?

  3. Invece tu Porro sei il peggio di sempre. Voi che lo criticate dall’alto dei vostri stipendi, non avete mai passato un giorno da schiavi, fatevelo dire da chi da schiavo ci ha passato 6 anni. 6 anni di lavoro gratis o quasi, in cui anche se over30 si è costretti a elemosinare soldi dai genitori perché non si hanno mezzi. Io sono anche fortunata, i miei coi LORO risparmi mi ristrutturarono un monolocale anni fa, in cui vivo e risiedo, e dove ho speso tutti i miei risparmi pagando le bollette e facendo un minimo di spesa, a cui hanno sempre contribuito anche i miei. Adesso col RdC non devo più fare elemosina, e se qualcuno mi ripropone di lavorare per 300€ al mese per 30 ore settimanali quindi 120 mensili – cosa che in passato ho dovuto accettare – lo mando a fare in ****, e ci mando anche voi, opinionisti di sto *****.

  4. Quota 100 fonda su basi razionali, ed i beneficiari hanno prodotto reddito da lavoro, si vedono riconosciuto un diritto sacrosanto. Il reddito di cittadinanza è invece un aborto mentale da brividi, che per certi versi dovrebbe comportare risvolti penali per chi lo ha concepito ed attuato ad ogni costo. Con un “ad ogni costo” posto sulla comunità, che assume risonanze apocalittiche, per le perdite economiche e per la distorsione mentale e concettuale che introduce. La cosa che più fa imbestialire: ERA TUTTO PREVEDIBILE! ERA STATO PREVISTO ESATTAMENTE COME E’ ACCADUTO! Era proprio indispensabile per l’Italia darsi una piaga biblica come quella del Movimento 5 Stelle? Fino a quando dovremo sopportare le devianze di questa cricca portatrice di sventure incalcolabili? La Trenta concepiva l’apparato militare italiano come una colossale macchina del soccorso e della beneficenza. Bene. La guerra in Libia è alle porte. Quando ci arriverà addosso, vedremo se saranno sufficienti i mazzi di fiori della Trenta o varrà invece la poderosa forza di dissuasione e di deterrenza che io spero l’Italia ancora possegga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *