Zuppa di Porro: rassegna stampa del 23 giugno 2020

Il taglio dell’Iva? Hanno scherzato

Condividi questo articolo


00:00 Fantastico Conte frena sull’Iva, prima la fa annusare e poi la toglie…

01:50 L’ipotesi assurda di tagliare le tasse sul lavoro e aumentare quelle sulla prima casa.

03:40 Ponte Morandi, il sindaco non può concludere l’opera perché non sa chi potrà collaudarlo…solita burocrazia.

4:30 Sallusti sul Giornale Alitalia isola Milano… siamo un Paese bloccato

05:10 Salvini cede agli alleati, anche se uno sforzetto in più per cercare un candidato più figo potevano farlo…

06:50 Questione Palamara, intervista a Ferri il compagno di merende che racconta che “Palamara potrebbe dire ancora tante cose…”

08:50 Contagi, il Corriere della Sera parla di fase acuta Covid che sembrerebbe alle spalle tranne in Lombardia e Grisanti ci dice che l’incubo tornerà a ottobre…mah!

10:20 Enria parla e dice cose che non gli competono sul Sole 24 Ore e sulle banche.

11:45 Capezzone e la follia del voucher per le donne manager…

13:13 Aldo Nove su Avvenire ci spiega che la finanza è la religione dell’Anticristo

14:30 Grillo vuole nazionalizzare la Tim ma Cingolani se lo cucina per benino…

15:15 Due notizie sull’America, da una parte Gaggi sulla prima pagina del Corriere della Sera che parla di vittoria a valanga di Biden e dice che Trump potrebbe far saltare le elezioni dando sfogo ai suoi istinti autoritari, dall’altra Sarcina sempre sul Corriere dice che toglieranno la statua del presidente Roosevelt.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


16 Commenti

Scrivi un commento
  1. Porro, oggi è una rassegna notevole, continui su questo sistema nella speranza di far rinsavire i cerebro lesi sinistrorsi

  2. Anche oggi bar e ristoranti anche con tavolini all’aperto pieni, spiagge piene di gente con regolare distanza anche se non troppo, lunghe file in autostrada, mercati rionali pieni, negozi con lunghe file, parrucchieri pieni, aerei e treni pieni anche se solo Sallusti non trova posto, nel senso che non vuole venire a Roma (toc toc Porro) . Ci aveva provato il 28 maggio a L’aria che tira dicendo non so se riesco a venire da Milano a Roma, poi sempre alla stessa trasmissione il 31 maggio dicendo che ci sono solo 3 aerei non riesco a venire a Roma, poi ieri sera 23 giugno dicendo a Porro (alla presenza del vice ministro così la colpa è di Conte) )grazie dell’invito ma non sono riuscito a venire a Roma perchè da Milano ci sono solo 3 aerei e 4 treni. Domani chissà dove lo dirà. Toc toc Porro il tuo capo non vuole venire a Roma….E’ possibile che solo lui in un mese non trova un posto su un aereo o trno per venire da Milano a Roma. Anche in questo caso la colpa è del governo…. Se invece glielo chiedesse Berlusconi verrebbe anche a piedi…..

    • Sono contenta che almeno nella sua città la vita abbia ritrovato la sua normalità.
      Oggi ho visto un servizio su Venezia e sembrava spettrale.
      Vivo in una provincia sul lago Maggiore piena di strutture alberghiere ristoranti e bar e le posso assicurare che di turisti nemmenol’ombra.
      Un grande albergo di fama internazionale ha esposto un tricolore che copre mezza facciata con su scritto:
      Apertura Marzo 2021.
      I treni per i pendolari viaggiano a ranghi ridotti.
      Il mercato del sabato che si riempiva di svizzeri era assolutamente vivibile.
      E molti piccoli negozi ha esposto il cartello “cedasi attività”.
      Qui non è ripartito niente.

  3. E il.professor Grisanti vaticina ritorno covid a Ottobre,magari si puo interpellare se nello stesso mese comprando un gratta e vinci facciamo gekpot

  4. Quando si parla di tagli alle imposte, Iva, Irpef o altro che sia, ci si rende conto di quanti soldi spendano e buttino nel cesso.
    Diminuzioni delle aliquote di un paio di punti, che di certo non ti fanno sentire in un paradiso fiscale, costano decine di miliardi.
    Rendiamoci conto di quale mostruosa quantità di ricchezza sia assorbita dallo stato, e per farci cosa.

    La tassazione della prima casa, degli immobili, dei risparmi, è scandalosa e dimostra quanto dannoso sia lo stato.
    Una famiglia che, *risparmiando*, dopo essere stata tosata dalle imposte su redditi e consumi, riesce a costruirsi un minimo di tranquillità proprio per affrontare tempi difficili senza l’acqua alla gola, viene *rovinata* da queste bande di criminali che scaricano sulla formica i danni fatti dalle cicale.
    Persone lungimiranti e sagge governate e vittime di incapaci, imprevidenti. Ladri, per essere sintetici.

    Usa: Trump non è affatto un problema per le elezioni. Lo sono i democratici che vogliono votare per posta, dando libertà di brogli di ogni tipo.
    Molto meglio il sistema obsoleto italiano: scheda, matita e quant’altro: così fare truffe in modo sistematico è realmente difficile. Un po’ lento ed antico? Pazienza.
    Col voto elettronico, e peggio ancora con quello per posta, è invece facile.
    Dato che sappiamo come siano *pronti a tutto* per ottenere il potere, bisogna stare molto attenti.

    Su statue e distruzione dell’occidente, l’unica cosa da dire è che gli occidentali si devono svegliare.
    Il loro mondo non è nè ovvio nè scontato: se non ne difenderanno le fondamenta culturali, diventerà come gran parte del resto del mondo, cioè posti poveri, ma soprattutto ingiusti, violenti, autoritari.
    NB: negli Usa un sacco di gente sta scappando dalle città, perchè questo schifo piace solo ai barbari ed agli ipocriti che vi si tengono ben lontani.

    • L’Iva va abolita, come ogni tassa sui consumi, regressiva, doppia perché spendo il mio reddito già tassato, e poi ritassato due volte
      L’IRPEF va aumentato verso le aliquote più alte fino ad un massimo del 95% per redditi oltre un milione di euro, come va inserita una patrimoniale con aliquote basse su patrimoni oltre il milione di euro
      Va cancellata poi Irap, Ires, e tutte le altre tasse ed imposte.
      Solo Irpef molto progressiva fino al 95% di aliquota, patrimoniale oltre un milione di euro con percentuali basse intorno al 6 – 7%.
      Ogni altro balzello è assurdo illegale illegittimo ridicolo, lo stato non deve chiedere altro

  5. La riunione di Trump con i suoi votanti a Tulsa e’ stata la piu’ vista NELLA STORIA DELLA TELEVISIONE AMERICANA CON UNA MEDIA DI 7.7 MILIONI DI SPETTATORI E UN MASSIMO DI 8.4 MILIONI.
    Nelle elzioni del 2016 Hillary Clinton era data al 95% dei voti FINO ALLE 21.00 ORE DELLA SERA DEI RISULTATI.
    CNN HA RAGGIUNTO IL LIMITE PIU’ BASSO DEGLI ASCOLTI CON 300.000 UTENTI. LA BBC NON NE AZZECCA UNA DA ANNI. LA GENTE NORMALE HA LA SAGGEZZA DEL POPOLO.

      • Lo vota, o perlomeno lo ha votato. La sua domanda è una delle ragioni per cui i Democratici hanno fallito l’ultima volta.

        Identica cosa con la Brexit, per fare un parallelo.

        • In realtà volevo solo fare una battuta (magari poco efficace). Ci prendiamo talmente sul serio. Però la Sua riflessione merita un approfondimento. La ringrazio

      • Esatto, la gente normale vota Trump.
        Trump che twitta cose del genere:
        “There will never be an “Autonomous Zone” in Washington, D.C., as long as I’m your President. If they try they will be met with serious force!”

        I democratici antirazzisti, invece, dicono che:
        “Questo Tweet ha violato le Regole di Twitter sui comportamenti offensivi.”

        Si rende conto, caro Branzanti, di quanto sia normale voler evitare enclave castriste nelle città Usa da parte dello stato Usa, ed anormale trovarlo “offensivo” e “contro le regole”?
        Ho idea di no, purtroppo.

        • Trovo molto normale che, vista la crudele gestione dell’epidemia portata avanti ancora dall’arancione, l’Unione Europea, dal 1 luglio, chiuda le proprie frontiere a los gringos. Quello mi sembrerebbe molto normale.

    • Mi verrebbe da dire che chi lo ha boicottato ha raggiunto l’effetto contrario.
      Pochi dal vivo ma pienone in tv, magari x vedere lo sfregio però… bene o male purché se ne parli?

  6. Ieri sera ho seguito la sua trasmissione dove il vice ministro dell’economia affermava che ricevere i 25.000€ dalla banca ( per le piccole imprese) era una cosa facilissima avendo introdotto l’autocertificazione che sollevava automaticamente la banca dalle eventuali responsabilità di fallimento dell’impresa. Questa mattina per verifica sono andato in banca a richiedere il finanziamento e la risposta è stata; la banca deve fare la valutazione del rischio in quanto non c’è nessuna direttiva del governo che attualmente uno scudo di protezione. Mi sono chiesto se il vice ministro c’è o ci fa ?. Ci stanno letteralmente prendendo in giro.

    • Ha ragione il ministro, in Italia si scrivono leggi che vengono puntualmente disattese perché ognuno le interpreta come gli pare, burocrazia, magistratura, ecc
      Ingovernabile l’Italia, purtroppo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *