Commenti all'articolo La Prestigiacomo sale sulla SeaWatch. E poi si stupiscono se perdono voti…

Torna all'articolo
Avatar
guest
25 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Alessandro
Alessandro
29 Gennaio 2019 20:25

Ciao Nicola sono un liberale come te, credo che oramai forza Italia non ha alcuna possibilità di recuperare voti, il personaggio Salvini ha preso in mano le redini del gioco.. Forse e’ meglio così?.. Speriamo

Maurizio
Maurizio
29 Gennaio 2019 17:58

Carissimo e prezioso Nicola, seguo con apprensione tutte le vicende legate al fenomeno dell’immigrazione, non un inevitabile sciagura atmosferica ma una vera e propria invasione. Chi conosce la storia sa come va a finire se gli indigeni non si oppongono. E’ già successo coi nostri antenati Romani: poche migliaia di barbari rovesciarono un impero ricchissimo ma imbelle. Ci vollero poi mille anni per riprendere il percorso evolutivo.
La nostra identità è in grave pericolo, sul piano soggettivo (teoria gender) e su quello socio politico di una globalizzazione che vorrebbe abbattere i tutti i confini. Ma la forza di ogni essere vivente sta nella capacità di costruire e difendere i propri confini: la vita non avrebbe avuto inizio se una sottile ma resistente membrana cellulare non avesse ab initio difeso il proprio contenuto genetico e generativo.
Salvini, non barbaro ma nobile difensore della tradizione civile.

Alessandro
Alessandro
29 Gennaio 2019 14:02

Devono essere avviate delle verifiche sulle imbarcazioni delle ong, perchè se è vero che a bordo della Sea Watch c’è una sola toilette e mal funzionante, come può essere idonea ad adempiere allo scopo per cui viene utilizzata, anche considerando che non sempre il trasbordo su altre unità può essere eseguito in tempi ristretti? Se il Paese Bandiera non verifica le idoneità specifiche e omologa l’imbarcazione sui propri registri, omette ad uno dei suoi obblighi principali. Questi natanti sono di salvataggio per modo di dire, anzi sono spesso più causa di ulteriori pericoli a cui espongono gli esseri umani recuperati in mare. E’ ora di definire delle normative di dotazione tecniche e umane a cui queste unità devono adempiere, tra cui anche del personale qualificato in grado di comunicare nelle lingue dei Paesi che si affacciano sul bacino di mare oggetto delle operazioni. Dobbiamo smetterla di sentire dire che non hanno potuto comunicare perchè nelle capitanerie di porto nessuno parlava inglese!

Gabriella
Gabriella
28 Gennaio 2019 23:41

Caro Porro, mi meraviglio della sua disinformazione; la Prestigiacomo si è presa l’iniziativa senza consultarsi con i vertici di Forza Italia ed evidentemente, senza rendersi conto del danno che avrebbe potuto fare al partito. É stata anche volutamente maleinterpretata la frase di Berlusconi che diceva che di fronte ai gravi attuali problemi italiani, 47 migranti erano niente. Non riesco a capire come possa ancora esistere e persistere questo odio per Berlusconi…