in

Maltempo, abusivismo e burocrazia hanno fatto oltre 30 morti

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 5 novembre 2018.

00:00 Maltempo Italia: 32 morti in una settimana (37 nell’ultimo mese). Per alcuni è colpa dei condoni, ma quella casa sul fiume non era condonata.

08:00 Il problema dell’Italia? Eliminare la prescrizione (!). Sentite la logica di Marco Travaglio: giusto indagare Matteo Salvini e poi archiviarlo, altrimenti come si sarebbe potuto capire che non aveva commesso un reato? Manco Robespierre.

11:58. Giuliano Ferrara rivole i tecnici. Non lo capisco (in tutti i sensi)…

12:45 4 novembre, Alessandro Gnocchi scrive sul sentimento di vergogna che proviamo e sulla storia del nonno.

  • 180
    Shares

16 Commenti

Scrivi un commento
  1. Oltre alla casa abusiva MAI abbattuta, anche a me ha destato la medesima reazione, la notizia, ultima, da Lei raccontata, mi ha molto colpito: la Vittoria mai festeggiata. È mai possibile che una nazione non festeggi una vittoria, ma festeggi una sconfitta (quella della seconda guerra Mondiale)? Non riesco a capacitarmene. In effetti, io ho 73 anni, ricordo quando i miei zii mi raccontavano del 24 Maggio, dell’attraversamento del Piave, dell’amor di Patria. Avevo solo sei anni, ma poi tutto, col crescere andò nel “dimenticatoio” Ora con i giornali, pochi, che ne riparlano, Lei Porro, che ricorda i fatti, mi piacerebbe capire perché abbiamo rinnegato o dimenticato quei fatti. Una volta essere Italiani era motivo di orgoglio, oggi non più. Non dimentichiamoci anche che negli anni Settanta cantare l’Inno di Mameli (posso dire che è una brutta marchetta con testi orrendi?) era considerato fascista. Forse molti se lo dimenticano ed oggi tutti a cantarlo, ma per i rossi era da fascisti.
    La ringrazio per lo spazio e da quando l’ho “scoperta” non la lascio più.
    P.S. se capita ci racconti bene dei fatti di quella festa dimenticata. Grazie

  2. Oscar Roncaglia
    lun 5 nov, 17:47 (23 ore fa)
    a webmaster

    Sulla sanatoria edilizia a Ischia montano le polemiche fra i 5 Stelle ed i partiti contrapposti all’attuale Governo.
    Tutti, TV e Stampa, danno indicazioni non sempre corrette sulla vicenda.
    Mi permetto di ricordare che il 1° condono edilizio (legge 47/85) fu firmato dal 1° ministro Craxi, dal Ministro dei LL.PP. Nicolazzi, dal Guardasigilli Martinazzoli e con la promulgazione del Presidente della Repubblica Pertini.
    Sia la suddetta Legge che quella di Berlusconi (legge n. 326 del 24/11/2003) disponevano all’art. 38, che le domande di sanatoria: ” . . . .decorso il termine perentorio di ventiquattro mesi” dalla presentazione della domanda quest’ultima si ritiene accolta ove l’interessato provveda al pagamento di tutte le somme dovute ed alla presentazione all’U.T.E. della documentazione necessaria all’accatastamento. Dopo 36 mesi si prescrive l’eventuale diritto al conguaglio (per lo Stato) o il rimborso spettante.”
    Entrambe le leggi prevedevano (art. 33 legge 47/85), come non suscettibili di sanatoria gli immobili e aree soggetti a vincoli. Ad es.: edifici storici, vincoli artistici, architettonici, paesaggistici idrogeologici, sismici, coste marine-lacuali e pluviali).
    Da quanto sopra evidenziato si può affermare che i cittadini di Ischia, il cui abuso non fosse interessato ai vincoli succitati, possono richiedere al Sindaco del Comune (come atto dovuto) il rilascio della Concessione in Sanatoria, solo con la produzione del collaudo ove le opere fossero in cemento armato. A mio parere, sulla scorta di quanto sopra esplicitato, il condono su Ischia può benissimo essere espulso dal decreto su Genova.
    Saluti, oscar roncaglia.

  3. Ferrara e’ un fascista, ma non centra niente con il presunto fascismo che viene visto avanzare ovunque dalla stampa e dagli intellettuali di sinistra. I fascisti, quelli veri, sono coloro che vogliono sostituire il processo democratico con uno alternativo non democratico, in passato la scusa era il comunismo, ma anche allora piu’ che il comunismo ad essere rimpiazzata era la democrazia, oggi, come allora, in nome di una presunta grave minaccia, c’e’ chi si appella, chi spera, chi addirittura invoca il golpe ai danni della democrazia. Questi sono i fascisti, vedo comportamenti fascisti operati dalle istituzioni europee, vedo dichiarazioni fasciste da parte di eurocrati tanto quanto politici, intellettuali, giornalisti ed esperti vari, nostrani e non. Non mi sembra che siano i cosi’ detto populisti quelli che attaccano quotidianamente i processi democratici, che cercano di eluderli o che addirittura sono dichiaratamente contrari alla loro esistenza. Sotto questo profilo temo che sia vero, e’ pieno di fascisti in giro, manca solo l’ufficialita’ delle loro intenzioni, eliminare la democrazia e poi avremo davvero visto tutto da parte loro. Concludo con una citazione “La democrazia e’ la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle altre forme che si sono sperimentate finora”. C’e’ chi non lo ritiene corretto, certo, i fascisti, che siano neri, rossi o di qualunque altro color si voglia

  4. Un problema é il Sud , e parlo da nato in Sicilia da famiglia paterna radicata nell’isola. Quando una societá non funziona la causa si trova nella mancanza di un ceto medio o di un ceto medio incivile. Questo é il caso della Sicilia e di tutto il Sud e viene da lontano, secondo lo storico Aboulafia da ppiu di mille anni di storia. Il caso odierno del caporalato per sfruttare negri e immigranti a favore di privati onesti cittadinii non é differene dall’uso dei bambini nelle miniere di zolfo in Sicilia come denunciato da Franchetti e Sidney Sonnino nel 1875, ma non neanche differente dell’abuso dei contadini da parte della borghesia locale a Eboli mel 1935 come descritto nel famoso libro di Carlo Levi. Il Sud é una causa persa, divora denaro e promuove il disprezzo delle leggi. Cosa fare? Molto semplice. darsi conto che il Sud non é e non sará mai una risorsa mentre tenga la fortuna di ricevere aiuti da un governo centrale, che gli si dia una completa utonomia fiscale e che se la vedano loro a campare unicamente delloro lavoro.
    Mio padre pure era del 1899 e fece la grande guerra, ma non la menzionó mai anzi emigró in disgisto del fascismo e dell’antifascismo, ed il fascismo e il caos che ne seguí dette ragione a Giolitti che nelle sue memorie scrive che l’Italia non era matura per una guerra visto che non aveva potuto vincere in Libia.Peró io e mia moglie sappiamo di essere orgogliosi di quello che di italiano c’é in noi e che non l’inno nazionale ma é il Coro dei Lombardi che ci fa emozione.

  5. Tempo fa ho lavorato in Australia, a Sydney per la precisione. La mia Banca internazionale compro’ una casa per i dirigenti e la ristritturo’. Dopo pochi giorni la chiusura dei lavori venne l’ispezione del Comune di Sydney e constato’ che il tetto era stato elevato di venti centimetri piu’ dell’autorizzazione concessa per tutta la ristrutturazione. La compagnia di costruzione e relativo architetto tagliarono i supporti del tetto, con un elicottero agganciarono il tetto e lo sollevarono depositandolo sulla spiaggia. Si ridussero i supporti al livello consentito e si rimise il tetto al suo posto.
    L’Australia e’ anche il paese che mette i clandestini che cercano di entrare nel paese in un’isola e li spedisce a casa loro quando lo chiedono essi stessi, essendo stanchi di restare in una isola senza alcuna speranza di entrare nel Paese. L’immigrazione clandestina cominciata qualche tempo fa e’ praticamente finita.
    E’ abbastanza semplice mettere le cose in ordine sotto tutti i punti di vista. Basta copiare le azioni che fanno funzionar bene le cose ed hanno successo..

  6. Le argomentazioni della tua buonissima zuppa come sempre lucidissime,mi mettono di buon umore. Viva la zuppa e a domani sera

  7. Dopo malattia e morte nulla peggio Burocrazia…vero schifoso mollusco cancerogeno che no può essere cancellato se no stroncandolo…e pure manteniamo e nutriamo noi…dei cretini.
    https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  8. Al sud devono finalmente comprendere che fanno anche loro parte dell’Italia, non solo quando c’è da prendere i soldi, ma soprattutto quando bisogna rispettare le regole. La coesione sociale c’è quando ognuno cede un po’ per il bene della comunità. Dunque niente costruzioni abusive, niente subaffitti di case abusive e soprattutto l’Enel, acqua e servizi come mai hanno fatto gli allacciamenti???Ci vuole piu’ disciplina, invece di lamentarsi sempre che sono poveri e trascurati! le regole civili devono essere le stesse al nord come al sud!

  9. Difatti in Friuli l’allora assessore regionale Luca Ciriani (ora Senatore) aveva ripulito gratitamente, assieme a dei volontari, il greto del fiume Ledra perchè era uno schifo ed è stato denunciato dagli ecologisti. Questo una decina di anni fa, soltanto qualche mese fa è stato assolto.

  10. Sono un EX SINDACALISTA ora in Pensione che ancora SANO di MENTE ha ideata una RIVOLUZIONARIA sintetizzata RIFORMA per rilanciare il Ns. PAESE.
    VISTA le sterili proposte dell’attuale Governo,…a PORRO,…….
    ……CHIEDO semplicemente un minimo di credito per PRENDERNE VISIONE e Valutarne l ‘ applicabilità . GRAZIE !!! ennio sciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *