Commenti all'articolo Quell’accusa di sessismo a senso unico

Torna all'articolo
guest
13 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
gianfranco benetti longhini
gianfranco benetti longhini
21 Luglio 2019, 20:09 20:09

Oggi mattina si discuteva la questione delle autonomie.

Una frase che colpì tutti …….

“Il 5 Stelle non vuole le autonomie, perché questo premiano le regioni EFFICENTI, e per la paura che non sarà disponibile la fonte di risorse per le regioni INEFFICIENTI! Sarebbe come premiare un parassita, invece di togliere le ragioni della loro inefficienza.”

I nostri complimenti a LEI Mr. Porro.

riccardo bordinelli
riccardo bordinelli
21 Luglio 2019, 18:28 18:28

Alfredo Branzabti Grazie per la cazzata…ci mancava…quando si vede la malaparata allora dobbiamo abbassare i toni non mi sembra che verso Salvinbi vengano abbassati i toni…con chi dovremmo abbassarli?

Valter
Valter
21 Luglio 2019, 15:00 15:00

A proposito di magistratura e di politica (solo quella più o meno giacobina) che piangono la scomparsa di Borrelli. Sappiamo la fine che fecero il PSI e Craxi, che se non avesse trovato ospitalità a Tunisi sarebbe morto in Italia, ovviamente in galera. Gli stessi eroici magistrati ci provarono anche con Berlusconi che come Craxi “non poteva non sapere”. Fortunatamente, oltre ad essere premier per consenso popolare, disponeva di una falange di legali che riuscirono a smontare le accuse più inverosimili ma nulla poterono contro un giudice di Cassazione scelto ad hoc, che quanto ad imparzialità faceva impallidire Byron Moreno, il famoso arbitro di Italia-Corea al Mundial del 2002. Berlusconi non fini’ in galera ma lì in pratica fini’ la sua carriera di uomo di governo, F.I. cominciò a sfaldarsi e continua a farlo nonostante la recente riabilitazione politica del suo leader al parlamento europeo che ormai ha più il significato di testimonianza. Borrelli col suo “resistere, resistere, resistere” si atteneva, anche se solo nella forma, al rispetto della separazione dei poteri pur invitando nella sostanza i magistrati ad una lotta contro il governo in carica. Cosa dovremmo dire oggi quando abbiamo sentito la segretaria di M.D. che nella sua relazione ufficiale definisce esplicitamente Salvini come capo di un partito razzista e parafascista contro cui corre l’obbligo di schierarsi ?… Leggi il resto »

montezuma
montezuma
21 Luglio 2019, 14:59 14:59

Borrelli e il pool di mani pulite sono stati i padri di un golpe soft di sinistra. A parte gli esiti attuali, mi sembra difficile negare la gravità di quel che è accaduto.
Il fatto che Salvini sia stato efficace in più di una direttrice e che abbia palesi intenzioni di cambiare la postura internazionale e interna dell’Italia, non può che essere in rotta di collisione con una magistratura che ci vuole prostrati e mediocri.
Il PD sembra parlare mentre si guarda allo specchio. Sempre due pesi e due misure!
Non si parla poco dello scandalo di Bibbiano e Reggio E., NON SE NE PARLA PROPRIO!!

Alfredo Branzanti
Alfredo Branzanti
21 Luglio 2019, 14:58 14:58

E se provassimo tutti ad abbassare i toni ed a moderare i termini (senza dire cominci lui, chiunque sia!) prima che la situazione degeneri?

Rosario Nicoletti
Rosario Nicoletti
21 Luglio 2019, 14:04 14:04

Non posso perdonare a Borrelli di avere affondato, insieme ai suoi pretoriani il DL che depenalizzava il finanziamento ai partiti. Avremmo oggi un Paese con una classe dirigente migliore

La Ripartenza 2023 - 7 e 8 luglio a Bari

SEDUTE SATIRICHE